.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Previsioni ...
post pubblicato in Diario, il 6 giugno 2009


              

Vediamo se c'azzecco .... spero di no =)

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Perchè voto PD
post pubblicato in Diario, il 5 giugno 2009


                                         

Come tutti saprete, domani e dopodomani si vota per le Elezioni Europee, e in gran parte d'Italia anche per le Comunali e le Provinciali. Tra le dodici liste che si presentano nella mia circoscrizione, l'Italia Meridionale, voterò quella del Partito Democratico.

E' una scelta convinta, perchè il PD è il progetto in cui mi riconosco: una forza di centrosinistra, scevra dalle vecchie ideologie, che prende delle tradizioni che la precedono solo le migliori qualità e che vuole proiettare l'Italia nel futuro, con la sua idea di Paese innovativa in tutti i campi della società, dall'economia all'ambiente, dal lavoro ai diritti; un progetto di innovazione che riguarda anche la politica, cambiando anche il modo di fare politica. D'accordo, questo progetto non si è ancora del tutto realizzato: forse un anno e mezzo è un tempo insufficiente, forse (e soprattutto) le attuali classi dirigenti non sono capaci di portare avanti questo progetto senza divisioni e senza lotte di potere ... però il progetto è giusto e va sostenuto. Per questo, come voto di preferenza, farò una specie di "voto di protesta": voterò solo esponenti della cosiddetta "società civile", che non sono granchè coinvolti nel sistema partitico: in primis Rosaria Capacchione, giornalista del Mattino che vive sotto scorta per le minacce ricevute dai boss per le sue cronache "scomode" di camorra; poi Cinzia De Marzo, specialista in materia comunitaria, e Elvira Matarazzo, avvocato (anche se questi due ultimi nomi sono un po' forzati, in quanto come altri candidati non partitici c'era solo l'imprenditore pugliese Gerardo De Gennaro, ma ho deciso di aiutare la rappresentanza femminile con tre voti "rosa").

D'altronde, non potrei votare, per ovvi motivi, liste di estrema destra come la Fiamma Tricolore e soprattutto Forza Nuova, con i loro messaggi violenti e xenofobi; non potrei votare partiti che rappresentano egoismi territoriali ed interessi localistici come la Lega Nord (che tra l'altro persegue anche politiche xenofobe e spregiative nei confronti del Meridione e dei simboli dell'Italia) o la lista dell'Autonomia (che tra l'altro è anche una accozzaglia senza senso di partiti diversi e distante tra loro; non potrei votare per un "non-partito" come il Popolo delle Libertà, che in tutto e per tutto è rappresentato dalla sola figura di Berlusconi, e che cerca (riuscendoci, almeno per ora) di truffare gli Italiani con una politica demagogica, basata sui sondaggi e non sul bene del Paese; non potrei votare liste che di hanno una concezione di sinistra a tratti idealista e a tratti conservatrice come PCL, Rifondazione o Sinistra e Libertà (anche se quest'ultima è già più vicina alla mia idea di Paese); non potrei votare per l'Italia dei Valori, che pecca come il PDL di troppo personalismo e che basa le sue fortune politiche solo sull'anti-berlusconismo e sull'anti-politica, senza contrapporre un'idea di Paese (e senza, infatti, strappare voti al centrodestra); non potrei votare per l'Unione di Centro, un partito che ha una visione confessionale della politica e che ha troppi legami, come il PDL, con un modo clientelare di gestire la cosa pubblica (se non addirittura colluso, vedasi caso Cuffaro), e che ha fatto la scelta di comodo di stare al centro per barcamenarsi, al momento giusto, con chi conviene a seconda delle convenienze; non potrei votare per il Liberaldemocratici, anche se portano avanti alcuni temi convincenti, perchè è difficile fidarsi di chi prima è stato con Prodi poi con Berlusconi e poi nuovamente contro Berlusconi (il tutto nel giro di pochi mesi); non potrei votare i Radicali, anche se me ne dispiace (perchè sono gli unici a contrapporsi davvero ad un certo modo di fare politica, e gli unici che, complessivamente come partito, in questi anni hanno davvero lavorato come Parlamentari Europei), perchè li trovo troppo estremistici su certi temi, e poi hanno una concezione liberista sull'economia e sullo stato sociale che non condivido ... però mi auguro davvero che ce la facciano a raggiungere il 4%.

E questo solo per fare uno stringato elenco delle motivazioni per cui voto PD e non altre liste (altre motivazioni, per esempio, sono di carattere etico, come la presenza di condannati in lista o di persone ineleggibili). Quanto a voi ... faccio sì un "appello al voto", ma non tanto per il PD (ognuno deve giudicare da sè, l'importante è che voti con la coscienza di quello che sta facendo, e purtroppo per la pessima informazione che abbiamo in Italia difficilmente accadrà per molti Italiani), quanto per il voto in se stesso. Votare è fondamentale, è un diritto per il quale tanti italiani hanno lottato, ed è l'unico strumento che abbiamo per poter cambiare, anche minimamente, le cose in Italia. Non votare vuol dire non avere poi il diritto di lamentarsi. Pensiamoci bene.

Buon voto.

P.S. Per le provinciali di Napoli voterò PD, e soprattutto il prof. Nicolais, scienzato noto nel mondo, come Presidente della Provincia di Napoli. Anche se temo vincerà, senza nemmeno andare al ballottaggio, il candidato del centrodestra Cesaro, una persona che nemmeno sa parlare italiano, senza programmi e soprattutto con ombre sui suoi rapporti con la camorra. Inorridisco al solo pensiero, ma putroppo è la democrazia.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Con pApi si vola ...
post pubblicato in Diario, il 4 giugno 2009


                                                   

L'episodio dei voli di Stato "allegri" del Presidente del Consiglio dovrebbe far riflettere. Niente di paragonabile all'auto-protezione dalla sentenza Mills che l'avrebbe condannato in primo grado per corruzione, ma certamente è una faccenda che altrove (leggasi Gran Bretagna) farebbe indignare.

Perchè c'è da indignarsi quando un Premier nei primi mesi di Governo invece di sbloccare l'Italia pensa a cancellare le restrizioni imposte dal Governo precedente all'uso (o abuso?) dei voli di Stato. E secondo le quali i voli erano limitati a Presidente della Repubblica, del Senato, della Camera, del Consiglio ed ex Presidenti della Repubblica, mentre per i ministri solo se contemporaneamente non c'erano voli di linea utilizzabili, ed in ogni caso solo per motivi istituzionali. Non per scarrozzare veline, sambere e cantastorie ai propri festini privati in villa.

Perchè c'è da indignarsi quando, mentre milioni di famiglie sono in estrema difficoltà, triplica l'utilizzo dei voli di Stato. Tanto che l'Espresso ha coniato l'efficace battuta "con Papi si vola".

Perchè c'è da indignarsi quando, per nascondere questi ed altri misfatti, un Presidente del Consiglio cerca di bloccare la pubblicazione di foto perfettamente pubblicabili, come poi da lui stesso ammesso successivamente, perchè scattate da luoghi pubblici.

Perchè c'è da indignarsi quando contemporaneamente in Gran Bretagna l'opinione pubblica si indigna, la stampa scatena feroci campagne mediatiche, i Partiti intervengono e fanno dimettere Ministri e Parlamentari che facevano pagare ai contribuenti, tra l'altro legalmente, ma con dubbia moralità, cose di pubblica utilità molto discutibile. Mentre in Italia questo non avviene per cose molto più gravi. Anzi.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

Palle, mille palle blu ...
post pubblicato in Diario, il 3 giugno 2009


 

Ieri il premier Berlusconi a Firenze ha dato l'ennesima degna prova di sè. Tra le esilaranti dichiarazioni effettuate, alcune delle quali davvero incredibili, tipo "i rifiuti a Napoli e Palermo sono rifiuti elettorali" (insomma, pur di non ammettere i propri fallimenti, mette in mezzo complotti su complotti ... dopo il complotto mondiale ordito da Murdoch, ormai manca solo il complotto alieno stile X-Files) e "penso a 70mila militari nelle strade" (mi ricorda, a parte Mussolini, queste altre promesse fatte mesi fa dopo gli stupri nella Roma di Alemanno, ovviamente mai realizzate), c'è n'è una particolarmente significativa: "La deterrenza ha funzionato, sono quindici giorni che non sbarca un clandestino sulle nostre coste".

In effetti, a sentire i TG, non si potrebbe dire alcunchè su questa frase. Peccato che il premier sia smentito dai fatti. Come denunciato infatti da "Osservatorio Sicilia" in maniera documentata (cliccando sul link potete verificare), nell'indiferrenza generale, negli ultimi 15 giorni sono sbarcati almeno 300 clandestini. Sardegna, Lampedusa, coste siciliane, Salento, crotonese, persino Ancona ... piccoli sbarchi, ma numerosi. Insomma, dopo la politica dei "respingimenti" adottata dal Governo, gli "scafisti" stanno trovando nuove rotte e nuovi stratagemmi.

Senza dimenticarsi il raddoppio degli arrivi dei clandestini in un anno, avutosi tra questo primo anno di Governo Berlusconi e l'ultimo di Prodi, in barba a tutte le promesse fatte. Ma Berlusconi e la Lega, che tanto ci hanno guadagnato elettoralmente con questa faccenda dei respingimenti, non si preoccupino: tanto queste notizie non vanno in TV e quindi non esistono. Almeno in Italia.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Monarchia o Repubblica?
post pubblicato in Diario, il 2 giugno 2009


                                                  

Festeggiare il 2 Giugno vuol dire ricordare quel giorno di 63 anni fa in cui gli Italiani e, per la prima volta, le Italiane, scelsero di liberarsi della Monarchia e di incamminarsi verso la Repubblica. Festeggiare il 2 Giugno vuol dunque dire riconoscersi nei valori della democrazia e della Costituzione, fondamenti di una Repubblica degna di questo nome.

Eppure, 63 anni dopo, non solo buona parte degli Italiani non sa cosa si festeggia questo giorno, non solo la maggioranza degli Italiani non sa perchè si festeggia questo giorno, ma stiamo assistendo all'impoverimento delle fondamenta stesse di questa giornata, ovvero la volontà di festeggiare. D'altronde, non potrebbe essere altrimenti, in un paese dove l'uguaglianza fra gli uomini è minacciata dalla xenofobia, l'uguaglianza di fronte alla legge è minacciata da norme personalistiche, la libertà religosa è minacciata dall'intolleranza, la parità di genere è minacciata dal disprezzo normativo e sociale verso le donne, il diritto al lavoro è minacciato dal precariato infinito, la laicità dello Stato è minacciata da un ipocrita conservatorismo, la libertà di pensiero è minacciata dall'intolleranza politica e da un mecenatismo perverso, la credibilità delle istituzioni è minacciata dalla corruzione dilagante, il senso dello Stato è minacciato da partiti politici indifferenti alle feste celebrative della Repubblica e della democrazia.  Eccetera eccetera eccetera.

Ma soprattutto la Repubblica è minacciata da una società che non si ribella a tutto questo. Anzi, si è ormai assuefatta ad uno status quo inacettabile per chi si sente davvero "democratico" e vede con sofferenza un Paese che si fa trascinare lentamente nei baratri più profondi. Per carità, non è solo colpa loro: alla società italiana mancano i mezzi per poter liberamente pensare sulla condizione propria e del proprio Paese, grazie ad una vera e libera informazione inesistente o quasi.

Insomma, l'Italia sta diventando sempre di più un Paese pronto per la dittatura. Che il futuro dittatore sia o no uno dei personaggi attualmente in vista è solo un dettaglio: quel che conta è che siamo al termine di un processo involutivo che ci sta facendo tornare indietro di sessant'anni. Tra un po', insomma, saremo chiamati a scegliere nuovamente tra Monarchia e Repubblica: fin quando siamo in tempo, usiamo l'unica arma rimasta. Il voto. "Pensiamoci bene" ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Riporto Report: Il male comune
post pubblicato in Riporto Report, il 1 giugno 2009


                                            

E' Lunedì, dunque torna la rubrica Riporto Report. Questa settimana a Report, l'ottima trasmissione di inchieste giornalistiche della domenica sera di RaiTre, si è parlato della cementificazione senza regole e della sua conseguenza sull'economia sociale e non del Paese (qui il video della puntata, qui la sua trascrizione integrale).

IL MALE COMUNE (di Michele Buono e Piero Riccardi)

In Italia, secondo i dati catastali, quindi senza nemmeno contare tutti gli edifici esistenti ma che sono in abuso, ci sono 8 milioni di abitazioni non occupate (più precisamente 32 milioni di vani). D'altronde, in Italia ogni anno scompaiono centomila ettari di terreno agricolo, pari alla metà della superficie di una media Provincia, perchè si convertono in aree edilizie; e ciò avviene in un contesto normativo molto "lasso", dato che l'ultima legge urbanistica nazionale risale al 1942 e in tantissimi Comuni Italiani i piani regolatori risalgono a decenni fa. Eppure la casa di proprietà, o anche solo un tetto in affitto, è un sogno per milioni di Italiani. E, per tanti altri, è una realtà costosissima, con costi di affitto che incidono più del 30% sul reddito familiare (una soglia oltre la quale far quadrare il bilancio domestico è sempre più difficile). Come mai? E, soprattutto, come sono connesse fra di loro tutte queste cose?

L'analisi di Report comincia da Roma, perfetto esempio di come sono andate le cose in molte città italiane. Qui l'alto costo degli affitti ha fatto sì che ci creasse una forte domanda di nuove case, che si è incontrata con il basso costo dei terreni agricoli che circondavano Roma. Così, in pochi anni l'Urbe è stata circondata da ammassi edilizi. L'assenza di un Piano Regolatore moderno ed efficiente, e la pratica tutta italiana degli "accordi di programma" tra imprese e Comuni (ovvero l'impresa presenta un progetto edilizio su un terreno agricolo al Comune, che se lo approva ottiene in cambio denaro per le casse comunali ed opere infrastrutturali, e poco conta se i terreni nel Piano Regolatore fossero destinati ad altre utilità), ha fatto sì che intorno alla Capitale si creasse un guazzabuglio disordinato di palazzine e centri commerciali, che ha di fatto cancellato i confini netti fra campagna e città cui eravamo abituati. Non solo: poichè da cosa nasce cosa, gli spazi vuoti di questa rete si stanno, sempre disordinatamente, riempendo. E la cosa straordinaria che la popolazione di Roma nel complesso è diminuita, seppur di poco, nel frattempo. Risultato: circa 100mila romani si sono spostati in periferia, a causa dell'alto costo delle case.

Ma che città ne è uscita fuori? Innanzitutto, le nuove periferie sono abitate da una sola classe sociale: quella medio-bassa che, appunto, si è spostata per i motivi già ripetuti. L'assenza di piani regolatori, inoltre, ha fatto sì che le nuove periferie diventassero dei semplici "quartieri dormitorio", senza le strutture necessarie per la vita sociale e per le evenzienze della vita di tutti i giorni, costringendo in ogni caso lavoratori e non a recarsi a Roma centro per lavorare e vivere (e creando un forte disagio sociale, anticamera della diffusione della criminalità, come dimostrano le banlieus Parigine). Ma, sempre per la crescita disordinata e sregolata, tutte queste masse di pendolari hanno generato un forte traffico per le vie d'accesso alla Città, ideate per un volume di traffico ben diverso da quello attuale; e, così, moltissimi pendolari sono costretti ad una vita d'inferno, uscendo di casa alle 5 del mattino per ritirarsi alle 10 inoltrate. Senza considerare gli innumerevoli danni ambientali che crea questa situazione: è stato calcolato che per compensare tutte le emissioni di CO2 in più, dovute ad un kilometro percorso in più al giorno per mezzo dell'espansione lineare delle città, ci vorrebbe per il solo Veneto un bosco di 60mila ettari l'anno: bosco che ovviamente non esiste. Per non parlare dei costi aggiuntivi per lo Stato, dato che realizzare e gestire una rete di servizi (elettricità, acqua, poste, eccetera) per superfici ampie e poco densamente abitate è certamente più costoso. Eppure questo non avviene in altri Paesi, dove la tutela della vivibilità delle città è più forte dei grandi interessi economici.

Ma questo nella "migliore" delle ipotesi ... La grande espansione edilizia di questi anni, infatti, non è dovuta solo al meccanismo della domanda-offerta, ma anche a quello della speculazione edilizia. Ancora una volta l'assenza di un Piano Regolatore ha fatto sì che tante imprese, con gli accordi di programma, costruissero palazzine su terreni a basso costo ... poi, se le vendevano, benissimo, se non le vendevano, bene lo stesso, tanto comunque il valore immobiliare c'è e lo si può far fruttare tramite le banche. Insomma, quando va male, campano di rendita. E' uno dei tanti meccanismi speculativi, sganciati dalle reali esigenze della comunità, che sono alla base dell'attuale crisi finanziaria.

E la cosa paradossale è che centinaia di migliaia di famiglie non hanno ancora una casa, o perlomeno un tetto dignitoso in affitto. Queste famiglie infatti non possono nemmeno permettersi una casa delle nuove "campagne-città": a loro dovrebbe provvedere lo Stato. Che, però, anche per gli effetti del sistema edilizio che, come detto prima, in fin dei conti non si regge in piedi (per lo Stato, mentre per i palazzinari sì, eccome), non investe più, perchè non ha soldi, in edilizia popolare. Arrivando addirittura a strappare le case alla povera gente, come accaduto nel 2001 con le "cartolarizzazioni" volute dal Ministro Tremonti. Mentre nel resto d'Europa si creano ogni anno migliaia e migliaia di nuove abitazioni popolari, e in Stati come la Germania si garantisce a tutti i cittadini un contributo sociale per l'affitto.

IL MIO COMMENTO: Che dire ... questa puntata di Report è la dimostrazione di come, nell'edilizia così come in ogni campo della società, l'assenza di regole e di una visione globale, sociale e di prospettiva futura impedisca lo sviluppo del Paese. Occorrerebbe immediatamente un Piano Regolatore Nazionale, da far rispettare uniformemente nel Paese e soprattutto immodificabile o quasi da accordi di programma sempre più spesso scellerati. Ma soprattutto una nuova cultura della gestione della cosa pubblica che anteponga l'interesse delle nuove generazioni a quello dell'immediato interesse di pochi.

Altre rubriche: "L'emendamento" questa settimana ha esaminato tre provvedimenti del Governo, che hanno cancellato altrettanti provvedimenti virtuosi del Governo Prodi in materia di risparmio energetico (no video, ma qui testo); la "Goodnews" della settimana parla invece di velocizzazione e risparmio nella macchina giudiziaria, tramite la digitalizzazione degli archivi (no video, ma qui testo).

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia maggio   <<  1 | 2 | 3  >>   luglio
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca