.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Eticamente parlando
post pubblicato in Diario, il 4 ottobre 2010


                                                   

Sinceramente la posizione del Vaticano sul Nobel per la Medicina assegnato a Robert Edwards, inventore della tecnica che ha spianato la strada alla fecondazione assistita, mi suona un po' strana.

Che io sappia, infatti, il Vaticano è pro-life, ovvero difende e promuove la vita. Ed è quindi paradossale che critichi l'assegnazione di un premio a chi ha consentito la nascita di decine di migliaia di bambini in tutto il mondo. Offrendo una chance a coppie che non potevano averla, e che magari non se la sentivano di adottare un bambino.

Certo, il mondo della procreazione assistita presenta diverse problematiche "etiche", di contorno alla fecondazione stessa, e di fronte alle quali anche io mi interrogo o, già adesso, sono in grado di schierarmi dalla parte del Vaticano e del movimento pro-life, cosa che mi capita spesso su tutte le questioni concernenti l'embrione, a differenza di molte altre tematiche ritenute "etiche" e sulle quali invece verrei ritenuto "laicista" (testamento biologico, coppie omosessuali, eccetera eccetera). Ma queste problematiche non inficiano in alcun modo "l'eticità" della scoperta: accusare Edwards di aver mandato a "morte" migliaia di "vite" per la tecnica del congelamento degli embrioni, usata in vari Paesi, è come accusare lo stesso Nobel, ideatore del premio, degli usi che si sono fatti della dinamite. O ad Einstein di essere responsabile delle ecatombi di Hiroshima e Nagasaki.

E' ridicolo. E, in questo caso, anche paradossale.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Cento di questi anni
post pubblicato in Diario, il 22 aprile 2009


                                                           

Oggi Rita Levi Montalcini compie 100 anni, e Discutendo non poteva non dedicare il post odierno alla più famosa scienziata d'Italia, senatrice a vita ma soprattutto Premio Nobel per la Medicina.

L'occasione è stata colta da molti, e dalla Montalcini stessa, per rinnovare il solito quanto inascoltato appello per maggiori fondi alla ricerca italiana. Eppure la situazione è tragica: l'Italia, sia intesa come Stato che come imprese, è l'ultima tra i paesi OCSE per investimenti sulla ricerca ed è fra gli ultimi come stipendi dei ricercatori. Il che si traduce in una enorme "fuga dei cervelli", con migliaia di nostri ricercatori che vanno all'estero, dove le loro capacità hanno modo di esprimersi (e far fruttare le economie di quei Paesi). La stessa Montalcini, d'altronde, dovette andare in America, e fu grazie alle ricerche che svolse lì che vinse il Nobel.

E allora tanti auguri, cara Rita, e cento di questi anni. Ma speriamo che nel frattempo cambi qualcosa nella ricerca in Italia!

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia settembre        novembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca