Blog: http://discutendo.ilcannocchiale.it

Un pò di chiarezza sull'economia Italiana

                  

Nelle ultime settimane si sono rincorse molte voci e notizie sull'economia italiana, culminate con la RUEF, ovvero l'ex "Trimestrale di cassa" pubblicata l'altro ieri (12 Marzo) dal Ministero delle Finanze. Il quadro dipinto dai media è stato un po' confusionale, incompleto e fuorviante, quindi tenterò adesso di mettere un pò di chiarezza.

Crescita del PIL. Il Tesoro conferma le voci sul "dimezzamento" nel 2008 della crescita del PIL (Prodotto Interno Lordo, la ricchezza prodotta dal Paese): non una "crescita zero", come ventilato da qualcuno, ma una crescita dello 0,6% rispetto alle previsioni del +1,5%. Revisione al ribasso comune a tutte le economie estere, compresa quella americana (in cui si prevede addirittura la recessione): questo è dovuto agli effetti della crisi dei mutui americana, ma primariamente agli effetti del caro-petrolio: un aumento così spropositato del prezzo del barile (arrivato oltre i 110 dollari, era intorno ai 55 due anni fa) non poteva non avere effetti sulle economie mondiali, figuriamoci quella italiana (dipendente dagli altri Paesi in fatto di energia). Comunque, la crescita italiana attuale, anche se rivista al ribasso, è sempre migliore di qualche anno fa:

2002 = +0,3%
2003 = 0,0%
2004 = +1,1%
2005 = 0,0%
2006 = +1,5%
2007 = +1,8%
2008 = +0,6% 

Inflazione. L'inflazione, ovvero l'indicatore economico principale per verificare il caro-prezzi, sta viaggiando ad una velocità molto alta negli ultimi 6-7 mesi. A livelli molto più alti di prima. Anche qui, però, l'aumento dell'inflazione è comune a tutta l'Europa. E, anzi, dobbiamo dire che negli ultimi due anni l'inflazione italiana è stata sempre al di sotto della media europea: precedentemente alla metà del 2006, invece, era sempre stata al di sopra della media europea. Nella difficoltà, dunque, dobbiamo ritenerci fortunati rispetto ai nostri colleghi europei: a Febbraio, per esempio, l'inflazione Italiana è stata del +2,9%, quella europea del +3,3%.

Pressione fiscale. Secondo i rapporti ISTAT e la stessa "Trimestrale", la pressione fiscale nel 2007 è salita al 43,3% sul PIL, il massimo dal 1997 (Eurotassa, al 43,7%), anche se il Tesoro ritiene che la pressione "effettiva" sia al 42,5% (per differenti interpretazioni di misure come il TFR, bonus incapienti e pensioni minime). Tuttavia, quella "ufficiale" comunque nel 2008 scenderà al 43,1% (effetto dei primi tagli fiscali previsti nella Finanziaria 2008). Confrontando i dati con il passato, otteniamo:

2002 = 40,7%
2006 = 42,3% (+1,6% periodo 02-06)
2007 = 43,3%
2008 = 43,1% (+0,8% periodo 06-08)

"Tesoretto". Sul tesoretto c'è stata un pò di disinformazione, basata su affermazioni poco chiare del Ministro Padoa Schioppa. Il 12 Febbraio "Repubblica" disse che TPS aveva detto "Non c'è il Tesoretto", mentre in realtà disse semplicemente che per sapere se c'era bisognava aspettare la Trimestrale: parlarndone prima si facevano semplicemente speculazioni elettorali. Nonostante ciò, anche dopo la Trimestrale alcuni media hanno detto che non c'è il tesoretto, maleinterpretando di nuovo le notizie. Infatti, la Trimestrale ha confermato l'esistenza del tesoretto, ma che per saperne l'ammontare dovremo aspettare Giugno: dunque, non dovremo vedere "se" c'è il "tesoretto", ma a "quanto" ammonta. Comunque, le prime stime dello stesso Tesoro prevedono un extragettito ("tesoretto", appunto) di 10,7 miliardi di euro, di cui circa 8 mld derivanti dalla lotta all'evasione fiscale (20 mld recuperati fra 2006 e 2007), il resto dalla maggiore crescita.

Avanzo primario. La differenza fra entrate e spese dello Stato al netto degli interessi sul debito pubblico, ovvero uno degli indicatori più importanti per verificare il risanamento dei conti statali, è una delle notizie più positive. E' infatti arrivato al 3,1% sul PIL, ai massimi dal 2001 (3,2%). Ottimo risultato, soprattutto se confrontato con il passato:

2002 = 2,7%
2003 = 1,7%
2004 = 1,3%
2005 = 0,5%
2006 = 1,3% (periodo 02-06: -1,4%)
2007 = 3,1% (periodo 06-07: +1,8%)

Spesa pubblica. Buone notizie anche dal fronte della spesa pubblica, uno dei macigni più pesanti sui conti dello Stato. Ebbene, dopo anni di vertiginosi aumenti, nel 2007 si è registrata una diminuzione dal 44,7% al 44,1% sul PIL della spesa pubblica al netto degli interessi. Ecco il confronto con il passato:

2002 = 41,9%
2003 = 43,4%
2004 = 43,3%
2005 = 43,9%
2006 = 44,7% (periodo 02-06: +2,8%)
2007 = 44,1% (periodo 06-07: -0,6%).

Debito pubblico e deficit/PIL. Infine, ottime notizie anche sul fronte del debito pubblico, l'altro grande macigno sulle casse dello Stato, sul quale paghiamo miliardi e miliardi di euro l'anno solo di interessi. Il deficit nel 2007 è sceso dal 106,4% al 104% del PIL (ancora meglio delle previsioni) e scenderà al 103% nel 2008. Combinando il debito con la crescita, il rapporto deficit/PIL nel 2007 è sceso all'1,9% dal 4,4% del 2006. Dati che fanno ben sperare, e in effetti la Trimestrale prevede che entro il 2011 si raggiungerà il pareggio di bilancio e che il debito scenderà sotto il 100% del PIL. Motivo per il quale l'Unione Europea chiuderà a fine Aprile la procedura d'infrazione che l'Italia si era guadagnata qualche anno fa per il deficit eccessivo.

Questi dati, combinati con i buoni dati sulla produzione industriale (+0,5% tra inizio 2007 e 2008, +1,3% a Gennaio 2008), sulle esportazioni (+9% nel 2007, +18% a Gennaio 2008, nonostante l'Euro forte) e sulla quota di mercato delle imprese italiane (salita dal 3,4% al 3,7% nel 2007, dopo anni di forti cali) fanno comprendere come l'economia italiana non stia certo peggio di qualche anno fa, anzi.

Pubblicato il 14/3/2008 alle 16.3 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web