.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Lavoro o morte
post pubblicato in Diario, il 7 agosto 2011


Inquinamento atmosferico, getto e sversamento di sostanze pericolose, danneggiamento aggravato di beni pubblici, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, avvelenamento di sostanze alimentari, disastro colposo e doloso: questi i reati per i quali la Procura ha chiesto il sequestro dell'impianto ILVA di Taranto, ex Italsider, l'enorme impianto siderurgico che da solo dà lavoro lavoro a 11.500 persone e produce il 70% del PIL della provincia.

Non c'è certo da meravigliarsene, visto che è da anni che si denuncia l'enorme impatto ambientale delle acciaierie ex Italsider, tanto che nel 2002 si chiusero gli impianti di Genova proprio per le conseguenze sulla salute degli abitanti del quartiere di Comigliano; a Napoli (Bagnoli, dove gli impianti furono chiusi negli anni '80) la bonifica delle aree degli impianti si trascina ormai da due decenni, tuttora non risolta definitivamente. Mentre a Taranto è risaputo che i bambini del quartiere Tamburi ormai giocano tra la polvere di ferro, che rosseggia le loro abitazioni, le loro strade, i loro polmoni; per non parlare delle diossine,  tanto che la stessa ILVA ammette di produrre il 21% delle diossina che inquina l'Italia (e in realtà le cifre dovrebbero essere molto più alte, circa il doppio, come denunciato dai dati dell'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale).

Con conseguenze devastanti, ovviamente, per i lavoratori stessi dell'impianto, oltre che per gli abitanti del posto. Eppure una politica becera ed un sindacato malato continuano a difendere strenuamente l'ILVA di Taranto "perchè altrimenti butteremmo per strada undicimila famiglie". Un ricatto "salute o lavoro" che tanto richiama i ricatti "diritti o lavoro" che ormai da diverso tempo sentiamo pronunciare  e difendere, da gran parte degli stessi lavoratori e soprattutto delle classe dirigenti, a Pomigliano, a Mirafiori, a Porto Tolle, ovvero ovunque c'è chi pensa di coniugare la sfida della crisi economica con meno diritti e non con una reale innovazione del sistema di produzione. Compreso buona fetta della sinistra italiana, compreso quella che dovrebbe essere la più attenta a certe tematiche, se è vero com'è vero che anche uno come Vendola alle belle parole delle sue campagne elettorali, in cui proprio in risposta ai quei "bambini di Taranto" prometteva la chiusura dell'ILVA perchè "il popolo pugliese non è più disposto a farsi ricattare nel nome dell'occupazione", consegue ripetendo gli stessi mantra della malaimprenditoria, della malapolitica, del malsindacato ("e 15mila lavoratori dove li metto?", oppure "e dove li trovo 4 miliardi per la bonifica?"), perchè evidentemente a tutti, in fondo, fa comodo il sostegno di questi apparati, o comunque manca il coraggio per indicare e predisporre strade diverse.

Qualcuno dirà: parli facile tu, che sei uno studente di media borghesia che non deve portare avanti una famiglia. Certo, infatti non mi permetterei mai di dire ad un lavoratore dell'ILVA cosa dovrebbe fare, se rinunciare o meno al suo lavoro per la saluta propria e della collettività. Non spetta ai lavoratori risolvere questi problemi, ma alle classi dirigenti, che dovrebbero ragionare in maniera indipendente dagli interessi di parte (siano quelli degli imprenditori, siano quelli dei lavoratori) e guardare agli interessi della collettività. E' infatti alle classi dirigenti che chiedo: quanto ancora siamo disposti ad accettare il ricatto del lavoro contrapposto ai diritti, fino a che livelli di devastazione ambientale e dei diritti dei lavoratori dovremo arrivare prima di accorgerci che la strada migliore, più produttiva oltre che compatibile con un Paese moderno, civile e democratico è quella della conversione verso nuove produzioni, di tipo intellettuale (es. ricerca, patrimonio culturale), specialistico (es. produzione di prodotti di alta qualità), innovativo (es. energie rinnovabili), produzioni sulle quali non abbiamo rivali e che rappresentano l'unico vero mercato in cui possiamo sfondare? Oppure vogliamo inseguire la Cina e il suo modello inquinante, devastante, degradante e antidemocratico di sviluppo, in una folle concorrenza al ribasso che ci vedrà comunque soccombere per evidente disparità di mezzi?

In un celeberrimo discorso del 1968 il presidente americano Kennedy pronunciava queste parole:

Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow-Jones, nè i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo.  

Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.

Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o l'onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi.

Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani.

Non ho mai trovato parole più sensate  e  "realiste" di queste.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Piano per il Sud: sottratti oltre 20 miliardi di €
post pubblicato in Diario, il 4 agosto 2011


Il Governo sblocca 7,3 miliardi di euro per interventi strategici infrastrutturali nel Meridione: è il "Piano per il Sud", per la felicità della macchina propagandistica berlusconiana, grazie anche alla complicità dei governatori del centrosinistra come Vendola che non esista ad esultare e ad elogiare il nemico di sempre, ovvero il Ministro degli Affari Regionali, Raffaele Fitto.

Ma cosa c'è dietro? Innanzitutto non si tratta di "nuovi" fondi, ma di parte dei 64,3 miliardi di euro stanziati dall'allora governo Prodi nell'ambito del fondo FAS, ovvero il Fondo per le Aree Sottoutilizzate che comprendeva sostanzialmente i fondi europei per lo sviluppo delle aree disagiate (nel caso dell'Italia, il Meridione) e risorse aggiuntive statali. Ben altra cosa rispetto ai 7,3 miliardi sbloccati adesso dal CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), insomma: il fatto è che non appena al governo è arrivato Berlusconi è partito il "saccheggio" dei fondi FAS, destinati a ben altri scopi che non lo sviluppo infrastrutturale del Meridione, come ben riassunto dall'inchiesta "Scippo al Sud" de L'Espresso:

- 0,963 mld per interventi vari tra cui il finanziamento delle aziende viticole del sottosegretario al CIPE, Miccichè;

- 0,150 mld per l'acquisto di velivoli antincendio;

- 0,935 mld per la proroga della rottamazione dei frigoriferi;

- 0,450 mld per l'emergenza rifiuti in Campania;

- 0,640 mld per coprire i disavanzi dei comuni "amici" di Roma e Catania;

- 1,309 mld per la copertura degli oneri del Servizio Sanitario Nazionale;

- 0,055 mld per i terremotati di Umbria e Marche;

- 0,063 mld per l'assunzione dei ricercatori universitari;

- 0,150 mld per il G8 in Sardegna poi spostato a L'Aquila;

- 0,050 mld per l'alluvione in Val d'Aosta e Piemonte;

- 0,050 mld per la copertura dell'abolizione dell'ICI;

- 4,000 mld per il fondo per la cassaintegrazione;

- 9,000 mld per il "fondo di sostegno all'economia reale" (di cui 4,000 mld per il terremoto in Abruzzo, ma anche 0.335 mld per l'inceneritore di Acerra, 0.400 mld per le vittime di frodi finanziarie, ecc.)

- 0,900 mld per l'adeguamento dei prezzi dei materali da costruzione;

- 0,390 mld per la privatizzazione della Tirrenia;

- 0,200 mld per l'edilizia carceraria in Emilia, Veneto, Liguria;

- 1,300 mld per la società "Ponte sullo Stretto s.p.a." (non per la realizzazione del Ponte, ma unicamente per consentirle di cominciare a funzionare come società!);

- 0,451 mld per l'EXPO di Milano;

- 0,110 mld per le metropolitane di Parma, Brescia, Bologna, Torino;

- ecc. ecc. ecc.

Insomma, il tutto per uno scippo complessivo di oltre 20 miliardi di euro alllo sviluppo del Sud. Finora. E qui al Sud dovremmo entusiasmarci perchè ci hanno sbloccato 7,3 miliardi di euro di NOSTRI soldi e con ben 4 anni di ritardo?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfiduciatelo
post pubblicato in Diario, il 26 settembre 2010


                                             

'Sta semmana ancora adda passà. E siamo a tre settimane dall'annuncio. Oltre che al 145° giorno senza Ministro dello Sviluppo Economico, come ricorda il contatore di Repubblica.it che ho inserito sul blog.

A questo punto, si presenti questa benedetta mozione di sfiducia a Silvio Berlusconi come ministro ad interim dello Sviluppo Economico: sfido che persino davanti a questo si ostini a non nominare il Ministro e continuare a prendere per i fondelli Napolitano. Che, comunque, farebbe bene a battere i pugni ogni tanto, specialmente quando viene stuprata la dignità di un Paese e delle sue istituzioni.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

I giacimenti del futuro
post pubblicato in Diario, il 16 settembre 2010


                                          

Secondo Ecoblog la svolta nuclearista di Angela Merkel, unita a difficoltà geopolitiche nel bacino del Sahara, rischia di far saltare il "progetto Desertec", ovvero quella joint-venture nata nel 2009 tra grandi imprese europee del settore energetico e tecnologico che punta alla realizzazione di impianti per lo sfruttamento dell'energia solare nel deserto del Sahara, con investimenti per 400 miliardi di euro, per soddisfare il 15% del fabbisogno energetico europeo e buona parte di quello dei Paesi produttori.

Sarebbe un vero peccato. Progetti come questi non andrebbero rallentati, ma accelerati. Anzi, c'è da arrabbiarsi per il fatto che non siano già realizzati: questo è il futuro dell'energia, altro che nucleare. Pulita, senza le scorie,  senza i pericoli, senza i costi di materie prime, senza i conflitti con le popolazioni, senza l'impatto ambientale che causano tutte le altre fonti di energia.

E se magari ci impegnassimo anche noi in questa sfida, anzichè inseguire impossibili vaneggiamenti nucleari, non sarebbe affatto male.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Adda passà a semmana
post pubblicato in Diario, il 11 settembre 2010


                                         

Che strano, credevo che le settimane in politica finissero il Venerdì, o al massimo di Sabato.

Certo che 'ste settimane berlusconiane sono proprio lunghe. Avranno modificato il calendario.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Infiniterim
post pubblicato in Diario, il 11 agosto 2010


                                       

"Nominerò il Ministro dello Sviluppo economico entro la prossima settimana". Queste le parole che Silvio Berlusconi, richiamato dal Presidente Napolitano, aveva pronunciato il 23 Luglio scorso. Di settimane ne sono passate quasi tre, nel frattempo, e Berlusconi conserva ancora l'interim al Ministero che fu di Scajola, costretto alle dimissioni il 4 maggio scorso dallo scandalo della casa compratagli "a sua insaputa".

Ormai più di tre mesi fa. Mesi durante i quali continua ad imperversare la crisi economica, ed è abbastanza paradossale che l'Italia si ritrovi proprio senza il ministro allo Sviluppo economico. Così come è piuttosto scandaloso che a ricoprire interim sia proprio il principale industriale ed affarista d'Italia, in un enorme conflitto d'interessi reso in questo modo ancora più palese (e che ha trovato l'ultima traduzione in provvedimenti legislativi con la "salva-Mondadori", i cui effetti sono stati ora denunciati da Repubblica).

Probabilmente Berlusconi intende conservare l'interim per una eventuale tregua con i finiani a suon di poltrone (e ricordiamoci che siamo a 23 ministri, a due lunghezze dal "mostruoso" governo Prodi, e 11 in più delle promesse di Berlusconi), ma non si tratta certo di una scusa valida per quello che doveva essere il "governo del fare", capace di prendere decisioni in tempi brevi ... che invece diventa oramai sempre più un governo degli "af-fari" (propri).

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Riconversione industriale
post pubblicato in Diario, il 12 settembre 2009


                                            

Qualche giorno fa è stato raggiunto un accordo per i lavoratori dell'impianto CNH di Imola, che avevano messo in atto una protesta (con tanto di blog) per sfondare il muro di silenzio che li circondava. In realtà il futuro dello stabilimento è ancora incerto, dato che non si sa che fine farà (comunque è quasi sicuro che chiuda), ma ai lavoratori è stato riconosciuto lo "stato di crisi", con relativo ammortizzatore, per un anno. Dopodichè, il problema si ripresenterà tale e quale.

Mi direte ... e che c'è d'interessante? In effetti, queste sono storie disseminate un po' in tutta Italia di questi tempi, e che aumenteranno di numero e gravità per tutto questo autunno, checchè ne dicano gli "ottimisti" di convenienza. Tuttavia, uno dei lavoratori dell'impianto ha fatto una proposta interessante: "Siamo disponibili anche a produrre pannelli solari se ci fosse un'azienda interessata a venire qui".

Ecco. Questo lavoratore ha colto il punto centrale della questione, ovvero la necessità di riconvertire l'industria per una nuova logica di sviluppo, con una crescita basata non sulla "produzione" ma sul reale "benessere" della società. Saper guardare anche in un ottica futura, e saper pensare alternativo, anzichè intraprendere le strade più facili che poi, in fin dei conti, si rivelano spesso come le più dispendiose nel complesso. Dunque, puntare su una diversa concenzione della produzione energetica e della produzione industriale può alla fine rivelarsi come una mossa energetica. Proprio la FIAT ne ha ottenuto i primi benefici, con i successi dovuti ad un ripensamento della sua produzione. Ma proprio i suoi problemi occupativi dimostrano che c'è da fare molto di più. Meglio sbrigarsi, però ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Impegni
post pubblicato in Diario, il 9 luglio 2009


                                              

Arrivano i primi impegni targati G8-l'Aquila (ex Napoli, ex Maddalena). Vedremo se saranno rispettati, o se rimarranno parole al vento.

Intanto, a proposito di impegni, ho letto con molto interesse questo articolo de La Stampa sull'incontro avutosi Domenica fra Berlusconi e Bob Geldof, rockstar molto impegnata per il continente africano, che gli ha rimproverato proprio il mancato rispetto degli impegni sottoscritti da Berlusconi ed altri capi di Stato nel vertice di Gleneagles nel 2005. Accordi che prevedevano lo stanziamento di cifre ingenti per lo sviluppo dell'Africa (lo 0.51% del PIL), prontamente disattesi dallo stesso Berlusconi che li aveva sottoscritti. Il premier ha provato a scusarsi in ogni modo, ma, di fronte all'incalzare di Geldof, alla fine, innervosito, è stato costretto ad ammettere l'errore.

Speriamo che oltre alle scuse da questo G8 esca qualcosa di concreto per l'Africa. Che stavolta gli impegni li rispetti, il nostro caro Premier. Anche perchè, quando vuole, 16 miliardi per comprare 131 cacciabombardieri li trova ...

P.S. Intanto, mi congratulo con Geldof. Il suo dibattito con Berlusconi, che vi invito decisamente a leggere, ha dimostrato che una rockstar può essere migliore di migliaia di giornalisti smidollati che popolano la nostra Italia. Chissà come deve essersi innervosito Berlusconi trovandosi di fronte ad uno che gli facesse delle domande ... delle vere domande ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Burocrazia e condono
post pubblicato in Diario, il 20 marzo 2009


                                                        

Oggi il Governo ha finalmente emanato questo benedetto ddl sul "piano casa". Confermate, alla fine, tutte le indiscrezioni: sarà possibile ampliare fino al 20% la cubatura degli edifici, e fino al 35% se abbattuti e ricostruiti con tecniche di bioedilizia o con impianti di energie rinnovabili. Sempre nel rispetto delle normi vigenti di edilizia. Ma soprattutto per tali operazioni non ci sarà più bisogno della licenza edilizia: basterà la denuncia di inizio attività, e sarà il progettista ad assumersi la responsabilità, sottoscrivendo tale denuncia.

Ora, premetto che non ho nè il tempo nè competenze sufficientemente adeguate per affrontare questo tema. Però, per quel che posso capire, il "piano casa" potrebbe sì essere un'occasione di sviluppo, che ridia vitalità ad un comparto importante come quello edilizio ... ma lo sviluppo senza il rispetto delle regole è un falso sviluppo. Come diceva Kennedy, il PIL è fatto di tante cose, non solo di benessere. Tutto fa PIL, anche l'inquinamento, anche le speculazioni finanziarie ... anche gli scempi edilizi. E allora c'è bisogno di più controlli, non di meno controlli. Eliminare la licenza edilizia, lasciando tutto nelle mani del progettista (soggetto interessato, e dunque a forte rischio di corruzione), significherebbe dare il via ad un condono "di fatto", con probabili migliaia di abusi (accanto, ovviamente, a tanti progetti invece perfettamente legali). E soprattutto: che cosa vieta ad una persona, che ha già fatto un abuso edilizio non ancora scoperto, di mettersi d'accordo con un progettista, imbrogliando sulla data di inizio lavori e condonando così il tutto? Ma soprattutto: almeno con il condono lo Stato riceveva qualcosa ... ora nemmeno quello!

Certo, il tutto sarebbe evitato o quasi con un forte sistema di controlli ... ma allora, a questo punto, tanto vale lasciare il sistema delle licenze edilizie, e fare i dovuti controlli prima di effettuare dei lavori edilizi. Se sburocratizzazione deve essere, e dev'essere (nei limiti della giustezza, ovviamente), si cerchino altre vie ... altrimenti, si chiamino le cose come stanno. E non ci si prenda in giro dicendo che "dobbiamo fidarci del senso estetico degli Italiani" ... da che pulpito, poi.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Infrastrutture, seguire il modello-Mestre
post pubblicato in Diario, il 8 febbraio 2009


                                              

Oggi è stato inaugurato ufficialmente il "passante di Mestre". Un opera di cui si sentiva l'esigenza fin dagli anni Settanta, quando ci si rese conto dell'errore di aver costruito la Venezia-Trieste senza collegarla alla Milano-Venezia. Poi si rattoppò con la costruzione della tangenziale di Mestre, una tangenziale "urbana", che subito dimostrò la sua insufficienza di fronte all'espansione del "mercato dell'Est" (la Milano-Venezia-Trieste è la principale via d'accesso all'Est Europa, non solo per l'Italia). Se poi ci aggiungiamo il traffico confluente dalla Statale Romea, che preleva il traffico dell'Adriatica, ne otteniamo un groviglio di TIR che paralizzava l'area tanto da farla rinominare "Valico di Mestre" per la sua lentezza.

Tutti, sindacati, imprenditori, cittadini chiedevano una soluzione. Si è pensato a varie soluzioni, fino ad arrivare alla fine del millenio con quella di un "passante" che aggirasse la tangenziale (e Mestre) congiungendo la Milano-Venezia e la Venezia-Trieste con un percorso alternativo. Idea concretizzata nel 2004, quando il precedente Governo Berlusconi la mise in cantiere nell'ambito della "legge Obiettivo", e che in poco più di 4 anni è stata ultimata. O quasi, visto che mancano alcuni raccordi e barriere, ma nei fatti è già percoribbile.

Certo, il tratto era pianeggiante e senza troppi intralci architettonici, però aver realizzato in così poco tempo un infrastruttura importante è un ottimo segnale. Vuol dire che in Italia si possono realizzare le infrastrutture, vuol dire che in Italia ci può essere continuità nelle scelte infrastrutturali dei Governi (il Ministro Di Pietro, infatti, ha proseguito e finanziato la quasi totalità delle infrastrutture progettate dai Governi precedenti), vuol dire che la logica del veto può essere aggirata. E se pensiamo alle incidenze di tutto ciò sullo sviluppo occupazionale, economico ed industriale, possiamo e dobbiamo sperare che il modello Mestre venga applicato in tutta Italia.

Ma attenzione: facendo infrastutture utili e inserite nella "rete" infrastrutturale. Altrimenti si costruiscono "cattedrali nel deserto", utili per la propaganda e per aiutare imprenditori amici, ma non lo sviluppo dell'Italia. Perchè, ad esempio, sprecare miliardi nella costruzione del Ponte di Messina è inutile se non si fanno autostrade decenti per arrivarci in Sicilia e in Calabria. A cominciare dalla Salerno-Reggio Calabria. Anzi, non mi ci fate pensare che con i suoi 40 anni di cantieri mi fa perdere l'ottimismo per la realizzazione del Passante.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Pericolo e opportunità
post pubblicato in Diario, il 1 gennaio 2009


                                                  

Oggi, primo dell'anno (ancora auguri!) non ci si può sottrarre all'esame del discorso di fine anno del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano (disponibile integralmente qui).

C'è da dire che è stato un discorso "particolare". Per carità, i soliti formalismi, il solito "dire e non dire", il solito equilbrismo ... d'altronde è pur sempre il discorso alla Nazione di una alta figura di garanzia. Tuttavia, se per la prima volta la parola più usata non è "anno" ma "crisi", vuol dire che qualcosa di diverso c'è dalle altre volte. Difatti, fatti salvi i saluti di rito "ai servitori dello Stato, ai civili ed ai religiosi operanti per il bene della comunità, alle forze dell'ordine e alle Forze Armate", in particolar modo ai militari all'estero, gli altrettanti rituali richiami ai principi Costituzionali, all'unità nazionale e al dialogo fra le forze politiche, e la dovuta apertura dedicata alla crisi palestinese, il messaggio di Napolitano è stato un discorso monotematico attorno alla crisi e alle modalità per uscirne

L'anno scorso il discorso incitava alla "fiducia", dato che il sentimento di sfiducia che dilagava allora nel Paese non coincideva con molti dati positivi che proprio in quel periodo emergevano. Ora, invece, di fronte alla mutata situazione, Napolitano non fa un discorso pessimista, nè ottimista, nè negazionista. Semplicemente "dobbiamo guardare in faccia ai pericoli cui è esposta la società italiana, senza sottovalutarne la gravità: ma senza lasciarcene impaurire. L'unica cosa di cui aver paura è la paura stessa". E da qui una elencazione delle conseguenze della crisi sulla società italiana, innanzitutto sulla disoccupazione, sul precariato, sull'occupazione femminile, sui ceti deboli, sul Mezzogiorno, sull'aumentare della povertà. Ma Napolitano non manca di indicare la via per uscire dalla crisi: innanzitutto "affrontare decisamente le debolezze del nostro sistema (...) guardando innanzitutto all'assetto delle nostre istituzioni, al modo di essere della pubblica amministrazione, al modo di operare dell'amministrazione della giustizia"; poi un maggiore impegno da e per il Mezzogiorno, che deve cominciare a recuperare il divario dal resto del Paese; interventi per il mondo del lavoro, concordati fra politica e parti sociali; una nuova politica energetica e ambientale, che sfrutti le nuove tecnologie per produrre effetti positivi e per l'economia e per l'ambiente; valorizzazione del patrimonio culturale e conoscitivo del Paese, con forti investimenti per la ricerca; maggiore trasparenza e rigore nell'utilizzo del danaro pubblico, non dimenticando la mannaia del debito pubblico. Il tutto senza dimenticare di essere parti dell'Europa e della comunità internazionale, nelle quali dobbiamo "richiedere imperiosamente il massimo sforzo di concertazione tra i protagonisti dell'economia mondiale, per definire nuove regole capaci di assicurare uno sviluppo sostenibile, ponendo fine alla frenesia finanziaria che ha provocato stravolgimenti e conseguenze così gravi. Il mondo in cui viviamo è uno, e come tale va governato".

Rileggendolo, devo dire che il discorso di Napolitano mi è piaciuto. Ha preso atto della crisi, senza inutili pessimismi e falsi ottimismi, ma ha anche indicato una via per uscirne. Ricordando che proprio nei momenti di crisi si possono gettare le fondamenta per un Paese più solido. D'altronde, se in cinese la parola "crisi" è rappresentata da due ideogrammi, "pericolo" e "opportunità", ci sarà un motivo.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Se la ricerca si basa su Telethon stiamo messi male
post pubblicato in Diario, il 12 dicembre 2008


                                                          

E' iniziata stamattina e durerà fino a domenica sera la "maratona Telethon" 2008. Speriamo che la campagna, anche in quest'anno di piena crisi, riesca a raccogliere tanti milioni di euro per aiutare la ricerca Italiana.
 
Ma, in tutta sincerità, spero che questa sia l'ultima volta. Perchè vorrebbe dire che la ricerca Italiana non ne ha più bisogno. Vorrebbe dire che l'Italia non sarebbe più l'ultimo dei paesi OCSE per investimenti, privati e pubblici, nella ricerca. Vorrebbe dire che i ricercatori italiani non sarebbero più sottopagati come adesso. Vorrebbe dire che le nostre più geniali menti non sarebbero costrette ad andare all'estero e dare i frutti del proprio lavoro alle altre economie. Vorrebbe dire che l'Italia avrebbe finalmente capito che non c'è sviluppo senza ricerca, e che non c'è ricerca senza investimenti.

Ma putroppo credo che assisteremo perlomeno a Telethon 2028.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia luglio        giugno
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca