.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Tragedie
post pubblicato in Diario, il 20 agosto 2009


                                       

Oggi è emersa la notizia di una probabile nuova "tragedia della disperazione", ovvero la morte di tanti immigrati (circa 73), lasciati alla deriva nel Canale di Sicilia, senza alcun soccorso da parte delle pur tante imbarcazioni incrociate (dieci) e in un luogo che, almeno stando alle parole del Ministro Maroni, è sorvegliato 24 h su 24.

A dire il vero si tratta della ricostruzione fatta dagli unici cinque sopravvissuti. E, in effetti, la cosa è talmente grave che c'è da augurarsi che la faccenda sia davvero falsa, come suggeriscono i rappresentanti del Governo. Anche se non si capisce per quale motivo i sopravvisuti avrebbero dovuto dire il falso. Di certo è di cattivo, cattivissimo gusto questo scetticismo unanime da parte della maggioranza. E soprattutto che dicono all'opposizione di "non speculare".

Ricordo infatti a lor signori del centrodestra il video del "Berlusconi piangente" sul luogo della tragedia del 1997, quando un incrociatore italiano speronò un barcone di albanesi nell'Adriatico, con la morte di cento e più disperati. All'epoca tali tragedie suscitavono ancora una forte commozione, infatti, e Berlusconi immediatamente tentò di speculare. E' vero, sono passati 12 anni ... ma la decenza richiederebbe almeno un po' di rispetto, e non uno scetticismo pregiudiziale.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

Ambulanza di quartiere
post pubblicato in Diario, il 20 luglio 2009


                                           

Quasi sempre scrivo su questo blog di fatti e misfatti in maniera ben documentata. Quasi, perchè a volte invece utilizzo il blog "solo" per condividere delle "pensate" che mi vengono in mente, cercando di verificare tramite i vostri commenti se sono in effetti delle buone idee, o delle gran boiate come in effetti temo possano essere.

E' successo che oggi ho incrociato un ambulanza mentre guidavo. Riflettendo sul come a volte la vita possa dipendere dalla velocità di un ambulanza, ho pensato: ma se le ambulanze, invece di stazionare in Ospedale, stazionassero in "punti strategici" delle città? Insomma, giusto per fare un paragone: le volanti della polizia, almeno in teoria, girano per le strade e poi, alla chiamata radio della "Centrale", le volanti più vicine si recano al posto del misfatto (almeno così ci fanno vedere nei telefilm...). Ora, non pretendo che le Ambulanze girino in lungo e in largo, ma farle stazionare in diversi punti di una città anzichè in Ospedale constentirebbe, a parità di costi, una maggiore prontezza d'intervento. E in questi casi anche pochi secondi possono fare la differenza fra la vita e la morte.

Che ne dite?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia luglio        settembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca