Blog: http://discutendo.ilcannocchiale.it

Una bella fiducia, e via

                                               

I voti di fiducia del Governo Berlusconi stanno per diventare maggiorenni. Quella chiesta alla Camera domani sul cosiddetto "decreto sicurezza" sarà infatti la 18esima fiducia di questa legislatura: esattamente come quelle richieste dal Governo Prodi. In 20 mesi, però, e non nei 13 mesi di vita (finora) del Governo Berlusconi. Con una maggioranza risicatissima e divisissima, però, e non con una maggioranza amplissima e formata da due soli partiti (PdL e Lega). Eppure ecco quello che dicevano Berlusconi ed il centrodestra, quando erano all'opposizione di Prodi: "Il rischio è quello di esautorare il Parlamento ... la verità è che Prodi dovrebbe scusarsi con gli Italiani" (Berlusconi, 03/08/06), "Se blinderanno anche la Finanziaria, sarà scontro in piazza" (Fini, 03/08/06), e così ogni volta che Prodi chiedeva la fiducia.

Ora invece queste cose non le dicono, le dice l'opposizione, subendosi le critiche di una maggioranza che replica: "se non mettessimo la fiducia, perderemmo del tempo". Quella "perdita di tempo", però, si chiama democrazia, caro Governo. Si chiama possibilità di migliorare, o perlomeno discutere, i provvedimenti del Governo. E poi, quando si è dovuti approvare qualcosa in fretta, come il Lodo Alfano, lo si è potuto fare anche senza fiducia.

E allora, si chieda pure la fiducia. Ma si dica la verità: serve solo ed esclusivamente per coprire le divisioni enormi tra PdL e Lega, o meglio tra quella parte del PdL che ogni tanto alza la testa ed il resto, tali da poter mettere sotto persino una maggioranza di oltre 100 deputati nei confronti dell'opposizione. Si dica che il Parlamento è un'inutile "intralcio", senza tante ipocrisie: tanto, oramai gli Italiani gli consentirebbero questo ed altro.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Pubblicato il 12/5/2009 alle 20.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web