.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Lezioni cinesi
post pubblicato in Diario, il 29 settembre 2009


                                               

L'uomo nella foto è Wang Chuanfu, fondatore della BYD ("Built your dreams"). Ai più questi nomi non diranno nulla, ma questo signore di 43 anni, nato da una famiglia di umili contadini, è riuscito a diventare l'uomo più ricco della Cina. Lo ha comunicato la rivista Hurun, che ogni anno stila appunto la lista degli uomini più ricchi dell'ex Celeste Impero.

Vi starete chiedendo dov'è la notizia: in fondo, sono cose possibili in un Paese dalle mille contraddizioni come la Cina, no? Il fatto sta nel come Chuanfu è riuscito a fare questa fortuna: ovvero con la famosa "green-economy". Partita come produttrice di batterie ricaricabili, nel cui campo Chuanfu ha applicato con successo i suoi studi di Chimica e gli stage alla "nemica" giapponese Sony, la BYD è poi diventata qualche anno fa produttrice di automobili elettriche, vendendone 170mila esemplari nel 2008, con l'obiettivo di 400mila vendite del 2009 a portata di mano, e 700mila vendite programmate nel 2010 (con annesso sbarco in Europa). Per capire come il successo economico sia dovuto alla produzione delle eco-auto basti pensare che solo l'anno scorso la stessa classifica Hurun vedeva Chuanfu al 106° posto (un aumento di fatturato, insomma, dell'800%).

L'ennesima dimostrazione, insomma, che l'economia vincente è quella che va di pari passo con l'ecologia. Sarebbe l'ora che anche gli imprenditori italiani imparassero sul serio questa lezione.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Green Mars
post pubblicato in Diario, il 8 maggio 2009


                                         

Forse non è stato tutto tempo sprecato. Spesso si sostiene che il '68, e tutti i fenomeni di contorno che hanno dominato il mondo in quel periodo, non abbiano portato cambiamenti sostanziali al destino del mondo: e forse questi detrattori in fondo hanno ragione, in quanto il mondo oggi non è tanto diverso da 40 anni fa, ed in Italia questo è ancora più evidente. Però quel periodo fu pur sempre il primo nel quale la possibilità di cambiare il mondo sembrava concreta, il primo nel quale centinaia di milioni di persone erano disposte a lottare per una società più giusta (cosa che oggi, specialmente in Italia, ce la sogniamo). E così capita che, quarant'anni dopo, un vecchio hippy riesca a compiere una piccola grande rivoluzione in una grande multinazionale. Il sogno di ogni sessantottino, insomma.

L'uomo in questione è Howard-Yana-Shapiro, un ex figlio dei fiori americano, figlio d'emigranti, che vent'anni fa fondò una piccola azienda di agricoltura sostenbile, acquisita nel 1997 da Mars (sì, quella delle barrette di cioccolato). Allora sembrò quasi una "vendita al diavolo": ma piano piano Shapiro è riuscito a far emergere la propria filosofia nell'azienda, fino alla decisione odierna. Ovvero che la Mars ha annunciato che d'ora in poi tutta la sua produzione di cacao seguirà le regole dell'agricoltura sostenibile: salario minimo garantito per i contadini, biodiversità nello sviluppo dell'agricoltura, conservazione delle risorse acquifere. Niente male per un'azienda che di solo cacao produce un valore di un miliardo di dollari l'anno.

Una bella storia, una delle tante che ci raccontano tanti piccoli cambiamenti che forse un giorno, se torneremo ad occuparci seriamente e con più forza del nostro Pianeta, potranno davvero apportare una grande svolta al sistema mondiale. Perchè, come dice Shapiro, "non dobbiamo pensare la breve termine, ma al mondo che esisterà fra cent'anni, a quello che lasceremo ai nostri nipoti".

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia agosto        ottobre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca