Blog: http://discutendo.ilcannocchiale.it

"Salva-Bancarottieri", l'ennesima norma scandalosa

                                                         

Non bastavano Lodo Alfano e Lodo Consolo. In tempi di crisi economica e fallimenti disastrosi, la maggioranza ha voluto tendere una mano pietosa anche ai manager, salvando dal carcere i bancarottieri: Tanzi, Cragnotti, Geronzi, Cimoli ... insomma, tutti coloro che negli ultimi anni, a cominciare dagli scandali Cirio e Parmalat,  hanno mandato all'aria lavoratori e contribuenti senza scontare niente.

Il tutto grazie ad un emendamento al decreto Alitalia, approvato al Senato il 2 Ottobre e i cui effetti erano stati denunciati da Repubblica e da Report (in onda domenica sera), grazie al quale non saranno più perseguibili per bancarotta non solo i precedenti amministratori di Alitalia (Cimoli in primis), ma soprattutto tutti quelli di altre società dichiarate insolventi ma non fallite (come Cirio e Pamalat).

Fortunatamente Tremonti si è impuntato, dichiarando: "O si ritira l'emendamento, o si ritira il Ministro dell'Economia". E la maggioranza, per bocca del Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito, ha annunciato l'intenzione di ritirare l'emendamento. Vedremo se davvero sarà così, o se in realtà cambieranno solo qualche virgola: anche perchè, come ha dichiarato il segretario PD Veltroni annunciando il contro-emendamento alla Camera, "qualcuno nella maggioranza quella norma deve pur averla presentata". Pensando bene di fare qualche piacere ai suoi amichetti.

P.S. Comunque, guardiamo in positivo: per la prima volta uno dei tanti scandali denunciati dalla Gabanelli in Report ottiene qualche effetto. Resta comunque il fatto scandaloso che per ottenere questo effetto un Ministro deve minacciare le dimissioni ... ma, in attesa di tempi migliori, onore, almeno stavolta, al Ministro Tremonti.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Pubblicato il 9/10/2008 alle 20.37 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web