.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Si istituisca il registro dei donatori
post pubblicato in Diario, il 9 ottobre 2010



Sabato 9 e Domenica 10 Ottobre si celebrano le giornate nazionali di informazione ed autofinanziamento dell'Aido (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, tessuti e cellule).

Tutti sanno che la donazione degli organi consente di salvare altre vite. Pochi però hanno una corretta informazione sul tema (ad esempio, ben pochi sanno che pressochè tutte le religioni autorizzano, e anzi incentivano, la donazione degli organi; cosa che, d'altronde, non dovrebbe meravigliare, visto che si tratta di un così bel gesto di carità verso il prossimo), e così non tutti, alla fine, danno il consenso. Ed è un vero peccato.

Anzi, i propri cari non danno il consenso. Già, perchè in mancanza di precise indicazioni del potenziale donatore, sono i propri parenti diretti a decidere se autorizzare all'espianto degli organi. E allora, dico io: perchè non istituire un registro statale dei donatori d'organo, insoma, un metodo attraverso il quale chiunque può certificare la propria volontà in materia? Anzi, riformulo la domanda: perchè questo registro ancora non è stato istituito?

P.S. Comunque, per la cronaca: ove mai dovesse succedermi qualcosa di spiacevole, voglio donare i miei organi.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

Donare la vita non dev'essere un peso
post pubblicato in Diario, il 20 ottobre 2009


                                                

Devo dire che quando ho letto questa notizia sono rimasto contento ed amareggiato insieme. Contento perchè un bambino è tornato ad una vita normale grazie al rene del padre. Amareggiato perchè il padre, donatore vivo, ha dovuto rinunciare al proprio lavoro per affrontare il percorso del trapianto, per il quale inoltre ha dovuto pagare autonomamente le cure mediche pre e post operazione.

E questo non per una legge che manca, ma per una motivazione ben peggiore: la legge esiste da ben 42 anni, ma non può essere applicata perchè non è mai stato varato il decreto attuativo. E così le persone che nelle stesse condizioni del padre di Tommaso sono magari impossibilitate o comunque costrette a rinunciare al lavoro e a farsi in quattro per donare una vita normale alle persone care.

E' una vergogna. Ma anche qualcosa che si può correggere in un secondo. Certo, se i vari Gasparri e Quagliariello si ricordassero di battagliare per la vita anche su queste cose, e non su una persona che ha scelto di morire naturalmente, sarebbe ancora più facile.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Donare la vita
post pubblicato in Diario, il 9 settembre 2009


                                                    

Leggevo del ritorno in pubblico di Steve Jobs, magnate di Apple, dopo aver subito un trapianto di fegato, e mi sono sentito, per i miei venticinque e-lettori, di diffondere il suo appello per la donazione degli organi.

Donare gli organi è una scelta generosa, ma anche intelligente. In fondo, dopo la morte, gli organi sono destinati, come tutto il corpo, a diventare "polvere". Perchè allora non donarli per salvare la vita di tante altre persone? Non c'è nessun motivo ragionevole per non farlo. Forse qualche convinzione religiosa ... ma stento a credere che Dio o chiunque altro possa ritenere sbagliato un tale atto d'amore per il prossimo.

Io ho già deciso. E voi?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia settembre        novembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca