.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Staminali e fine vita, due questioni diverse
post pubblicato in Diario, il 11 novembre 2008


                                                        

Oggi il dibattito bioetico è stato scosso da due vicende, rimarcati da altrettanti moniti del Vaticano. Entrambi negativi. Cosa che in certi mondi ultra-cattolici o ultra-laici comporta, a priori, una divisione fra favorevoli ad entrambi e contrari ad entrambi, quando invece le cose vanno sempre analizzate una per volta e senza tifoserie, soprattutto in argomenti così delicati come questi.

La prima problematica è quella della ricerca sulle cellule staminali: infatti, il Vaticano ha "avvertito" Obama sulla propria contrarietà allo "sblocco" della ricerca sulle staminali (Bush aveva imposto una serie di limitiazioni). Lo staff di Obama ne aveva infatti fatto trapelare la possibilità. Ebbene, in tal caso condivido la posizione del Vaticano: innanzitutto, perchè tale tipo di ricerca comporta la distruzione dell'embrione, o meglio della blastocisti (lo stato primitivo in cui "l'embrione" è ancora inferiore a 150 cellule), e quindi di una potenziale vita. Quindi, poichè disponiamo di una valida alternativa, ovvero la ricerca sulle cellule staminali adulte o del cordone ombelicale (che tra l'altro finora hanno dato frutti concreti), perchè ostinarsi a perseguire questo tipo di ricerca?

L'altra problematica è invece l'annosa questione sul "fine vita": secondo il PG della Cassazione è "inammissibile" il ricorso della Procura di Milano contro Beppino Englaro, che da anni chiede di "staccare la spina" alla figlia Eluana e che accoglie la notizia come una buona speranza per la sentenza della Cassazione, che metterà la parola fine ad un dibattito durato 16 anni. Il Vaticano invece accoglie la notizia negativamente, sostenendo che "sarebbe una mostruosità disumana ed un assassinio". Ecco, in questo caso dissento dal Vaticano, in quanto non è un assassinio lasciar morire una persona che, in piena coscienza, esprime la propria contrarietà all'accanimento terapeutico nell'eventualità di trovarsi in simile condizione di irreversibilità (almeno per la scienza, poi chi è credente può anche credere nei miracoli, e quindi è comprensibile la posizione della Chiesa, ma non su questo si devono basare le regole del vivere civile). In tal caso non è "sucidio assistito", ma semplicemente lasciare che la natura faccia il suo corso, se non c'è la possibilità di intervenire in altro modo in senso "reversibile".

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Prima Welby, ora Ravasin: il Parlamento non può stare a guardare
post pubblicato in Diario, il 21 luglio 2008


                                                         

"Io Paolo Ravasin nato a Ceggia, in provincia di Venezia il quattro aprile 1960, attualmente ospite presso la Casa Soggiorno Villa delle Magnolie a Monastier, in provincia di Treviso e sono stato adeguatamente informato, nel corso di approfonditi colloqui con il dottor Agostino Paccagnella (06.02.08) e il dottor Guido Zerbinati (06.02.08 e 13.02.08) alla presenza del dottor Camillo Barbisan Presidente del Comitato di Bioetica dell'ULSS 9, dell'evoluzione della mia malattia e della conseguente indicazione ai relativi trattamenti. In particolare per quanto riguarda la possibilità di nutrirmi ed idratarmi. La mia ferma, convinta e documentata volontà in proposito è la seguente:"nel momento in cui non fossi più in grado di mangiare o di bere attraverso la mia bocca oppongo il mio rifiuto ad ogni forma di alimentazione e di idratazione artificiale sostitutive della modalità naturale.  Tale rifiuto è da ritenersi efficace anche nella circostanza in cui perdessi qualsivoglia capacità di esprimere e ribadire la mia volontà.Inoltre, a partire dal momento in cui non fossi più in grado di nutrirmi e idratarmi attraverso la mia bocca rifiuto la somministrazione di qualsiasi terapia medica destinata a trattare la malattia di cui sono affetto e oltre altre patologie sopravvenienti intese come complicazioni. Accetto unicamente i farmaci necessari a trattare i sintomi dolorosi derivanti, in particolar modo, dalla disidratazione nella modalità di somministrazione che il mio medico - dottor. Guido Zerbinati o i suoi sostituti - riterrà appropriata.Affermo di essere stato informato e quindi sono pienamente consapevole delle conseguenze a cui mi espongo mediante tale rifiuto che tuttavia considero quale mia insuperabile manifestazione di volontà. Infine oppongo il mio rifiuto ad ogni trasferimento in strutture ospedaliere".Non essendo in grado di sottoscrivere materialmente tale documento a causa della mia infermità attribuisco al medesimo il valore di espressione della mia autentica volontà attraverso una videoregistrazione nel corso della quale ho letto la lettura di questo testo al quale ho dato oralmente il mio assenso e che viene sottoscritto dai testimoni presenti".

Il testo riportato (disponibile anche in video su www.lucacoscioni.it) rappresenta il testamento biologico di Paolo Ravasin, malato di sclerosi laterale amiotrofica (SLA), la stessa malattia di cui era affetto Piergiorgio Welby. Putroppo in Italia non esiste ancora alcuna legge che regoli il testamento biologico. E quindi Paolo Ravasin rischia di dover seguire il medesimo calvario di Welby, per colpa di un potere politico che, probabilmente per paura di inimicarsi certi "ambienti", non è in grado di legiferare su questa materia, stabilendo una volta per tutte se sia possibile o no concedere il "diritto di morire" in determinate circostanze.

Personalmente, credo che sia giusto concedere a Ravasin il diritto di morire, come era giusto per Welby. Chiamatelo come volete, eutanasia, testamento biologico, eutanasia attiva volontaria, non importa, l'importante è concederlo. Qui la religione non c'entra niente: anche io sono credente, ma ciò non vuol dire che devo costringere persone non credenti a continuare a soffrire in una condizione scientificamente irreversibile perchè io, credente, credo invece che questa situazione sia reversibile non scientificamente ma con un "miracolo". Che sia chiaro: non sto parlando di diritto al suicidio. Sto semplicemente affermando il diritto di una persona, se lo vuole, a porre fine alla propria condizione di sofferenza se essa è scientificamente irreversibile. Punto. Perdonatemi, ma non riesco a capire cosa ci sia di così assurdo e sbagliato in questo.

Per maggiori info su Ravasin e gli altri casi: www.lucacoscioni.it

www.discutendo.ilcannochiale.it

Caso Eluana, finalmente rispettata la libertà di scelta
post pubblicato in Diario, il 9 luglio 2008


                                                  

La Corte d'Appello di Milano ha oggi sancito una sentenza storica. E' stata infatti autorizzata la sospensione del trattamento che tiene in vita Eluana Englaro, la ragazza in coma irreversibile dal 1992, a causa di un incidente stradale, il cui padre Beppino, nel rispetto delle volontà a suo tempo espresse da Eluana, chiede da anni e anni la sospensione delle terapie che la tengono in vita. Dopo ripetuti fallimenti, la Corte di Cassazione nel 2007 aveva rinviato il caso alla Corte d'Appello, esprimendo parere favorevole alla sospensione delle terapie se fossero state accertate due condizioni:
- l'irreversibilità della condizione di stato vegetativo e l'assenza di alcun fondamento medico, secondo gli standard riconosciuti a livello internazionale, che lasci suppore la benchè minima possibilità di un qualche recupero della coscienza;
- la prova che il paziente, prima di perdere la coscienza, sarebbe stato contrario alla continuazione delle cure.

Evidentemente le due condizioni sono state entrambe riconosciute, e quindi la Corte d'Appello ha disposto per l'autorizzazione. E' davvero una "vittoria dello Stato di diritto", come ha dichiarato il padre di Eluana, Beppino Englaro. Chiamatela come volete,eutanasia, eutanasia attiva, eutanasia attiva volontaria, dolce morte, morte dignitosa, testamento biologico: chiamatela come volete, l'importante è che venga riconosciuto il diritto di una persona di scegliere, in piena coscienza, cosa disporre della propria vita, quand'essa si trovi in uno stato vegetativo o di sofferenza irreversibile. E qui il mio pensiero va a Piergiorgio Welby che, a differenza di Eluana, era perfettamente cosciente nel suo stato di "vita non-vita". E, nonostante ciò, non gli è stato riconosciuto il diritto di scelta.

E' ora che il Parlamento si adegui e riempia il vuoto legislativo riguardante l'eutanasia "attiva volontaria". Non si può ogni volta perdere tempo nei tribunali e prolungare il calvario di chi non ha voluto fare questa scelta.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Diritto alla vita. E diritto alla morte
post pubblicato in Diario, il 3 febbraio 2008


                  

"La vita deve essere tutelata e servita sempre, ancora più quando essa è fragile e bisognosa di attenzioni e cure, sia prima della nascita che nella sua fase terminale". Lo ha dichiarato Benedetto XVI nell'occasione della Giornata della Vita, promossa dalla Cei.

Le parole del Papa, tuttavia, arrivano in coincidenza con la diffusione del documento degli ospedali di 4 atenei romani, nel quale si dichiara che "un neonato vitale, in estrema prematurità, va trattato come qualsiasi persona in condizioni di rischio e assistito adeguatamente". Insomma il neonatologo deve rianimarlo, "anche se la madre è contraria, perchè prevale l'interesse del neonato". "Tuttavia, se ci si rendesse conto dell'inutilità degli sforzi terapeutici, bisogna evitare ad ogni costo che le cure intensive possano trasformarsi in accanimento terapeutico".

Bene. Peccato che i cattedratici romani non pongano nessuna nuova questione: il codice deontologico, infatti, impone già ai medici di intervenire quando il neonato abortito è vitale. Quindi, un documento superfluo. Semmai, visti i progressi della medicina che permettono la sopravvivenza del feto anche prima dei 6 mesi previsti per l'aborto (in casi di malattie tipo sindrome di Down, negli altri casi il limite è di 3 mesi), si potrebbe abbassare il "tetto d'aborto" alla 22°settimana (ovvero 5 mesi), per evitare una vita d'inferno ai feti rianimati che dovessero sopravvivere . Ma questo assolutamente senza mettere in discussione i principi e la struttura della legge 194 sull'aborto
Papa Ratzinger ha dichiarato che "la misura della civiltà si vede dalla difesa della vita". Beh, si vede anche dal diritto all'autodeterminazione della donna. L'aborto è un diritto della donna, e non va toccato.

Ma l'appello del Papa, l'ennesimo, affronta anche un altro tema: quello della difesa della vita fino al suo "naturale tramonto". Ovvero, niente eutanasia. Quello della "dolce morte" è un tema alquanto controverso. Ma l'eutanasia non va assolutamente confuso con il "diritto al suicidio". Non si può concedere un simile diritto, quando il "suicidante" ha tutte le possibilità di vivere e soprattutto potrebbe non essere in possesso pieno delle proprie facoltà (nel senso che, superata la crisi, potrebbe pensare: meno male che non mi sono ucciso). Ma quando il "suicidante" è in pieno possesso delle proprie facoltà e non ha nessuna possibiità di tornare ad una vita dignitosa (o comunque una vita) e vive solo grazie alle macchine (e già questo farebbe pensare rispetto al "naturale tramonto"), perchè non dargli il diritto di togliersi la vita, se non può farlo?
Il riferimento, ovvio, è al caso Welby. Ecco, io non mi scandalizzerei se si desse il "diritto alla morte" alle persone nelle stesse condizioni di Welby.

La civiltà è anche riconoscere questi diritti.  

Sfoglia ottobre        dicembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca