Blog: http://discutendo.ilcannocchiale.it

Il fumo negli occhi

                                            

Incredibile, ma siamo in emergenza nazionale. Su proposta del Ministro dell'Interno Maroni, infatti, oggi il CdM ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale per l'immigrazione. L'ultima volta era successo per la guerra in Iraq il 28 Marzo 2003. Ovviamente subito si sono scatenate le polemiche, dall'opposizione come da varie organizzazioni.

Tralasciando la deriva discriminatoria di questa e delle altre iniziative del Governo, vorrei solo sottolineare come questo Governo cavalca le paure degli Italiani per nascondere la sua incapacità in tema di sicurezza. Questo provvedimento come gli altri (impronte per i bambini rom et similaria) è pura propaganda, slogan, fumo negli occhi per annebbiare la vista degli Italiani di fronte a contraddizioni come i tagli alle forze dell'ordine. Ma dico io, invece di dichiarare emergenze improbabili, perchè non si fa un bel Cdm d'emergenza per trovare i fondi per le forze dell'ordine? Non è più importante per la sicurezza dei cittadini evitare il taglio di 40mila fra carabinieri e poliziotti?

Maroni si difende dicendo: "Lo stato d'emergenza già c'era e lo firmò pure Prodi". Sì, caro Maroni, ma lo stato d'emergenza non era nazionale, ma limitato a Sicilia, Calabria e Puglia: il motivo è più che evidente, ovvero che quelle regioni sono quelle in cui sbarcano tantissimi clandestini e i Cpt scoppiano, quindi lì sì che c'è emergenza "sovraffollamento". Non mi sembra che i clandestini sbarchino in Lombardia, Piemonte e così via ... L'altra difesa di Maroni è che "gli sbarchi sono 6 volte rispetto allo stesso periodo 2007": beh, caro Maroni, evidentemente "l'effetto deterrente" dei vostri "provvedimenti" non ha funzionato ...  e poi, ripeto, uno stato di emergenza può essere giustificato solo per quei territori dove continuamente sbarcano in massa gli immigrati.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Pubblicato il 25/7/2008 alle 19.59 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web