.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Scontro frontale
post pubblicato in Diario, il 8 settembre 2010


                                            

Da una parte, scene di ordinaria follia alla Festa Pd di Torino con fumogeni scagliati contro Bonanni della Cisl. Dall'altra, una Federmeccanica che rescinde unilateralmente il contratto nazionale tanto faticosamente conquistato all'inizio del 2008 dopo una difficilissima trattativa tra i sindacati e l'allora presidente di Federmeccanica Massimo Calearo (la cui successiva candidatura nel PD fu per questo molto molto contestata a sinistra).

Davanti alle violenze di questi giorni, si torna a parlare di "cattivi maestri". Io credo invece che questo tipo di violenze sono ingiustificabili, e imputarle a cattivi maestri sarebbe quasi una giustificazione per chi ha commesso la vile e soprattutto pericolosa aggressione a Bonanni. Tuttavia, se proprio dovessimo parlare di "cattivi maestri", mi domando se in questa definizione non rientrino solo coloro che soffiano sul fuoco delle contestazioni violente, ma anche coloro che fornisco il "substrato" a queste contestazioni. Come quegli industriali che ingaggiano lo scontro con i propri lavoratori, come fatto ora da Federmeccanica e qualche tempo fa da Marchionne con la decisione di tener fuori i tre operai di Melfi. Quei sindacati come la Cisl e la Uil che, se non si sono "venduti al padrone" come recitavano gli striscioni dei contestatori di Torino, si ormai da tempo troppo piegati a questa logica confindustriale e berlusconian-sacconian-brunettiana. Quei partiti politici come il PD che, in preda ad una distorta idea di "riformismo", seguono troppo spesso le orme di questi sindacati. E quesi sindacati come la Cgil che, in preda al conservatorismo più becero, non riescono a convogliare le "forse oppositive" in "forze propositive", per un cambiamento progressista e (davvero) riformista del mondo del lavoro.

Serve una nuova politica sul lavoro, insomma, cara CGIL. Ma non come la vogliono Confindustria e i berluscones, con a ruota Cisl e Uil, un modello tutto basato sulle esigenze degli imprenditori (che comunque vanno considerati anch'essi come lavoratori, e non come "padroni"). E se il PD riuscisse in questa opera di ricucitura, superando lo scontro frontale tra le due parti, riuscerebbe a dimostrare tutto il suo enorme potenziale positivo per l'Italia. Oltre che ad essere se stesso, anzichè inseguire gli altri.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

I fatti nascosti
post pubblicato in Diario, il 23 settembre 2009


                                              

Oggi è partito "Il Fatto Quotidiano", ennesima testata italiana che tuttavia porta una ventata di novità. Già il titolo, in omaggio ad Enzo Biagi, promette bene: occorre assolutamente al mondo dell'informazione centrare l'attenzione sui fatti, prendendo le distanze dalla propaganda, ma anche da sofismi spesso incomprensibili. Se in più ci aggiungiamo che si tratta di un giornale "senza padroni", gestito da una società fatta di tanti piccoli azionisti, tra i quali i giornalisti stessi, senza un azionista di riferimento, comprendiamo la portata della piccola rivoluzione che questo quotidiano rappresenta. Non è quindi certo un caso se 30mila persone ne hanno fatto abbonamento già prima che uscisse il giornale, a "scatola chiusa", e se stamattina le 100mila copie sono finite già nella prima ore della mattina. Un tale successo dimostra che persino in Italia c'è ancora sete di informazione vera e davvero indipendente (da tutti). Che dica tutto, senza remore.

Il primo numero rispetta tutte le aspettative. Tanti articoli interessanti, ma soprattutto quello "scoop" sull'indagine a carico di Gianni Letta per abuso d'ufficio, turbativa d'asta e truffa aggravata per aver favorito una holding di cooperative vicina a Comunione e Liberazione nell'appalto per un centro per rifugiati a Policoro (Matera). Almeno secondo le accuse del già noto pm John Woodcock, i cui atti sono poi stati trasferiti alla procura di Lagonegro. E fin qui, nulla di scandaloso: per un politico essere indagato è ormai un passaggio quasi obbligatorio, e Gianni Letta avrà tutti i modi per dimostrare la propria innocenza (se la ha). Il problema è che la faccenda risale a dieci mesi fa, e nessuno di noi ne ha saputo nulla finora.

Per carità, forse qualcuno ne avrà anche parlato, in qualche trafiletto. Certo non La Repubblica del 4 Aprile 2009 (come chiunque può verificare cercando nell'archivio di Repubblica sul suo sito internet) citata nel comunicato di smentita diffuso dalla Presidenza del Consiglio. Che tra l'altro dice il falso sostenendo che l'indagine sia stata archiviata, mentre è stata solo spostata a Lagonegro per questioni di competenza. In ogni caso, è scandaloso che l'opinione pubblica sia stata mediaticamente tenuta all'oscuro di un "fatto" (così rilevante, poi). Appunto. Speriamo che il "Fatto" continui a mantener fede alle aspettative.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia agosto        ottobre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca