.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Non chiamateli eroi
post pubblicato in Diario, il 21 settembre 2009


                                                

Oggi è solo il momento del dolore, dunque terrò a freno le polemiche (d'altronde ho già detto la mia giovedì). Solo una cosa, però: non chiamateli eroi. Quei sei militari caduti in Afghanistan sono vittime, non eroi.

Chiamarli eroi vorrebbe dire delegare la responsabilità della loro morte a loro stessi. Morire da eroi significa morire mentre si fa qualcosa di eroico, che nessuno ti ha chiesto di fare, nemmeno lo Stato. Quei sei militari, invece, non hanno fatto alcunchè di eroico, a meno di non voler definire tale un giro di pattuglia in carrarmato. Sono invece vittime di un vile attentato, e della colpevole ipocrisia di uno Stato e di una classe politica (tutta, ormai) che manda in guerra persone equipaggiate per la pace.

Basta retorica, dunque. Chiamiamo le cose con il loro nome. E non nascondiamo le responsabilità.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Guerra e pace
post pubblicato in Diario, il 10 agosto 2009


                                              

La schizofrenia nel Governo continua a farsi strada. Dopo la querelle Nord-Sud, tornano le polemiche sull'Afghanistan. La Lega, almeno a parole, vuole il ritiro immediato (anche da altre missioni, a dire il vero). Berlusconi non esclude la possibilità. Il Ministro della Difesa, invece, ora vuole addirittura inasprire la missione.

In un'intervista al Corriere della Sera, infatti, La Russa propone una modifica delle regole d'ingaggio dei militari, superando il modello codice-di-pace/codice-di-guerra che in Italia vige dal 1941. Insomma per il Ministro il codice di pace non basta per la missione afghana, e, dato che non si vuole osare usare il codice di guerra, occorrerebbe creare un codice specifico per le missioni militari all'estero, che però "somigli più ad un codice di guerra che di pace". Ed il bello è che la proposta non solo trova il consenso generale del mondo militare, ma anche della maggior parte dell'opposizione.

Io non sono per niente d'accordo. Innanzitutto, la nostra Costituzione dice chiaramente che "L'Italia ripudia la guerra come strumento d'offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali". Dunque, se dobbiamo partecipare ad una guerra, e La Russa ha ormai finalmente ammesso che in Afghanistan c'è una guerra (come d'altronde definita tale anche dai generali Angioini ed Arpino, commentando la proposta), dobbiamo farlo solo come parte lesa. E dubito che la missione afghana possa definirsi una missione di difesa. Si dirà che l'interpretazione dell'art. 11 è alquanto vaga ... d'accordo, allora ragioniamo su altro. E' giusto che l'Italia partecipi ad una missione di occupazione e di guerra? E' giusto farlo in un Paese che non ci riguarda poi molto? E' giusto far morire decine dei suoi figli e spendere miliardi delle nostre tasse, tra l'altro in periodo di crisi, e tagli miliardari su altri fronti? E' giusto farlo per così tanti anni senza grandi cambiamenti ottenuti? E' giusto farlo mentre si è già impegnati su molti altri fronti? Insomma, l'Italia ne sta traendo vantaggio, o perlomeno danni minimi? La risposta è no, e mi pare anche un ragionamento abbastanza obiettivo.

Quindi, più che inasprire la missione, penserei ad una exit-strategy. Concordata con gli alleati e soprattutto con il governo locale, d'accordo. Ma l'importante è fissare una data, e non lontana nel tempo, in cui dire basta al nostro impegno oramai quasi decennale in quella regione.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Niet-anyahu
post pubblicato in Diario, il 21 maggio 2009


                                            

"Due popoli, due Stati? No, per i palestinesi al massimo una forma di autogoverno". Così, qualche giorno fa, il neo-premier israeliano Benjamin Netanyahu ha liquidato, nell'incontro bilaterale di Washington, gli sforzi del suo collega americano Obama per una Terrasanta definitivamente pacificata.

Non solo: a quanto pare, Netanyahu sembra intenzionato a rispedire al mittente anche la nuova "road-map" che Obama dovrebbe presentare agli inizi di Giugno. La creazione di uno Stato palestinese indipendente, con continuità territoriale fra Gaza e Cisgiordania (tramite tunnel e modifiche di confine) e Gerusalemme Est come capitale, e l'affido all'ONU della "città vecchia" di Gerusalemme, l'area più contesa fra le parti, sembrano condizioni inaccettabili per i governanti israeliani, che giudicano il piano "ben congegnato, ma vuoto di sostanza". Ed Israele è anche tornato a massicce politiche colonizzatrici dei territori palestinesi.

Si tratta di errori madornali dei dirigenti israeliani. La Palestina potrà trovare pace solo se entrambe le parti riconosceranno l'altrui diritto ad esistere, ed ad esistere come Stati indipendenti in tutto e per tutto, come territori e soprattutto come rirsorse. Punto. Senza soffermarsi su analisi storiche, o su analisi di responsabilità: quando una guerra dura da cinquant'anni, è semplicemente ridicolo dire "hai iniziato prima tu", oppure "è colpa tua". Bisogna solo fermarsi alla realtà, e la realtà ci dice che ci sono due popoli, ognuno con le sue giuste motivazioni e le sue malefatte.

Resta da comprendere se c'è la volontà di volere la pace: d'altronde Netanyahu sa benissimo che se è riuscito a diventare premier è anche grazie alla paura dell'elettorato israeliano, come sempre in un'elezione che vede vincente la destra, di questi tempi. A lui la pace politicamente non conviene, dunque, come ai dirigenti di Hamas. E allora, forse, la pace sarà davvero possibile solo quando palestinesi e israeliani saranno abbastanza maturi e saggi da scegliere persone più moderate a rappresentarli. Nel frattempo, speriamo in Obama, che perlomeno ha riportato l'America sulla strada dell'imparzialità, abbandonata da Bush. Yes, he can?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Fermate l'orrore!
post pubblicato in Diario, il 9 agosto 2008


                                                    
 
Altro che tregua olimpica
. Mentre lo "zar" russo Vladimir Putin assisteva alla cerimonia d'inaugurazione di Pechino 2008, nel Caucaso tornava l'orrore. E' guerra di numeri e di scambi di reciproche responsabilità fra Russia e Georgia; ma sopratutto è guerra di sangue, con due paesi in guerra, pulizie etniche in atto e  migliaia di morti civili e non.

E' la polveriera del Caucaso, una regione tormentata da anni di conflitti etnici, una cartina geografica disegnata col sangue e con la sofferenza di centinaia di migliaia di persone incolpevoli, con popoli sistemati in paesi che non li rappresentano, minoranze separatiste e interessi economico-strategici. Un perenne conflitto dove nessuno ha ragione e tutti hanno colpa.

Sarebbe l'ora di smetterla, ma ci sono troppi interessi in gioco. Io dico solo una cosa: ONU, se ci sei, batti un colpo. Se davvero sei un organismo internazionale indipendente e con l'obiettivo di tutelare la pace nel mondo, non perdere tempo. Bisogna chiedere immediatamente la fine delle ostilità, o perlomeno una tregua, e, se necessario, inviare una forza di interposizione permanente in Caucaso, come fatto per il Libano due estati fa. Per poi mettere finalmente mano alla cartina geografica e risolvere in qualche maniera il problema.

Impossibile? Beh, per questo, e non per essere un impotente giocattolino nelle mani delle grandi potenze, esiste l'ONU. Che lo dimostri.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia agosto        ottobre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca