.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Riporto Report: Poveri noi!
post pubblicato in Riporto Report, il 6 aprile 2009


                                                        

Come ogni Lunedì, il post odierno di "Discutendo", nell'ambito della rubrica "Riporto Report", è dedicato alla puntata di Report, l'ottima trasmissione di inchieste giornalistiche condotta da Milena Gabanelli ogni domenica sera su RaiTre (che consiglio sempre di vedere: qui il video della puntata, qui il testo della trascrizione della puntata). Stavolta si parla di povertà, e dei vari meccanismi messi in campo dal Governo per scongiurarla, a cominciare dall'arcinota "social card".

POVERI NOI! (di Giovanna Boursier)

La "carta acquisti", meglio nota come social card, è una carta di credito come tutte le altre, con la differenza che è caricata dallo Stato: 80 euro ogni due mesi e vale un anno. Per finanziarla, il Ministro Tremonti aveva effettuato la famosa "Robin Hood Tax", che dove togliere ai ricchi (banche e petrolieri) per dare ai poveri. Solo che la "grande lungimiranza" di Tremonti, che ripete e ripete che aveva previsto tutto della crisi, gli ha fatto fare i conti sbagliati: dice che porterà alle casse statali 4 miliardi, ma nel frattempo il prezzo del petrolio è crollato, e le banche sono in crisi. Poi, la tassa scade a Giugno, e pochi hanno già pagato, anche perchè stanno cercando di farla scaricare sui costi degli utenti: per evitare ciò il Governo ha chiesto le verifiche sugli incassi, ma le società fanno il possibile per rallentare il processo. E così alla fine la social card è stata finanziata, come altre cose, con i miliardari tagli al bilancio statale che hanno provocato le ben note proposte. Tra cui anche l'utilizzo dei soldi dei "conti dormienti", cioè i conti correnti non mobilitati da almeno 10 anni, che però dovevano essere destinati alle vittime dei vari crack finanziari (Cirio, Parmalat, eccetera).

Intanto però milioni di Italiani sono stati mobilitati in speranza di poter ottenere questa card. Hanno dovuto fare una trafila lunghissima e complicata, per via di "incomprensioni" fra Ministero, Poste e Caf, ma anche per colpa dei criteri per ottenerla, che Tremonti aveva estremamente semplificato, illudendo tante persone che invece per cavilli vari non l'hanno ottenuta. E così moltissimi di loro si sono ritrovati con la delusione di non avere la card, o l'umiliazione di avere una card "scarica" (di cui magari si sono accorti alla cassa, rimanendo senza di che pagare). Tanto che, delle 1.300.000 previste, solo 517mila sono state consegnate (700mila richieste). Due sono le cose: o siamo meno poveri del previsto, oppure si sono dati criteri molto stretti pur annunciando grandi aiuti: insomma, grande propaganda con risorse limitate. E, inoltre, anche poterle usare, queste cards, è un'odissea: pochi gli esercizi commerciali che la accettano, e non sempre fanno lo sconto del 5% (a volte il 3%).

Ma quando c'è costato il sistema delle "social card"? Ben 21 milioni di euro, fra produzione delle carte, spedizione delle lettere ai possibili beneficiari, spese dei Caf per la compilazione dei moduli, call-center per le informazioni, pubblicità dell'operazione e preparazione degli addetti. Almeno stando ai calcoli effettuati da Report chiedendo ai soggetti della catena, dato che Tremonti non ha ancora fornito dati ufficiali.

Ma Tremonti aveva anche promesso altre misure, già annunciate. Tra queste il "bonus latte": i detentori di social card dovevano anche poter ricevere rimborsi su latte artificiale e pannolini, ma ai farmacisti non è arrivata alcuna direttiva, e i fondi devono ancora arrivare (se arriveranno). Poi c'è il "bonus elettrico", che dovrebbe dare alle famiglie più povere uno sconto del 20% sulle bollette di luce e gas, per un costo complessivo di 450 milioni annui: peccato che non verranno stanziati dallo Stato, ma pagati per il 19% dalle altre famiglie consumatrici, e per l'81% dagli altri consumatori "non famiglie" (industrie, ecc.). C'è poi il "bonus famiglia", ovvero qualche centinaio di euro, fino a mille, destinate a famiglie ritenute "povere", per un tetto di spesa di 2 miliardi e 400 milioni. Ma i criteri sono anche qui così contorti e rigidi che, come per la social card, si stenta a credere che si spenderà questa cifra.

Uno potrebbe dire: meglio questo, che niente. Ma perchè non cercare di trovare un'alternativa più di "sistema" e meno spezzettata e "una tantum"? In Europa la soluzione c'è già: si chiama "reddito minimo di cittadinanza", ovvero lo Stato garantisce ad ogni cittadino, disoccupato o non autosufficiente, il minimo per vivere.  Su 27 paesi della UE, solo Italia e Grecia non ce l'hanno. E, se pensiamo a tutti i soldi buttati nell'operazione Alitalia, nel taglio dell'ICI ai ricchi, eccetera, più i soldi investiti in tutti questi "bonus e bonusarielli", avremmo potuto benissimo finanziare un'operazione del genere: un qualcosa che sarebbe rimasta, non un una tantum, perchè dobbiamo già pensare oltre la crisi.

E, a proposito di "oltre la crisi", anche se non strettamente legato ai problemi della povertà, uno dei problemi attuali è riattivare il credito delle banche. Tra le tante imprese in crisi, infatti, ci sono anche imprese che vorrebbero investire, ma non possono, perchè hanno bisogno di prestiti, che le banche non vogliono però dare perchè sono in difficoltà. Così Tremonti s'è inventato i "Tremonti bond", ovvero lo Stato dà i soldi alle banche, ma questi devono essere finalizzati a metterli in circolo. E se si prendono i soldi senza metterli in circolo? Beh, in effetti non c'è nessuna garanzia: nemmeno i prefetti messi a "guardia" delle banche, perchè in realtà nessuno può costringere le banche a farlo.

E, sempre parlando di "oltre la crisi", andrebbero ripensate le regole. O meglio immesse, dato che non ci sono. E il Ministro Tremonti, che oggi si riempie la bocca con la richiesta di nuove regole, dovrebbe ricordarsi che fu lui stesso nel 2001 a incentivare l'utilizzo della cosiddetta "finanza creativa" (tra cui i derivati), che fu lui stesso nel precedente Governo Berlusconi a cancellare il falso in bilancio. Ma Tremonti cerca di evitare di rispondere, e rimanda tutto ad una "legge sul risparmio" che verrà a breve. Si spera.

IL MIO COMMENTO: Che c'è da dire ... è evidente che il Governo non ha fatto nulla di sistematico per affrontare la crisi, ma solo misure una tantum, farraginose e scriteriate. Certo, sempre meglio di niente, ma la gravità della crisi richiede ben altro impegno, ben altri sistemi e ben altre misure.

Altre Rubriche: "L'emendamento" di oggi riguarda un'altro argomento scottante, che tra l'altro Discutendo ha già affrontato più volte: il tetto sugli stipendi d'oro dei manager pubblici, introdotto dal Governo Prodi e cancellato da Berlusconi (qui il video, qui il testo). La "Goodnews" della settimana riguarda invece la Provincia di Milano, e il suo innovativo sistema per aiutare le imprese (qui il video, qui il testo).

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Paradisi terreni
post pubblicato in Diario, il 5 aprile 2009


                                                   

A quanto pare l'economia mondiale finalmente sta decidendo qualcosa di concreto per evitare nuove crisi. E' stata infatti stilata la "black-list" dei "paradisi fiscali", ovvero di quei Paesi, di solito piccoli Stati che si sostentano solo o quasi di queste cose, che con il loro sistema finanziario e bancario "particolare" permettono il "segreto bancario", e quindi permettono a migliaia di soggetti di sfuggire al fisco (evasione fiscale) o di nascondere "soldi sporchi" (mafia in primis), oppure vari strataggemmi per guadagnare/risparmiare soldi illegalmente o comunque al limite della legalità. Si calcola che il giro d'affari dei paradisi fiscali nel mondo sia di circa 1800 miliardi di dollari l'anno, di cui il 40% provenienti dalla criminalità organizzata, il 45% da "pianificazione fiscale" (cioè l'evasione fiscale), il 15% da corruzione e saccheggi politici, gestiti da 680mila società offshore, 1.200.000 trust e 10.000 banche. Per capire come funzioni questo meccanismo, è molto utile il video qui riportato di "Exit", la trasmissione di La7 condotta da Ilaria D'Amico, che recentemente ha affrontato la questione.

Uno degli Stati della black-list è molto vicino a noi: è la Repubblica di San Marino, pochi km quadrati incatastonati fra la Romagna e le Marche, ma che contengono 13 banche con 60 filiali e 58 miliardi, per un totale di 12.5 miliardi di euro. Un puntino nel mare, certo, ma se teniamo conto del fatto che di quei soldi la quasi totalità è italiana, capiamo bene come sia importante per il nostro Paese sapere che San Marino sta finalmente per riportare il suo sistema finanziario alla "legalità". Sembra proprio che il meccanismo della black-list deciso dal G20 stia mettendo paura, e San Marino, che già stava riflettendo sul da farsi, pare proprio che si sia decisa. Anche per non danneggiare "l'altro" sistema produttivo del Paese, quello "reale", "concreto", che c'è ed è anche importante.

Speriamo che San Marino davvero avvii la legalizzazione del suo sistema finanziario, e che a ruota ciò avvenga in tutto il mondo. Putroppo ho poca fiducia che ciò avvenga, e allora, poichè il sistema dei "paradisi fiscali" fa perdere agli Stati "corretti" miliardi e miliardi di euro, e che la mancanza di regole nel mondo della finanza è alla base di questa crisi, oltre a stilare "liste nere", bisognerebbe fare di più. Bisognerebbe che gli Stati corretti interrompessero ogni relazione economica con questi Paesi fin quando non aboliranno il segreto bancario. Certo, ci sarebbe prima bisogno che i Paesi "corretti" fossero liberi da ogni condizionamento da parte dei soggetti "interessati" che il sistema dei paradisi continui a vivere (mafia, imprenditoria scorretta, singoli soggetti), ma questo è un altro discorso ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it
I veri sordi
post pubblicato in Diario, il 4 aprile 2009


                                             

Oggi una marea di persone ha manifestato al Circo Massimo contro le politiche economiche e sociali del Governo
. Che siano 2 milioni o 200mila, poco conta: conta che tantissime persone quest'oggi hanno affrontato la fatica di un viaggio ed hanno riempito una piazza enorme come il Circo Massimo, perchè sono scontenti di come questo Governo sta facendo finta di affrontare i problemi di milioni di Italiani che della crisi non sono responsabili ma ne stanno pagando le maggiori conseguenze.

Poi si possono fare tutte le dietrologie, tutte le critiche, tutte le dichiarazioni che si vuole. Ma dire che i manifestanti sono "sordi", perchè il Governo ha già fatto quel che loro chiedono, oppure perchè non vogliono capire che non si possono fare le cose che chiedono (e il bello è che queste due frasi, palesemente contrastanti, sono dette all'interno dello stesso Governo), è il più grande errore che un Presidente del Consiglio possa fare. Certo, sarebbe meglio se il sindacato fosse unitario. Certo, sarebbe meglio se dalla grande manifestazione di oggi fossero uscite più proposte concrete, oltre alle legittime proteste. Ma minimizzare la manifestazione odierna ad una "scampagnata", no. Non lo può fare un Governo che come manovra anti-crisi ha stanziato appena 4 miliardi (!). Non può farlo un Governo che si arrangia, magari con un po' di provvedimenti spot, senza puntare ad un nuovo Paese, ad una nuova gestione economica-sociale-politica che traghetti l'Italia nel futuro. Non può farlo un Governo che ha tagliato miliardi a destra e a manca (e senza criteri validi), e contemporaneamente non taglia i propri privilegi e dei privilegiati italiani, non tassa le alte rendite, non lotta sull'evasione fiscale, elimina i tetti agli stipendi d'oro, eccetera eccetera. Non può farlo un Governo che favorisce il precariato a vita e l'insicurezza sui posti di lavoro, eliminando i buoni provvedimenti, pur non sufficientemente forti, del precedente Governo. Non può farlo.

E soprattutto non può, nemmeno scherzosamente, "tirare un tavolo in testa" a chi ti chiede un tavolo sindacato-Governo per dialogare per il bene del Paese.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

La politica e le potenzialità di Internet
post pubblicato in Diario, il 3 aprile 2009


                                                   

Tra i nominativi dei candidati alle Elezioni Europee che stanno circolando in questi giorni, non senza scatenare perplessità, dibattiti ed entusiasmi, figura anche un nominativo di una persona che nessuno si sarebbe aspettato fino a qualche settimana fa: ovvero quello di Debora Serracchiani, che sarà candidata per il Partito Democratico.

Chi è Debora? E' la giovane coordinatrice del circolo PD di Udine. Ma il suo nome è diventato famoso nella Rete dopo che il 21 Marzo, all'Assemblea dei Circoli PD, si è resa protagonista di un appassionato intervento, nel quale "ha dimostrato grande energia, qualità e competenza", come spiegato dal segretario Franceschini, che è stato anche oggetto di una critica garbata ma diretta e senza peli sulla lingua nello stesso discorso. Discorso che fin dal giorno dopo ha cominciato a girare su Internet, guadagnandosi grande visibilità, anche sulle testate giornalistiche nazionali. E così Franceschini ha deciso di candidarla, dando così spazio ad una candidatura che "non arriva dall'alto, ma sta emergendo dai circoli e dal territorio".

La vicenda di Debora è la dimostrazione più palese delle grandi potenzialità che può dare Internet a chi vuole fare Politica, quella con la "P" maiuscola. Fino ad oggi per avere successo in Politica è molto più facile perseguire vie come la compravendita di voti, il clientelismo, parentele illustri, tutela di interessi forti, eccetera. Mentre il politico che vive di sola competenza, passione, idee, qualità, correttezza, è difficile che riesca ad imporsi ai livelli che meriterebbe. Ed oggi è ancora così, e probabilmente lo sarà ancora per molto tempo. Però oggi c'è Internet, che con tutte le sue meraviglie ti consente di raggiungere milioni di persone in pochissimo tempo (basti pensare a Facebook), condividendo con loro le tue idee, la tua voglia di fare (bene), la tua passione. E così ti consente di convincere tante persone che altrimenti nella migliore delle idee non parteciperebbe, e nella peggiore voterebbe, più o meno consapevolmente, all'interno di quei meccanismi "vecchi" della politica descritta prima.

Certo, c'è sempre bisogno di partiti "aperti" all'innovazione, in grado di ascoltare la novità. E se c'è una cosa negativa nella faccenda di Debora, infatti, è che comunque la sua candidatura è comunque una "concessione" dei vertici. Vertici evidentemente illuminati, o che comunque hanno avuto un lampo di illuminazione ... ma pur sempre una candidatura "concessa". Ma, comunque, se perlomeno i partiti ti offrono una via, magari molto difficile, ma comunque possibile, si può fare anche a meno delle "concessioni". A cosa mi riferisco? Alle Primarie, per esempio. Gli invidiosi e i criticoni diranno che le Primarie in realtà sono solo strumenti di "legittimazione popolare" di candidature imposte comunque dall'alto. E probabilmente, nella maggior parte dei casi, è stato così: ma non sempre, come dimostrato da vari esempi in tutti Italia, uno su tutti l'inaspettata vittoria di Matteo Renzi a Firenze. Questo perchè con le Primarie, in ogni caso, viene data la possibilità all'elettorato di non accettare le candidature. Sta poi all'elettorato partecipare in massa per sfruttare questa possibilità, ed ai candidati "non di apparato" a fare quanto in loro possibilità per invogliare la partecipazione. A cominciare da Internet, ma ovviamente senza dimenticare che la politica è soprattutto contatto diretto, "occhi negli occhi".

Sarebbe bello che questo accaddesse sempre di più spesso in futuro. Nel prossimo futuro. Magari cominciando proprio da Ottobre, quando si deciderà il destino di quello che attualmente è il secondo partito d'Italia, il PD. E si deciderà attraverso Primarie. Un candidato, magari sconosciuto, ma comunque fuori da logiche politiche vecchie, e con le giuste idee, competenze, passione civica, e che riesca ad imporsi, magari anche grazie ad Internet, è solo un sogno?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Grillusconi?
post pubblicato in Diario, il 2 aprile 2009


     

Ieri sera ad "Exit", su La7, doveva andare in onda un "grande evento" televisivo: il ritorno di Beppe Grillo in diretta TV, dopo anni di silenzio (o forse sarebbe meglio dire censura?). Al massimo ha avuto spazio in trasmissioni come Matrix e soprattutto AnnoZero, ma solo come registrazione dei suoi "comizi" in occasione di V-Day e similari.

Però non è cambiato niente, è come se fosse andata in onda una cassetta registrata, perchè Grillo ha rifiutato il contraddittorio. Nonostante avesse garantito alla conduttrice Ilaria d'Amico che avrebbe accettato il contronto con gli ospiti in studio, Beppe Grillo ha solo fatto un monologo di una ventina di minuti, dicendo cose per carità giuste, altre meno giuste, altre probabilmente sbagliate, ma comunque messe insieme tutte alla rinfusa, grossolanamente e confusionariamente, cosìcchè lo spettatore a casa avrà avuto molta difficoltà a comprendere il messaggio di Grillo. Inoltre, rifiutare il contraddittorio, travalicando anche il diritto altrui a parlare (addirittura lamentandosi che Tabacci non lo faceva parlare, mentre invece accadeva l'esatto contrario), avrà aggravato la sua posizione nei confronti del pubblico. Per non parlare del suo stile "comico", come d'altronde è, ma che è più volte sfociato nel ridicolo, che avrà reso lui e le cose che ha detto ancora meno affidabile agli occhi di chi non lo conosce. Mentre invece un libero confronto avrebbe non solo potuto rendere più comprensibile il messaggio di Grillo, ma avrebbe anche permesso a Grillo di mettere in difficoltà i "signori della politica" presenti in studio, se le sue idee erano davvero così giuste come dice (e, ripeto, come in buona parte sono).

Si dirà che Grillo è un comico, non un politico: certo, ma fa politica, quello che ha detto erano messaggi politici (il programma delle sue liste civiche) ed è stato invitato in una trasmissione politica, dove politici e non si confrontano su temi dell'attualità politica. Senza fare "passerelle", monologhi insomma.

E allora, come ha detto l'on. Tabacci ieri in studio, Grillo ieri sera ha semplicemente fatto la "figura del Berlusconi": protagonismo, assolutismo, so-tutto-io, criminalizzazione degli altri, rifiuto del confronto, eccetera. Il che non è certo il massimo per chi (giustamente) attacca Berlusconi per queste ed altre cose.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

P.S. Da oggi "Discutendo" è anche su Facebook: aggiungilo come amico cliccando sul simbolo di Facebook qui sotto, oppure a questo link, oppure cercando il profilo "Discutendo Il-Blog". Così, per chi di voi usa Facebook, sarà più facile ed immediato seguire il blog, e magari condividerlo con gli altri, se vi piacciono queste quattro cose che scrivo ...

                                                                                

Fatebenefratelli?
post pubblicato in Diario, il 1 aprile 2009


                                                     

La cautela è d'obbligo. Però la faccenda che è emersa ieri sulle pagine di Repubblica dell'ivoriana clandestina denunciata dopo il parto all'ospedale "Fatebenefratelli" di Napoli fa rabbrividire.

Non so se l'episodio sia una diretta conseguenza della legge sui "medici-spia" che il Governo sta portando avanti. Ma comunque pensare che in un Ospedale italiano si possa denunciare una partoriente perchè clandestina, richiamandosi ad interpretazioni della legge che dire forzate è dir poco, e contemporaneamente pensare che in Italia tantissimi neonati fanno una brutta fine perchè le loro madri clandestine hanno paura di recarsi in Ospedale, fa subito rendere conto dell'irrazionalità, oltre che dell'intollerabilità di questo clima di intolleranza ed insofferenza verso "l'altro". Oltre alla civiltà e ai diritti umani più elementari, sono a rischio anche salute e diritto alla vita: e fa pensare amaro che i tanti "paladini della vita" che strumentalmente hanno sfruttato il caso Eluana siano tra i fautori di questo clima di intolleranza che porterà morte a tanti immigrati e loro neonati.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia marzo   <<  1 | 2 | 3  >>   maggio
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca