.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Il futuro investito
post pubblicato in Diario, il 1 dicembre 2010


 

Lo ripeto da tempo su questo blog: per rispondere alla crisi globale l'Italia deve mettere in campo una riconversione del suo sistema produttivo, che non la porti a competere con i nuovi giganti dell'economia (Cina, India, Brasile, ecc.) sulla "quantità", sulle produzioni "operaie", ma che la porti ad investire sulla qualità, sulla specializzazione, sulle nuove produzioni. E su quello che "gli altri" non hanno.

Come l'immenso patrimonio culturale, artistico, storico, paesaggistico e architettonico di questo Paese.

E allora vedere un Governo che non riesce a trovare 175 milioni di euro per la cultura e che assiste inerme a tre crolli in un mese a Pompei (anzi, continua a dire che non bisogna lasciarsi prendere dagli "allarmismi"), fa pensare che è davvero arrivato il momento che se ne vada a casa.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

L'intermediario
post pubblicato in Diario, il 22 agosto 2009


                                            

Il caldo tunisino deve avergli dato alla testa. Nella sua visita a Tunisi, infatti, il premier Berlusconi ha confessato di voler passare alla storia come "il premier che ha sconfitto la Mafia".

Ottimo sogno, e mille auguri. Davvero. Intanto, però, potrebbe limitarsi a rispondere alle domande contenute ne "L'odore dei soldi" di Travaglio e Veltri, che invece Berlusconi portò davanti al tribunale per diffamazione, perdendo come al solito la causa (e se non fu diffamato, dunque le cose ivi scritte sono vere). Oppure spiegarci tutte le cose contenute nelle motivazioni della sentenza Dell'Utri, quella che ha condannato il senatore Pdl (e braccio destro di Berlusconi fin dall'epoca di Publitalia) per concorso esterno in associazione mafiosa, in cui vengono dettagliamente descritte le prove a carico dell'intreccio di interessi tra le aziende del premier e Cosa Nostra, e addirittura si condanna Dell'Utri per essere stato "l'intermediario" fra gli "interessi di Berlusconi" e quelli Cosa Nostra. Giusto per fare qualche esempio, eh ...

Si attende una risposta. Prima del Giudizio Universale, possibilmente ...

P.S. Oddio, può sempre essere che il Premier abbia voluto fare una delle sue battute ... in tal caso, sarebbe la migliore delle sue. In assoluto.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

L'antifascismo oggi
post pubblicato in Diario, il 25 aprile 2009


                                                     

Oggi è il 25 Aprile, una data che in Italia ha un significato particolare: ovvero quello della Festa della Liberazione, in memoria di quel giorno di 64 anni fa quando, liberate Milano e Torino dalle forze Alleate e dai partigiani, l'Italia potè dirsi finalmente libera dall'oppressione nazifascista.

Su questa data oggi si potrebbero scrivere molte cose: ricordare, per esempio, al Ministro La Russa che ritenere che i partigiani comunisti non meritino di essere celebrati come liberatori perchè volevano sostituire un regime ad un altro è una profonda ingratitudine per chi rischio la vità in condizioni avverse contro chi per vent'anni aveva affossato la libertà e la democrazia (ma questo La Russa non lo ricorda), e non aveva alcun intenzione di instaurare un nuovo regime (se non una minoranza, e comunque non con intenti "stalinisti"). Oppure si può scrivere qualcosa su Berlusconi, che dopo 15 anni di attività politica si è ricordato che esiste una festa chiamata "della Liberazione" e che si svolge il 25 Aprile (ma già vuol cambiarle il nome). Oppure ci si può indignare per la proposta di legge di alcuni parlamentari PDL per l'equiparazione di partigiani e repubblichini (per entrambi l'ingresso nell'Ordine del Tricolore con relativo assegno), ovvero fra chi combattè per la libertà e chi per mantenere il regime fascista.

Ma le polemiche sul passato non mi interessano granchè. A me interessa "l'attualità" o meno dell'anti-fascismo oggi. Ovvero: c'è ancora bisogno di "resistere" in difesa della libertà e della democrazia? La risposta è sì, sempre. Specialmente in questo periodo.

No no, attenzione, non tiro fuori la tiritera del Berlusconi dittatore. Io non credo che Berlusconi voglia instaurare una dittatura. Tanto le cose di cui ha bisogno come l'aria le ha già: un enorme potere in tutti i campi della società; fare gli interessi suoi e di chi lo sostiene; godere del consenso delle folle (più o meno ampie a seconda dei periodi politici, ma comunque folle). Il problema è che se Berlusconi volesse, quasi sicuramente riuscirebbe a farlo. Ed in quel se c'è tutto un mondo: il controllo di tutti i settori della società nelle mani di pochi, la crisi della politica e la sfiducia dei cittadini nella possibilità di cambiare il Paese nelle forme democratiche (il che si rispecchia nell'astensionismo), il sentire diffuso della necessità di un "uomo forte", il controllo politico degli strumenti di comunicazione di massa, una forte crisi economica che spinge i cittadini all'egoismo sociale. Tutti fattori che spiegano l'attuale fortissimo successo di Berlusconi, e tutti fattori che furono anche alla base dell'instaurarsi del fascismo.

E allora continuiamo a "resistere": non solo ricordando il sacrificio dei nostri Padri della Repubblica, ma togliendo le basi per l'instaurarsi di futuri fascismi. E' necessario combattere per una società davvero democratica, dove ci sia libera concorrenza in tutti i campi della società, dove ci sia una seria informazione, dove ci interessi non solo di se stessi ma anche degli altri (e non solo del presente, ma anche del futuro). E soprattutto una società dove si abbia ancora fiducia nella democrazia, e dove si restituisca alla partecipazione democratica l'enorme importanza che essa ha per il mantenimento dei diritti di tutti e come unica via per un reale "cambiamento", una reale "liberazione" dell'Italia da chi e cosa la ancorano ancora al passato.

Buona Resistenza a tutti. 

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Il sogno è realtà
post pubblicato in Diario, il 20 gennaio 2009


                                                         

Oggi, 20 Gennaio 2008, è una giornata storica. Inutile minimizzare. L'insediamento di Barack Obama alla Presidenza degli Stati Uniti (eccone il discorso) è un evento che ricorderemo tutti, finchè vivremo. E impareranno a ricordare i nostri discendenti. Per tutta una serie di motivi, siano essi formali (età, colore della pelle, l'essere un out-sider) o programmatici (innovazione, ambiente, multilateralismo, eccetera). Ma certamente ciò che rimarrà impresso di più (anche se forse non sarà l'aspetto più importante in assoluto, ma simbolicamente sì), è che Barack Obama è la prima persona di colore a ricoprire la carica più importante al mondo, ovvero quella di Presidente degli U.S.A.

E' la realizzazione, quasi cinquant'anni dopo, del "sogno" di Martin Luther King. Mi sembra dunque giusto riportare quindi quel discorso (eccone il testo originale in inglese) ... anche per rendersi conto che i sogni, anche quelli che ora ci sembrano impossibili, si possono realizzare, con pazienza e volontà.

Sono felice di unirmi a voi in questa che passerà alla storia come la più grande dimostrazione per la libertà nella storia del nostro paese. Cento anni fa un grande americano, alla cui ombra ci leviamo oggi, firmò il Proclama sull’Emancipazione. Questo fondamentale decreto venne come un grande faro di speranza per milioni di schiavi negri che erano stati bruciati sul fuoco dell’avida ingiustizia. Venne come un’alba radiosa a porre termine alla lunga notte della cattività.

Ma cento anni dopo, il negro ancora non è libero; cento anni dopo, la vita del negro è ancora purtroppo paralizzata dai ceppi della segregazione e dalle catene della discriminazione; cento anni dopo, il negro ancora vive su un’isola di povertà solitaria in un vasto oceano di prosperità materiale; cento anni dopo; il negro langue ancora ai margini della società americana e si trova esiliato nella sua stessa terra.

Per questo siamo venuti qui, oggi, per rappresentare la nostra condizione vergognosa. In un certo senso siamo venuti alla capitale del paese per incassare un assegno. Quando gli architetti della repubblica scrissero le sublimi parole della Costituzione e la Dichiarazione d’Indipendenza, firmarono un "pagherò" del quale ogni americano sarebbe diventato erede. Questo "pagherò" permetteva che tutti gli uomini, si, i negri tanto quanto i bianchi, avrebbero goduto dei principi inalienabili della vita, della libertà e del perseguimento della felicità.

E’ ovvio, oggi, che l’America è venuta meno a questo "pagherò" per ciò che riguarda i suoi cittadini di colore. Invece di onorare questo suo sacro obbligo, l’America ha consegnato ai negri un assegno fasullo; un assegno che si trova compilato con la frase: "fondi insufficienti". Noi ci rifiutiamo di credere che i fondi siano insufficienti nei grandi caveau delle opportunità offerte da questo paese. E quindi siamo venuti per incassare questo assegno, un assegno che ci darà, a presentazione, le ricchezze della libertà e della garanzia di giustizia.

Siamo anche venuti in questo santuario per ricordare all’America l’urgenza appassionata dell’adesso. Questo non è il momento in cui ci si possa permettere che le cose si raffreddino o che si trangugi il tranquillante del gradualismo. Questo è il momento di realizzare le promesse della democrazia; questo è il momento di levarsi dall’oscura e desolata valle della segregazione al sentiero radioso della giustizia.; questo è il momento di elevare la nostra nazione dalle sabbie mobili dell’ingiustizia razziale alla solida roccia della fratellanza; questo è il tempo di rendere vera la giustizia per tutti i figli di Dio. Sarebbe la fine per questa nazione se non valutasse appieno l’urgenza del momento. Questa estate soffocante della legittima impazienza dei negri non finirà fino a quando non sarà stato raggiunto un tonificante autunno di libertà ed uguaglianza.

Il 1963 non è una fine, ma un inizio. E coloro che sperano che i negri abbiano bisogno di sfogare un poco le loro tensioni e poi se ne staranno appagati, avranno un rude risveglio, se il paese riprenderà a funzionare come se niente fosse successo.

Non ci sarà in America né riposo né tranquillità fino a quando ai negri non saranno concessi i loro diritti di cittadini. I turbini della rivolta continueranno a scuotere le fondamenta della nostra nazione fino a quando non sarà sorto il giorno luminoso della giustizia.

Ma c’è qualcosa che debbo dire alla mia gente che si trova qui sulla tiepida soglia che conduce al palazzo della giustizia. In questo nostro procedere verso la giusta meta non dobbiamo macchiarci di azioni ingiuste.

Cerchiamo di non soddisfare la nostra sete di libertà bevendo alla coppa dell’odio e del risentimento. Dovremo per sempre condurre la nostra lotta al piano alto della dignità e della disciplina. Non dovremo permettere che la nostra protesta creativa degeneri in violenza fisica. Dovremo continuamente elevarci alle maestose vette di chi risponde alla forza fisica con la forza dell’anima.

Questa meravigliosa nuova militanza che ha interessato la comunità negra non dovrà condurci a una mancanza di fiducia in tutta la comunità bianca, perché molti dei nostri fratelli bianchi, come prova la loro presenza qui oggi, sono giunti a capire che il loro destino è legato col nostro destino, e sono giunti a capire che la loro libertà è inestricabilmente legata alla nostra libertà. Questa offesa che ci accomuna, e che si è fatta tempesta per le mura fortificate dell’ingiustizia, dovrà essere combattuta da un esercito di due razze. Non possiamo camminare da soli.

E mentre avanziamo, dovremo impegnarci a marciare per sempre in avanti. Non possiamo tornare indietro. Ci sono quelli che chiedono a coloro che chiedono i diritti civili: "Quando vi riterrete soddisfatti?" Non saremo mai soddisfatti finché il negro sarà vittima degli indicibili orrori a cui viene sottoposto dalla polizia.

Non potremo mai essere soddisfatti finché i nostri corpi, stanchi per la fatica del viaggio, non potranno trovare alloggio nei motel sulle strade e negli alberghi delle città. Non potremo essere soddisfatti finché gli spostamenti sociali davvero permessi ai negri saranno da un ghetto piccolo a un ghetto più grande.

Non potremo mai essere soddisfatti finché i nostri figli saranno privati della loro dignità da cartelli che dicono:"Riservato ai bianchi". Non potremo mai essere soddisfatti finché i negri del Mississippi non potranno votare e i negri di New York crederanno di non avere nulla per cui votare. No, non siamo ancora soddisfatti, e non lo saremo finché la giustizia non scorrerà come l’acqua e il diritto come un fiume possente.

Non ha dimenticato che alcuni di voi sono giunti qui dopo enormi prove e tribolazioni. Alcuni di voi sono venuti appena usciti dalle anguste celle di un carcere. Alcuni di voi sono venuti da zone in cui la domanda di libertà ci ha lasciato percossi dalle tempeste della persecuzione e intontiti dalle raffiche della brutalità della polizia. Siete voi i veterani della sofferenza creativa. Continuate ad operare con la certezza che la sofferenza immeritata è redentrice.

Ritornate nel Mississippi; ritornate in Alabama; ritornate nel South Carolina; ritornate in Georgia; ritornate in Louisiana; ritornate ai vostri quartieri e ai ghetti delle città del Nord, sapendo che in qualche modo questa situazione può cambiare, e cambierà. Non lasciamoci sprofondare nella valle della disperazione.

E perciò, amici miei, vi dico che, anche se dovrete affrontare le asperità di oggi e di domani, io ho sempre davanti a me un sogno. E’ un sogno profondamente radicato nel sogno americano, che un giorno questa nazione si leverà in piedi e vivrà fino in fondo il senso delle sue convinzioni: noi riteniamo ovvia questa verità, che tutti gli uomini sono creati uguali.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, uno stato colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia.

Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere. Ho davanti a me un sogno, oggi!.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno. E’ questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.

Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza.

Con questa fede saremo in grado di lavorare insieme, di pregare insieme, di lottare insieme, di andare insieme in carcere, di difendere insieme la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi. Quello sarà il giorno in cui tutti i figli di Dio sapranno cantare con significati nuovi: paese mio, di te, dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove morirono i miei padri, terra orgoglio del pellegrino, da ogni pendice di montagna risuoni la libertà; e se l’America vuole essere una grande nazione possa questo accadere.

Risuoni quindi la libertà dalle poderose montagne dello stato di New York.

Risuoni la libertà negli alti Allegheny della Pennsylvania.

Risuoni la libertà dalle Montagne Rocciose del Colorado, imbiancate di neve.

Risuoni la libertà dai dolci pendii della California.

Ma non soltanto.

Risuoni la libertà dalla Stone Mountain della Georgia.

Risuoni la libertà dalla Lookout Mountain del Tennessee.

Risuoni la libertà da ogni monte e monticello del Mississippi. Da ogni pendice risuoni la libertà.

E quando lasciamo risuonare la libertà, quando le permettiamo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleriamo anche quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, cattolici e protestanti, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio spiritual: "Liberi finalmente, liberi finalmente; grazie Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente".

www.discutendo.ilcannocchiale.it

La volontà di riscrivere la storia
post pubblicato in Diario, il 8 gennaio 2009


                                                   

Purtroppo in Italia si aprono un giorno sì e un giorno no dibattiti sulla storia. "Putroppo" non perchè non ami la storia, anzi, ma non adoro il suo utilizzo politico e non amo che le ideologie mirino a distorcerla. E soprattutto mi spazientisce che tutto ciò levi tempo a questioni più importanti.

Però la proposta di una quarantina di deputati del PDL di equiparare partigiani e repubblichini non può essere lasciata senza commenti. Quella proposta di legge (la n.1360), infatti, presenta un palese distorcimento della realtà storica, successivo a tanti altri tentativi di quella stessa area politica, aventi l'obiettivo di dare del fascismo un immagine non solo non negativa, ma anche leggermente positiva. E ciò preoccupa ancora di più se questi tipi di progetti non sono portati più avanti solo da politici ex-AN-ex-MSI-exFascisti, ma anche da forze politiche che dovrebbero essere più "moderate" (Forza Italia, ma anche il "nuovo PSI" ... mi immagino i padri socialisti che si rivoltano nella tomba).

Giusto per precisare: sono totalmente contrario a qualsiasi distorcimento storico. Quindi anche alla passata "ideologizzazione" del partigiano o, spostandoci in altri ambiti, al volontà passanta di nascondere i crimini dei regimi comunisti, ecc. ecc. Però una cosa è correggere la storia altro è ribaltarla. Come si può equiparare chi combattè, pur commettendo sbagli, per la democrazia, e chi combattè, forse non tutti pazzi esagitati, in appoggio della dittatura? Come possiamo far coincidere questo con i valori della nostra Costituzione, che tra l'altro combatte ogni forma di fascismo e di appoggio ad esso? A questo punto, allora, equipariamo pure il fascismo ad un normale Governo, che prima dell'entrata in guerra era stato buono (tra l'altro, si attribuiscono al fascismo cose positive che in realtà non lo sono) e poi ha fallito. La negazione delle libertà, di tutte le libertà, è un optional, no?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia novembre        aprile
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca