.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Economia da poltrona ed economia reale
post pubblicato in Diario, il 14 settembre 2009


                                          

E' passato ormai un anno da quel giorno di Settembre nel quale fallì la Lehman Brothers, e nessuno capì che l'addio al colosso finanziario americano sarebbe stata la goccia che ha fatto poi traboccare il vaso dell'intera economia globale, con tutti i suoi devastanti effetti sull'economia globale (a proposito, peggiora la situazione dell'Italia, nonostante i media diffondano ottimismo).

Il Presidente USA Obama, che all'epoca era impegnato nella volata finale delle presidenziali, ha affermato a gran voce che le regole nella finanza devono cambiare, che non devono essere più permessi "comportamenti sconsiderati" e che lo Stato non deve essere più necessitato ad intervenire per salvare banche o intervenire nel sistema finanziario. Inoltre, Obama ha posto ancora una volta l'accento sui bonus dati ai manager, una delle storture simboliche del sistema.

Per quanto mi riguarda, non ci capisco tantissimo di economia, e peggio ancor di finanza. Tuttavia, ho sempre trovato, se non sbagliato, indecente che si potesse "giocare" in Borsa. Vincere o perdere semplicemente schiacciando un bottone. Che si possa determinare la morte o il successo di un'azienda solo con delle manovre speculative. Che si possa letteralmente vendere l'aria fritta, ovvero prodotti finanziari come quelli che hanno scatenato la bolla speculativa negli USA. Insomma, ho sempre trovato illogico e controproducente che potesse esistere una sorta di "economia parallela" a quella "reale", ovvero del tutto slegata alla produzione reale, alle vendite reali, ai guadagni reali, agli investimenti reali ... alla fatica reale, insomma. Perchè è, come dire, "moralmente sbagliato", questa "economia da poltrona", oltre che fallimentare, perchè prima o poi qualcuno ne pagherà le conseguenze.

E, guarda caso, alla fine a pagarle siamo sempre soprattutto noi. Quelli che lavorano e producono veramente.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Lodi, lodi, lodi ...
post pubblicato in Diario, il 1 settembre 2009


                                                 

Ancora un Lodo. Stavolta passato praticamente sotto silenzio: si tratta del cosiddetto "Lodo Bernardo", dal nome del "presunto onorevole" del PDL che ha fatto da prestanome. In pratica con questa norma diminuiscono i poteri della Corte dei Conti, poichè viene loro impedito di avviare indagini sui danni erariali senza che sia arrivata apposita denuncia dagli enti statali che hanno subito il danno.

Una domanda sorge spontanea: ma chi è che compie i danni erariali? Quasi sempre si tratta di manager e dirigenti di aziende pubbliche, che assumono in maniera spropositata, oppure appaltano in maniera sconsiderata, oppure sperperano i soldi pubblici in cose dalla dubbia utilità. E chi è che li nomina? Gli amministratori, i politici insomma. Quindi è come mettere i polli a guardia del pollaio, come una sorta di "saccheggio legalizzato" delle casse pubbliche.

Bel lavoro per un Governo che si era proposto di fare una lotta agli sprechi ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Bene la trasparenza, ma la decenza?
post pubblicato in Diario, il 3 luglio 2009


                                           

Il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, ha appena reso noto l'elenco dei trattamenti economici di ventimila amministratori di società pubbliche e partecipate italiane (qui l'elenco dei primi cento). Si tratta più o meno di un centinaio di milioni di euro che ogni anno spendiamo per foraggiare questi "manager pubblici", che spesso tra l'altro si dimostrano pessimi gestori (vedi Alitalia, e non solo).

Non c'è che dire, Brunetta ha fatto una cosa giusta: è nostro diritto sapere i nostri soldi dove e in che misura vanno a finire, dunque ogni cosa che va in questa direzione è più che legittima. Il problema è che se si rende trasparente una cosa, poi bisogna prenderne atto. E Brunetta, insieme al suo Governo, dovrebbero prendere atto di aver fatto una cazzata ad abolire il tetto sugli stipendi dei manager pubblici voluto dal Governo Prodi. Perchè è inaccettabile che che delle persone possano prendere stipendi milionari (i primi cinque da soli ci costano 15 milioni l'anno) dallo Stato e magari non solo non producono un profitto allo Stato tale da giustificare tale spesa, ma addiritura arrecano danno economico per cattiva gestione.

Insomma, bene la trasparenza, ma si agisca di conseguenza. Altrimenti, cavolo, un po' di decenza, meglio tenerli nascosti, 'sti dati.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Si indaghi per bene sulla gestione di Alitalia
post pubblicato in Diario, il 17 dicembre 2008


                                                     

Mentre tutta l'Italia, mediatica soprattutto, si interroga sul ritorno della "questione morale", visti i recenti provvedimenti della magistratura contro alcune giunte di centrosinistra con coinvolgimenti anche di altri partiti, oggi vi parlerò invece di un'altra vicenda giudiziaria. Della cosidetta "nuova questione morale" ho infatti già parlato: comunque, ripeto, mi aspetto un po' più di serietà e obiettività da parte dell'informazione, che accentua determinati casi e "dimentica" altri, e spero che venga un segnale forte dal PD e dagli altri partiti che dia una bella scossa all'albero della politica togliendo le mele marce. Anche se in alcuni casi sono i rami, se non i tronchi, ad essere marciti.

Detto ciò, la vicenda cui mi riferivo prima è l'avvio dell'indagine sulla gestione di Alitalia degli ultimi 8 anni, avviata dalla Procura di Roma. In particolare, sono sotto inchiesta i vertici dell'azienda, Cimoli in testa, del periodo 2000-07. Il reato in questione è quello di "bancarotta". Insomma, la magistratura sta cominciando a indagare su quella commistione fra mala-dirigenza, mala-politica e mala-sindacatura che ha portato alla rovina una delle aziende migliori del Paese, tra gestione economica fallimentare, organizzazione ridicola, liquidazioni eccezionali per manager fallimentari, difesa di privilegi a volte incredibili, giochini elettoral-propagandistici sugli "aeroporti di provincia" e sulla "italianità" che hanno danneggiato scelte di mercato più giuste e convenienti.

Speriamo bene. Speriamo che questa vicenda giudiziaria non finisca a "tarallucci e vino", con sconti di pena, prescrizioni, lungaggini e tutte quelle belle cose cui siamo putroppo abituati. Siamo stanchi di veder andare in galera i poveri cristi e a piede libero i veri malfattori, quelli che rovinano le aziende, i risparmiatori, i lavoratori, insomma il Sistema Italia. Basta.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia agosto        ottobre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca