.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Aboliamo davvero il Porcellum
post pubblicato in Diario, il 20 giugno 2011


A pochi giorni dalla vittoria dei Sì ai referendum del 12 e 13 Giugno, ecco una nuova richiesta di referendum, stavolta proposta dall'ex senatore dei Ds Stefano Passigli assieme ad un comitato promotore che vede tra i suoi membri molti esponenti della società civile, tra cui il politilogo Giovanni Sartori. Stavolta il tema dei tre quesiti proposti è l'abrogazione dei punti principali della legge elettorale vigente, il famoso "Porcellum" di Calderoli.

La notizia, rilanciata (e talvolta condivisa, più o meno esplicitamente) dai principali siti d'informazione e "opinion leaders" del Web, ha inizialmente suscitato un'ondata di entusiasmo nel popolo della Rete (oltre 20.000 condivisioni su Facebook, giusto per citare un dato), a testimonianza di quanto sia alta la voglia di partecipazione diretta alle scelte del Paese e quanto sia alta la voglia di eliminare la "porcata" simbolo e causa aggravante della distanza fra gli eletti e gli elettori. Poi l'entusiasmo s'è frenato: sempre citando Facebook, la "pagina" dei comitati s'è fermata ben al di sotto dei 1000 aderenti, dopo l'iniziale "boom" di contatti.

La motivazione? Probabilmente la Rete ha cominciato ad andare "oltre" le apparenze: i referendum di Passigli, infatti, non hanno davvero l'obiettivo che professano ("riprendiamoci il nostro voto" è lo slogan della campagna). Perchè, se è vero che uno dei quesiti propone l'abolizione delle liste bloccate, gli altri due comportano l'abolizione di altri passaggi del Porcellum: l'indicazione obbligatoria del candidato premier, la soglia di sbarramento "agevolata" al 2% per le liste coalizzate (verrebbe alzata per tutte le liste al 4%), il premio di maggioranza del 55% dei seggi alla lista o coalizione vincitrice.

In pratica, se vincessero i referendari, ci ritroveremmo una legge elettorale proporzionale pura con sbarramento al 4%, un po' come in Germania. Il che comporterebbe l'archiviazione della Seconda Repubblica, segnata dal bipolarismo, dai candidati premier, dall'alternanza destra-sinistra, con il ritorno alla Prima Repubblica, con le ammucchiate al centro e i governi (e le maggioranze) scelti dopo le elezioni. Non è immaginabile, infatti, che una coalizione di centrosinistra o di centrodestra possa da sola giungere al 50% dei voti e quindi una legge elettorale di questo genere darebbe un'enorme potere al Terzo Polo, che col suo 10-15% dei voti avrebbe in mano il Paese. Conseguenza paradossale, visto che i promotori, almeno a chiacchiere, vogliono togliere il premio di maggioranza per evitare "l'antidemocratica" possibilità che una coalizione col 35% (35%, non 10%) dei voti possa avere il 55% dei seggi.

Difficile aspettarsi, quindi, che il popolo della Rete e dei referendum, che è lo stesso che ha portato al successo e al Governo (col premio di maggioranza) candidati di centrosinistra come Pisapia e De Magistris, che pretende e dimostra la partecipazione ai referendum e alle primarie, accetti di sostenere dei referendum che, tentando di fregarli con lo specchietto per le allodole dell'abolizione delle liste bloccate, vorrebbero toglierli ogni capacità di determinare il Governo del proprio Paese, riprecipitandoli ai tempi della Dc. La Rete non si fa fregare, almeno mi auguro.

P.S. Se davvero l'intento è quello di restituire la parola ai cittadini, perchè non si presenta un singolo referendum, semplice semplice, che propone l'abrogazione TOTALE del Porcellum? Così si tornerebbe alla legge precedente, il Mattarellum, maggioritaria, tendenzialmente bipolarista, con una quota proporzionale, con i collegi uninominali e quindi il rapporto diretto eletto-territorio. Non scontenterebbe nessuno, insomma ... eccetto chi vuole riprecipitarci alla Prima Repubblica.

P.P.S. La pagina Facebook che ho creato in proposito: http://www.facebook.com/pages/NON-FARTI-FREGARE-Aboliamo-DAVVERO-il-Porcellum/132464113500340?sk=wall

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Democrazia e Facebook
post pubblicato in Diario, il 30 settembre 2010


                                            

Le divisioni interne al "Popolo Viola", il movimento di elettori di centrosinistra costituitosi poco meno di un anno fa in occasione del primo "No B Day" autoconvocato via Facebook per il 5 Dicembre 2009, offrono uno spunto di riflessione importante sul futuro della democrazia nell'era della Rete.

Internet sta infatti incidendo sempre di più nel mondo politico: basti pensare alla campagna elettorale di Obama, che ha visto in Internet una fondamentale arma di comunicazione e coinvolgimento degli elettori, oltre che una miniera di finanziamenti per la campagna. Ma anche nella retrograda Italia il mezzo Internet è diventato sempre più irrinunciabile per i partiti, persino per quei leader che non saprebbero nemmeno accendere un PC (basti pensare ai continui videomessaggi postati dallo staff di Berlusconi sul sito dei "Promotori della Libertà"). Ma l'evento clou è stato certamente l'avvento dei social-network come Facebook, che hanno fornito la possibilità di condividere con le masse informazioni, pensieri, idee, propaganda, facilitando l'emersione "dal basso" di movimenti d'opinione, se non veri e proprie forze politiche.

E' appunto il caso del "Popolo Viola", ma anche del "Movimento Cinque Stelle" di Grillo. Entrambi coagulano consensi provenienti da quella massa di elettori che vogliono stare al di fuori dei partiti ma non vogliono rinunciare alla partecipazione civica; anzi, soprattutto i grillini disprezzano i partiti, ritenuti "morti" e incapaci di fornire una svolta al Paese. Ma non è così, e lo dimostrano proprio divisioni interne al Popolo Viola, con gli organizzatori del secondo NoBDay disconosciuti da molti esponenti di spicco e coordinamenti locali del "movimento": i partiti sono malati, non morti, e se anche lo fossero sarebbe morta con loro anche la democrazia. Senza una struttura organizzata, una democrazia interna basata su aderenti (iscritti, con congressi, oppure simpatizzanti, con "primarie" reali o virtuali) e organismi decisionali che li rappresentano, i "movimenti" o sono basati su una leadership incontestabile, oppure finiscono nell'anarchia, perchè nessuno riconosce autorità ad altri e viceversa (come sta succedendo al "Popolo Viola"). Qualcuno risponderà che almeno il Movimento 5 Stelle, a differenza dei "viola", sembrebbe che stia intraprendendo l'altra strada, quella della strutturazione più solida: ma allora abbandonino l'ipocrisia, perchè stanno diventando loro stessi un "partito"; che poi si chiamino "movimento", "alleanza", "lista civica", "unione", "federazione" o "partito" poco importa, perchè la strutturazione è quella partitica.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Infrastrutture, seguire il modello-Mestre
post pubblicato in Diario, il 8 febbraio 2009


                                              

Oggi è stato inaugurato ufficialmente il "passante di Mestre". Un opera di cui si sentiva l'esigenza fin dagli anni Settanta, quando ci si rese conto dell'errore di aver costruito la Venezia-Trieste senza collegarla alla Milano-Venezia. Poi si rattoppò con la costruzione della tangenziale di Mestre, una tangenziale "urbana", che subito dimostrò la sua insufficienza di fronte all'espansione del "mercato dell'Est" (la Milano-Venezia-Trieste è la principale via d'accesso all'Est Europa, non solo per l'Italia). Se poi ci aggiungiamo il traffico confluente dalla Statale Romea, che preleva il traffico dell'Adriatica, ne otteniamo un groviglio di TIR che paralizzava l'area tanto da farla rinominare "Valico di Mestre" per la sua lentezza.

Tutti, sindacati, imprenditori, cittadini chiedevano una soluzione. Si è pensato a varie soluzioni, fino ad arrivare alla fine del millenio con quella di un "passante" che aggirasse la tangenziale (e Mestre) congiungendo la Milano-Venezia e la Venezia-Trieste con un percorso alternativo. Idea concretizzata nel 2004, quando il precedente Governo Berlusconi la mise in cantiere nell'ambito della "legge Obiettivo", e che in poco più di 4 anni è stata ultimata. O quasi, visto che mancano alcuni raccordi e barriere, ma nei fatti è già percoribbile.

Certo, il tratto era pianeggiante e senza troppi intralci architettonici, però aver realizzato in così poco tempo un infrastruttura importante è un ottimo segnale. Vuol dire che in Italia si possono realizzare le infrastrutture, vuol dire che in Italia ci può essere continuità nelle scelte infrastrutturali dei Governi (il Ministro Di Pietro, infatti, ha proseguito e finanziato la quasi totalità delle infrastrutture progettate dai Governi precedenti), vuol dire che la logica del veto può essere aggirata. E se pensiamo alle incidenze di tutto ciò sullo sviluppo occupazionale, economico ed industriale, possiamo e dobbiamo sperare che il modello Mestre venga applicato in tutta Italia.

Ma attenzione: facendo infrastutture utili e inserite nella "rete" infrastrutturale. Altrimenti si costruiscono "cattedrali nel deserto", utili per la propaganda e per aiutare imprenditori amici, ma non lo sviluppo dell'Italia. Perchè, ad esempio, sprecare miliardi nella costruzione del Ponte di Messina è inutile se non si fanno autostrade decenti per arrivarci in Sicilia e in Calabria. A cominciare dalla Salerno-Reggio Calabria. Anzi, non mi ci fate pensare che con i suoi 40 anni di cantieri mi fa perdere l'ottimismo per la realizzazione del Passante.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia maggio        luglio
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca