.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Alemanno se scorda de li amici?
post pubblicato in Diario, il 17 agosto 2010


                                              

Secondo il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, andrebbe imposta una tassa sui cortei e sulle manifestazioni di piazza, perchè sporcano e non è accettabile che il Comune debba sorbirsi interamente i costi di un numero di manifestazioni nazionali che negli ultimi sei mesi è stato pari a 525.

Le opposizioni insorgono, ovviamente, poichè la libertà di manifestare non può essere ristretta da una tassa, magari migliardaria. Per non parlare del rischio che in realtà quella di Alemanno non sia che una trovata alquanto demagogica, che tra l'altro cavalca l'insofferenza di molti cittadini ed elettori (di centrodestra, soprattutto) stufi dei cortei che magari gli fanno fare quei cinque "insopportabili" minuti di ritardo, per lanciare l'ennesimo attacco alla libertà di essere contro questo Governo.

Ad Alemanno, tuttavia, sfugge che i cortei non sono solo una spesa per la Città. Il fatto che Roma attragga così tante manifestazioni nazionali significa anche che ogni anno milioni di persone giungono a Roma e quindi spendono a Roma, andando ad alimentare tutto il tessuto economico della Capitale.

Ma soprattuto Alemanno dimentica che lui ne sa qualcosa, di cortei e manifestazioni che danneggiano Roma. Fortunamente ne sa qualcosa anche la procura di Roma, che proprio ieri ha mandato in giudizio 470 tassisti che paralizzarono Roma nel Novembre del 2007 per protestare contro la decisione dell'allora sindaco, ed appena eletto segretario del PD, Walter Veltroni, che aveva deciso di liberalizzare il settore. Capofila della protesta era l'UGL della Renata Polverini, ora governatrice del Lazio, e tra i più accaniti sostenitori c'era proprio Alemanno, da sempre contrario alla liberalizzazione. D'altronde, il popolo dei "tassinari" è quello che ha contribuito in maniera decisiva a farlo diventare Sindaco, e lui non manca mai di restituire il favore: è fresco infatti l'aumento delle tariffe, al quale Alemanno non ha opposto alcuna resistenza, anzi ne ha tessuto le lodi, dato che le tariffe "erano bloccate da troppi anni" (alla faccia del "non mettiamo le tasche nelle mani degli Italiani" ... sembra quasi il "le tasse sono una cosa bellissima" di Padoa Schioppa).

E chissà se Alemanno farà schierare, come sua abitudine, il Comune come parte civile al processo ... me sa proprio de no: Alemano nun se scorda de li amici, me sa.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Certi istinti nemmeno un Ministero può levarli
post pubblicato in Diario, il 5 ottobre 2008


                                                            

Oggi il Ministro degli Interni Roberto Maroni ha annunciato che il Viminale si costituirà parte civile contro Amina, la donna somala che ha qualche giorno fa ha denunciato maltrattamenti e offese a sfondo razzista subite da parte della polizia di frontiera dell'aeroporto di Ciampino. Secondo la donna, il personale l'avrebbe insultata ("pazza negra", "ora ti meniamo", "te la faremo pagare"), denudata per 4 ore e accusata di tutto e di più (rapimento di bambini, traffico di clandestini, corriere della droga), salvo poi essere trovata "pulita". Diversa la versione della polizia, che smentisce le offese e dichiara di aver sempliemente seguito le procedure.

Insomma, la parola di Amina contro quella della polizia. Nessuno può arrogarsi il diritto, in questo caso, di conoscere già la verità. Eppure, il Ministro Maroni pretende di conoscere già la verità, schierandosi dalla parte della polizia. "E' una clamorosa montatura, fatta anche dalla stampa, che non c'entra nulla con il razzismo e non c'entra nulla con la prevaricazione della Polizia. Anzi - ha spiegato Maroni - direi che è tutto il contrario. La Polizia, infatti, ha applicato con rigore la legge. Per questo motivo è stata presentata un querela contro questa signora, alla quale io aggiungerò una richiesta di danni, costituendomi, come ministero, parte civile. Non si può permettere che si infanghi la Polizia accusandola di comportamenti razzisti. Ed è veramente incredibile che i giornali diano credito a queste affermazioni senza nemmeno riportare correttamente ciò che è stata l’azione della polizia".

E così, grazie a Maroni, lo Stato, che dovrebbe essere imparziale, soprattutto in questi casi, si schiera a priori con una parte. E' un clamoroso errore, ma che, di questi tempi, non verrà visto in questo modo da larga parte dell'opinione pubblica. Ormai ci stiamo abituando a cose di cui un giorno ci saremmo vergognati. E forse, si spera, un giorno torneremo a vergognarci.

P.S. Stop al razzismo. E soprattutto all'ipocrisia dei falsi anti-razzisti e di chi nega.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia maggio        settembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca