.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Ariecco i bamboccioni
post pubblicato in Diario, il 25 luglio 2009


                                 

Intervenuto all'assemblea dei circoli di "Nuova Italia" ad Orvieto, il ministro del Welfare Sacconi ha dichiarato: "La crisi può essere per i giovani una frustata salutare, affinchè prendano in mano le sorti del proprio destino senza attendere l'iniziativa di altri".

Circa due anni fa l'allora Ministro dell'Economia Padoa Schioppa osò sintetizzare con un "così mandiamo i bamboccioni fuori di casa" alcuni provvedimenti a favore degli under 30, come le detrazioni fiscali sugli affitti e un nuovo piano di edilizia popolare. Vangate di polemiche, mal di pancia nell'allora stessa maggioranza di Governo, campagna denigratoria nel mondo mediatico e nella società civile. E tutto ciò per una battuta sicuramente molto infelice ma che perlomeno era accompagnata da qualche provvedimento utile per i destinatari della "battuta".

Invece Sacconi non solo non fa niente per la questione lavorativa dei giovani, ma li "offende" ritendoli, appunto, alla stregua di "bamboccioni" incapaci di operare autonomamente, ritenendoli necessitevoli di una bella "frustata" dalla crisi. D'altronde non si capisce cosa possa esserci di "salutare" in una crisi che ha fatto licenziare tantissimi precari e quindi tantissimi messo tantissimi giovani alle prese con enormi difficoltà e senza alcuna protezione sociale.

Mi sa che a meritare una bella "frustata" sia il Governo, non i giovani. Invece di parlare tanto per dare aria alla bocca, dovrebbero prendere provvedimenti seri contro la crisi. Ammesso sempre che ammettano che esista.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Ecco il tesoretto ... andrà ai lavoratori dipendenti?
post pubblicato in I frutti della demagogia, il 14 agosto 2008


                                                      

I dati smentiscono Tremonti
. Il Ministro dell'Economia, infatti, aveva più volte ribadito che "il tesoretto non esiste". Eppure, quello che emerge dai dati dello stesso Ministero lo contraddice. Leggiamo un po' questa agenzia dell'AGI:

(AGI) - Roma, 12 ago. - "In aumento le entrate tributarie: nei primi sei mesi, sono risultate superiori alle stime per circa 4 miliardi di euro (+2,3%) rispetto allo stesso periodo del 2007. Lo rende noto il Dipartimento delle Finanze. Al lordo delle 'una tantum', cioe' delle entrate derivanti da prelievi straordinari, la crescita e' stata del 2,2%".

Insomma, 4 miliardi di extra-gettito (il "tesoretto"), ovvero di gettito fiscale superiore alle attese. Ammetterà Tremonti stavolta l'esistenza del tesoretto? O forse sono dati sballati? Sicuramente Tremonti troverà un qualche modo per negare l'evidenza. Ma la domanda più importante è questa: a chi andranno questi soldi? La Finanziaria 2008, infatti, prevedeva che una parte dell'extragettito 2008 andasse alla riduzione delle tasse ai lavoratori dipendenti, cominciando dalle fasce di reddito più basse.

Ma il Governo ha già risposto: "buone notizie, vedremo cosa farne, ma la priorità sono i conti pubblici". Mi verrebbe da dire che è una tipica frase Padoa-Schioppiana, però allora l'attuale maggioranza lo criticava e diceva che la priorità era la diminuzione delle tasse. Però, se perfino Padoa Schioppa aveva stabilito che parte dell'extragettito andasse in quella direzione, mi fa molta specie che chi ha cavalcato la protesta popolare "contro il Governo delle tasse" ora dica le stesse cose di quel Governo.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

"Non metteremo le mani nelle tasche degli Italiani"
post pubblicato in Diario, il 26 giugno 2008


                                                 

Il primo Dpef tremontiano
, documento di programmazione economico-finanziaria del Governo, ha riservato parecchie sorprese. A parte l'arcinota questione dell'inflazione programmata all'1.7%, quando ormai è al 3.6%, con conseguenze sul riadeguamento automatico dei contratti (ma non pensiamo sempre a male e fidiamoci del Governo e di Confindustria che dicono "l'inflazione programmata è un obiettivo, poi se non verrà raggiunto, terremo conto dell'inflazione reale per i contratti"), e a parte il rallentamento degli obiettivi di risanamento dei conti (poca cosa, il pareggio non sarà raggiunto, per poco, nel 2011, ma nel 2012). Ciò che mi preme sottolineare è invece la questione della pressione fiscale.

Ecco cosa recita il programma del PDL alla terza pagina: "In ogni caso ci è ben chiaro che la realizzazione del nostro programma è sottoposta a tre vincoli essenziali: il vincolo costituito dalla crisi economica in atto (...), il vincolo imposto dagli impegni di trattato europeo (...), il vincolo costituito dall'attuale instabile equilibrio dei conti pubblici italiani (...). In ogni caso non metteremo mai le mani nelle tasche dei cittadini". E' la famosa frase fritta e rifritta del centrodestra, contro il "governo delle tasse" di Prodi, Padoa-Schioppa "Dracula" eccetera eccetera. Ed ecco cosa recita all'ottava pagina: "Graduale e progressiva diminuzione della pressione fiscale sotto il 40% del PIL".

Ora leggiamo cosa dice il DPEF 2009-2013 (fonte ASCA - 24 Giugno): "Non è prevista scendere la pressione fiscale nel periodo 2009-2013, periodo preso in considerazione dal Dpef, con l'effetto della manovra. Nel 2008 la pressione fiscale sarà al 43% e il livello si confermerà anche nel 2009. In lieve aumento nel 2010, al 43.2%, per poi scendere al 43.1% nel 2011 e nel 2012 e al 42.9% nel 2013". Tradotto in soldoni, non è nei programmi del Governo Berlusconi far scendere la pressione fiscale, la quale rimarrà al 43% (altro che sotto il 40%!!!), per tutti i cinque anni del suo Governo. Anzi, per tre anni sarà addirittura salità, anche se di pochissimo. Ma come? Prodi non aveva riempito di tasse gli Italiani? Le tasse non andavano abbassate? Forse quelle tasse erano necessarie? O forse non c'era stato poi tutto quell'aumento che dicevano? Oddio mi sono crollate tutte le certezze ...

P.S. Una domanda a Tremonti e una al Governo Berlusconi: secondo voi ora sono legittimato o no a chiamarvi rispettivamente "Dracula" e "governo delle tasse"?

Se questi sono i risultati ... viva la GdF e "Dracula" Padoa-Schioppa
post pubblicato in Diario, il 20 giugno 2008


                             

Oggi è la festa della Guardia di Finanza
. Ma in realtà è la festa di tutti gli Italiani onesti che pagano le tasse e rispettano le regole, che grazie all'operato della GdF si possono sentire meno svantaggiati nei confronti dei "furbetti". Come emerso circa un mese fa, infatti, nei primi quattro mesi del 2008, la Guardia di Finanza ha effettuato oltre 36 mila verifiche nella lotta all'evasione fiscale con la scoperta di violazioni per oltre 9 miliardi di euro nelle imposte dirette, il 33% in più rispetto allo stesso periodo del 2007. Ammonta invece a 1,8 miliardi di euro l'Iva dovuta e non versata. Sono dati rilevanti, considerando anche gli storici risultati del 2007, che avevano portato ad un recupero di 30 miliardi di redditi imponibili e 5,3 miliardi di Iva.

Sono dati che si commentano da soli. E che fanno cadere tutte le illazioni di chi (centrodestra, Confindustria, Confcommercio, eccetera) ha accusato e continua ad accusare il precedente Governo di aver inventato i proventi della lotta all'evasione e, nel migliore dei casi, accusava il Governo di combattere l'evasione con metodi "sanguinari" e "foschi", dipingendo il Ministro Padoa-Schioppa come "Dracula", per non parlare del come è stato trattato il viceministro Visco. Evidentemente questi soggetti hanno difficoltà a parlare con i dati, che al contrario confermano che la lotta all'evasione non solo c'è stata, ma è stata di rilevazanza storica (+33%!). E, se questi sono i risultati, ben vengano i metodi "sanguinari" di Padoa Schioppa.

Risultati che il nuovo Governo dovrebbe impegnarsi a confermare, invece di pensare a criticare il precedente Governo proprio su un campo in cui è difficile criticarlo. Ma a quanto pare al nuovo Governo i metodi dello scorso Governo, che hanno portato questi straordinari risultati, non piacciono: tant'è vero che nella prossima Finanziaria verranno cancellate molte di queste norme "anti-evasione". Evidentemente la "tolleranza zero" e i metodi "durissimi" valgono solo per gli immigrati.

Padoa-Schioppa: "Il tesoretto non esiste (ancora)"
post pubblicato in Diario, il 12 febbraio 2008


                
 
Oggi è scoppiata una forte polemica, da parte di settori della politica e del mondo sindacale, su una frase che il Ministro del Tesoro Padoa-Schioppa avrebbe pronunciato ai suoi collaboratori su un volo diretto a Bruxelles, ovvero: "Il tesoretto non c'è. L'ho detto a dicembre e nel frattempo la situazione è solo peggiorata". La frase, sulla quale "La Repubblica" ci ha scritto un intero articolo in prima pagina, è stata però smentita dallo stesso ministro, che ha oggi chiarito: "Oggi è il 12 Febbraio e tra un mese uscirà la relazione unificata sull'economia e la finanza. Solo allora avremo un quadro aggiornato della situazione dei conti. Prima di quel momento non saremo sufficientemente informati per pronunciarci. E dubito che al di fuori del ministero abbiano più informazioni di noi".

Insomma, TPS non ha detto che non ci sarà il tesoretto. Ha semplicemente detto, cosa che mi trova molto d'accordo, che è ridicolo fare speculazioni (e lo stanno facendo tutti) sul "tesoretto", perchè fino a Marzo, ovvero alla trimestrale di cassa, non avremo alcun dato preciso. Quindi, inutile dire "possiamo ridurre le tasse e aumentare i salari perchè ci sono i soldi, derivanti dalla lotta all'evasione", perchè se è vero che la lotta all'evasione c'è stata (il +78% di evasione scoperta nel 2007 ne è il simbolo), non è detto che ci sia il "tesoretto", perchè nei conti possono rientrare tutta una serie di variabili e meccanismi. Insomma, quella del tesoretto è una "ragionevole speranza", derivata dai dati sull'evasione e sui maggiori gettiti fiscali. Ma solo con la Trimestrale si potrà vedere l'effettiva portata di questo "tesoretto", se ci sarà. Magari sarà ancora maggiore del previsto, o peggiore. Non lo possiamo sapere: tutto il resto sono solo congetture (e campagna elettorale).
Sfoglia giugno        agosto
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca