.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Il senso
post pubblicato in Diario, il 15 novembre 2010


Sarò sincero: sono un po' a disagio ad entrare (si fa per dire) nel dibattito interno al mio Partito. Sià perchè è il Partito cui dedico diverso tempo della mia vita, sia perchè lo trovo fin troppo legato a personalismi e guerre intestine. Tuttavia, le proprie riflessioni si possono nascondere fino ad un certo punto.

E, di fronte alla vittoria di Giuliano Pisapia alle Primarie del centrosinistra di Milano, nessun democratico militante come me può fare a meno di interrogarsi. Non solo perchè ad aver vinto è stato il candidato di un partito (Sel) che alle Regionali aveva preso, solo otto mesi fa, il 3% a Milano, contro il 26% del Pd. Non solo perchè a votare alle Primarie sono state solo 60mila persone, contro gli oltre 240mila elettori del centrosinistra alle Regionali. Ma perchè il risultato di ieri è il "coronamento" di un forte declino del Pd, che nei sondaggi è dato ormai uniformemente al 24% e subisce sempre di più la concorrenza, nonostante questo sarebbe un momento d'oro, tra la crisi devastante del berlusconismo e l'assenza di qualsiasi scandalo interno al Pd (come quell'incredibile catena di eventi del 2008-2009 (Del Turco, Iervolino-Romeo, Frisullo, Delbono, Marrazzo).

Il Partito ha reagito con le dimissioni dei suoi dirigenti lombardi. Dovute, probabilmente, ma non è solo così che si risolve il problema. Perchè un problema c'è, e continuare a negarlo non è senso di responsabilità, ma un'inutile ubbidienza cieca alla "ditta". Inutile persino di fronte ad elezioni sempre più imminenti. Sappiamo bene, infatti, che alle prossime elezioni ci saranno tre poli: Berlusconi può ancora vincere, e il centrosinistra se non si dà una mossa è spacciato. La situazione non è affatto drammatica: sempre i sondaggi ci dicono, infatti, che i due schieramenti pressochè si equivalgono.

Però per tornare a vincere, per tornare a governare l'Italia e cambiarla finalmente, serve uno scatto di reni. Smettere di inseguire ora Fini, ora l'Udc, ora Vendola, ora Di Pietro, ora la Cisl, ora la Cgil, ora la Confindustria, ora la Fiat: il PD deve smetterla di guardare agli altri e deve tornare protagonista del dibattito politico italiano, con le proprie e soprattutto chiare idee, proposte, visioni dell'Italia. Deve tornare ad essere il partito promotere del cambiamento, a cominciare dal cambiamento dei modi di fare politica e gestire la cosa pubblica. Deve farlo capire subito, con dei gesti e dei fatti immediati che facciano capire che con il PD può iniziare davvero tutta un'altra musica.

Insomma, bisogna dare quel "senso a questa storia" che Bersani promise al Congresso, ormai più di un anno fa, e che si è decisamente perso nelle congreghe di palazzo, dove la passionalità e il servizio sono state sopraffatte dalle alchimie e dagli strateghi (falliti). Io non la votai, la mozione Bersani, perchè ne intuivo l'andazzo: ma ora Bersani è il segretario. E lo faccia, perbacco!

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Ma và a ciappà ...
post pubblicato in Diario, il 14 novembre 2010


Cosa non si fa per non finire sui giornali. E su questo blog: sì, lo so, sono incoerente, ma non riesco a non parlarne, non riesco a non sottolineare l'indecenza di certe dichiarazioni.

Stavolta mi riferisco all'esternazione uscita dalla cloac... ehm, bocca di Roberto Calderoli, il ministro alla Semplificazione Normativa (!?!), che a proposito della pessima performance di Alonso e della Ferrari all'ultimo GP della stagione ad Abu Dhabi, decisivo per l'assegnazione del campionato piloti, ha così commentato: "Nonostante le capacità dell'ottimo Alonso, la Ferrari è riuscita a perdere un Mondiale di fatto già vinto grazie alla demenziale strategia. E visto che a perdere questo titolo Mondiale sono stati gli strateghi ai box chi è responsabile di questa disfatta deve andarsene e quindi entro sera ci si aspettiamo le dimissioni di Luca Cordero di Montezemolo, il quale, al posto di fare il grillo parlante della politica senza beccarne mai una, dovrebbe invece cercare di imparare dagli altri come si fa a gestire una vittoria nel Mondiale".

Insomma, se Alonso ha perso è colpa di Montezemolo, che non può far politica perchè non è capace di vincere, anzi deve pure dimettersi dalla Ferrari. Per quale motivo non si capisce:
- Montezemolo non ha certo deciso la strategia della Ferrari nel GP di oggi (tecnici e strateghi della Ferrari stavano a guardare le mosche?);
- chi perde nella vita privata ha tutto il diritto/dovere a far politica come tutti gli altri;
- sotto la guida Montezemolo, tra l'altro, la Ferrari ha stra-dominato per anni e anni; 
- la Ferrari non è "statale", come può esserlo, che so, la Nazionale di Calcio, e quindi non si capisce a che titolo il Governo o la Lega dovrebbero chiederne le dimissioni.

Insomma, è come se io dicessi, di fronte ad sconfitta del Milan in una competizione internazionale, che Berlusconi si deve dimettere da presidente del Consiglio. Nemmeno il più antiberlusconiano dei politici ha mai fatto affermazioni del genere ... e non si capisce perchè Calderoli debba farlo, specialmente quando ci sono cose molto più urgenti da affrontare, in questo Paese, di una sconfitta della Ferrari. Che so, a proposito di dimissioni, Calderoli potrebbe cominciare ad eliminare il suo "utilissimo" ministero ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

I gay, le tasse, la morale
post pubblicato in Diario, il 26 ottobre 2010


Buttiglione, recidivo, offende l'intera comunità lgbt sostenendo che "l'omosessualità è moralmente sbagliata, come l'adulterio, l'evasione o il non donare soldi ai poveri". Anzi, nel tentativo di giustificarsi, precisa: "L'omosessualità è oggettivamente sbagliata, ma ci sono tante cose moralmente sbagliate che la legge non deve perseguire, come l'adulterio, l'evasione, eccetera".

In qualsiasi Paese un partito avrebbe chiesto le dimissioni del proprio Presidente, se avesse paragonato i gay agli evasori, e se avesse detto che lo Stato non deve perseguire questi ultimi. Mi sa invece che a Buttiglione non accadrà nulla, anzi; in Berlusconia anche chi si dovrebbe opporre al clima imperante, come l'Udc, in realtà non è così diverso.

A proposito di morale, a proposito di umanità cristiana ... a proposito di coerenza.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Senza pudore
post pubblicato in Diario, il 27 aprile 2010


                                            

Una volta, certe cose si facevano, e si fanno ancora, di nascosto, a tavolino. Oppure, nel caso delle "conte" interne, anche chiamando a raccolta i propri elettori, come nel caso del PD. Invece ora la bramosia di potere e gli stracci che volano nella maggioranza hanno fatto sì che i loro esponenti portassero alla luce del giorno, quasi con orgoglio, i peggiori lati della politica italiana.

Penso alla Lega che senza il minimo di pudore reclama a gran voce di entrare nei "posti che contano" all'interno delle banche. Oppure, per restare alle polemiche degli ultimi giorni, l'esigenza della "conta" sbandierata senza ritegno dalla "componente finiana", con il massimo della "indecente trasparenza" raggiunto oggi con le dimissioni da vicecapogruppo dell'on. Bocchino. Soprattuto con le motivazioni fornite per tale gesto: "(...) Ho il dovere di comunicarti che all'assemblea del gruppo presentero' la mia candidatura a presidente contrapposta alla tua o a quella di altri. Cio' non per distanza politica o personale da te, ma per consentire alla minoranza di esercitare il suo ruolo, di verificare le sue forze e conseguentemente di rivendicare gli spazi corrispondenti al suo peso".

Certo, le commistioni tra politica e banche sono storiche, così come il correntismo e le "componenti" basati non su contrapposizioni politiche ma autoreferenziali, ma almeno fino a poco tempo fa ce ne se vergognava, si tendeva a negarle fino all'evidenza. Tra poco si arriverà a rivendicare con orgoglio anche la corruzione in politica ... ah, pardon, già sta avvenendo.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Comiche finali / 2
post pubblicato in Diario, il 2 marzo 2010


                                                      

L'incredibile spettacolo offerto dal centrodestra sulle liste elettorali non smette di mostrare tutte le sue ridicoli mostruosità. Tra i tanti spunti forniti in tal senso in questi giorni voglio sottolineare una questione locale che, da campano, mi tocca da vicino: la polemica interna al PDL Campania sulla candidatura alle Regionali di Roberto Conte, ovvero un "ex ex", capace di cambiare casacca politica come si cambiano le paia di calzini, approdato da ultimo nel cartello elettorale "Alleanza di Popolo", messo in campo da alcune liste di area centrodestra in sostegno al candidato governatore Stefano Caldoro. Ma, soprattutto, Roberto Conte è stato condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa.

Un "curriculum" che discutibile è dir poco, insomma, e che ha scatenato la reazione "furibonda "di Caldoro, tanto da fargli dire che se vincerà grazie ai suoi voti, si dimetterà il giorno dopo l'elezione. La domanda sorge spontanea, ovviamente: ma chi l'ha candidato 'sto Conte? Secondo Caldoro la candidatura è avvenuta in extremis, a sua insaputa ... e, detto implicitamente, per mano di Nicola Cosentino, l'onorevole sottosegretario all'Economia e coordinatore campano del PDL che non solo ha dovuto rinunciare alla candidatura in favore di Caldoro dopo le polemiche suscitate dalla richiesta di arresto proprio per concorso esterno in associazione mafiosa, ma anche a "piazzare" un suo uomo alla provincia di Caserta sull'altare dell'alleanza con l'UDC in Campania. Cosentino ovviamente respinge le accuse al mittente, sottolineando che la responsabilità, semmai, è di chi doveva controllare le liste apparentate, ovvero Caldoro stesso, non i coordinatori di altri partiti (il PDL).

Insomma, il solito rimpallo di responsabilità con un unico risultatoil centrodestra candida un condannato di primo grado per camorra, alla faccia di tutte le "campagne" di legalità promossa a chiacchiere a livello nazionale. E con i suoi massimi rappresentanti locali incapaci persino di controllare le proprie liste, volendo credere alle loro scuse. Oltre che implicati anch'essi, a loro volta, in faccende oscure: a proposito, qualcuno vuol spiegarmi perchè il "semplice" senatore Di Girolamo si è dovuto dimettere per una richiesta di arresto per "riciclaggio e violazione della legge elettorale con aggravante mafiosa", mentre il sottosegretario on. Cosentino coordinatore campano del PDL non si è dovuto dimettere da nessuno dei suoi incarichi pur avendo una richiesta di arresto per concorso esterno in associazione camorristica?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Pagliacciate
post pubblicato in Diario, il 19 febbraio 2010


                                              

Abuso di dimissioni. Quasi quasi dovrebbero inventare questo reato, perchè davvero non se ne può più di gente che annuncia le dimissioni, prendendosi le lodi del momento, per poi ritirarle in nemmeno 48 ore. Prima Bertolaso, ora Cosentino. Marrazzo e Delbono sono dei poveri fessi, a 'sto punto.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Eccessi e schiaffi morali
post pubblicato in Diario, il 26 gennaio 2010


                                                 

Andrò controcorrente, ma secondo me le dimissioni di Flavio Delbono ha sbagliato a dimettersi da Sindaco di Bologna. O, perlomeno, era troppo presto per chiederne o auspicarne le dimissioni: non si può ritenere giusto bruciare un mandato appena iniziato, tra l'altro ottenuto con un largo consenso, per faccende contorte e tutte da dimostrare. Trovo convincente la difesa che negli ultimi giorni ha fatto di se stesso Delbono; pur essendo anch'essa tutta da dimostrare, perlomeno presenta un aspetto inoppugnabile: sarebbe davvero strano che una persona rischi carriera e immagine per poche centinaia di euro all'anno quando ne guadagna diverse migliaia al mese. Perchè di tante piccole minuzie si parla, che però messe insieme dalla propaganda del centrodestra hanno scatenato uno scandalo mediatico enorme.

Dunque, credo che prima di chiedere le dimissioni di Delbono si dovesse aspettare non dico un processo ed una sentenza, ma perlomeno che emergesse un quadro indiziario inequivocabile o che adombrasse dubbi fortissimi sull'onestà di Delbono. Ma quel che mi fa più arrabbiare è la disparità di trattamento, ovvero il fatto che le stesse persone che chiedono le dimissioni di Delbono siano troppo spesso le stesse che non le chiedono per altri che sono accusate di cose ben più gravi, con dubbi ben più forti e spesso diverse sentenze a carico. Vedasi Dell'Utri, Cuffaro e tutti i politici condannati in via definitiva e non per reati gravissimi quali il concorso in associazione mafiosa, Ministri indagati come Fitto e condannati per abuso d'ufficio (l'accuas lanciata contro Delbono) come Castelli. Per non parlare di Berlusconi, che oltre alle cose gravi è stato oggetto di scandali simili come il caso D'Addario e i festini in Sardegna con i famosi "voli di Stato" pieni di nani e ballerine.

Cose per le quali persino gli esponenti del centrosinistra non chiedevano le dimissioni dell'avversario Berlusconi, anzi difendono il diritto di Berlusconi a difendersi proseguendo il mandato, ma le chiedono invece per i propri esponenti persino in caso come quelli del "Cinziagate", ma si pensi anche al caso-Marrazzo, dove "l'enorme gravità" era che Marrazzo, colto all'improvviso dallo scandalo, avesse tentato di mentire (e tutte le bugie che Berlusconi ha detto sul caso Noemi, allora?), o al caso-Puglia, dove persone indagate per cose anche gravi si sono dimessi senza nemmeno aver ricevuto un rinvio a giudizio. Probabilmente perchè gli esponenti del centrosinistra devono dimostrare una correttezza maggiore del centrodestra. Ma allora si riconosca anche la superiorità morale del centrosinistra (e questi la rivendichino) che, per quanto fortemente inquinato dalla malapolitica, dimostra sempre di comportarsi meglio (o meno peggio, fate voi) degli altri. E invece no, per carità, parlare di "superiorità morale" è diventato un tabù persino per lo stesso centrosinistra.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

E furono quattro
post pubblicato in Diario, il 15 gennaio 2010


                                   

Ancora una volta Augusto Minzolini l'ha fatta fuori dal vaso. Perchè un direttore del principale TG del servizio pubblico che sforna editoriali su editoriali nei quali, senza contraddittorio, fa passare per verità opinioni del tutto personali (e sempre orientate a favore dei berluscones), è uno che va ben al di là del proprio ruolo e di qualsiasi limite di tolleranza. E meriterebbe una mobilitazione generale per chiederne le dimissioni.

Questo al di là del merito della questione che, come ho avuto modo di ripetere in questo blog, è altrettanto indecoroso. Asserire che Craxi non ha bisogno di essere riabilitato, che Tangentopoli fu una soluzione giudiziaria ad un problema politico, che Craxi fu un capro espiatorio ed un grande statista è quantomeno discutibile, se non un elogio deplorevole di una persona che, ricordo agli smemorati, fu un latitante corrotto reo confesso. Questo, a prescindere dalla sua politica (nella quale, comunque, vedo ben poco di rivoluzionario, anzi), non può farlo ritenere "statista", se scappando da latitante ha disconosciuto tutte le istituzioni democratiche del suo "Stato".

Bisogna smetterla col tentare di far passare il concetto che gli uomini politici sono una categoria "a parte", cui è concesso fare cose che non sono concesse agli altri. Soprattutto se si cerca di farlo per giustificare vergogne attuali.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

L'onda viola
post pubblicato in Diario, il 5 dicembre 2009


                                   

Si dica quel che si vuole del No-B-Day, ma una manifestazione partecipatissima che, al di là dei presunti numeri, ha riempito una piazza come quella di San Giovanni e formato un corteo lungo due chilometri, senza la struttura di un partito, ma solo con la partecipazione diretta della società civile, è sempre un'ottima cosa. Specialmente in un periodo come questo, dove la partecipazione civica viene mortificata quotidianamente da una politica sempre più chiusa ed in uno scenario dove impegnarsi per il proprio Paese sembra essere una cosa da "fessi" e "poveri illusi".

E poi, passando al merito, sì, Berlusconi e il "berlusconismo" devono andare a casa. Sarebbe certamente molto meglio spazzarlo via sul piano cosiddetto "politico", e spero che questa avvenga (non vorrei raccontare ai miei discendenti che abbiamo avuto un ventennio dominato da uno come Berlusconi e finito solo per volontà di quest'ultimo), ma in nessun Paese davvero democratico fino in fondo uno come Berlusconi continuerebbe ad essere il Presidente del Consiglio.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Non mi dimetto nemmeno se condannato
post pubblicato in Diario, il 31 ottobre 2009


                                                                                            

In pratica, "nessuno mi può giudicare". Buttiamola sul ridere, và.

www.discutendo.ilcannocchiale.it
Riciclaggio degli eletti
post pubblicato in Diario, il 9 ottobre 2009


                                                 

Della faccenda dello scioglimento del Comune di Fondi per infiltrazioni camorristiche vi ho già parlato più volte. Ebbene, è andata a finire che la Giunta è decaduta per dimissione dei consiglieri di maggioranza, che hanno deciso così di "farla finita", su richiesta del Sindaco e della Giunta sotto accusa.

Gesto nobile? Bè ... diciamo piuttosto gesto furbo. Ora, infatti, Fondi andrà a nuove elezioni subito, a Marzo, scampando così definitivamente il pericolo di uno scioglimento per camorra. Cosa che avrebbe comportato qualche anno di commissariamento, e quindi nel frattempo si sarebbero chiarite maggiormente le connivenze della Giunta con le mafie. Ma soprattutto avrebbe automaticamente impedito a consiglieri e assessori coinvolti di essere ricandidati alle elezioni.

Ora invece probabilmente si assisterà ad un vero e proprio "riciclaggio di eletti" che getta molte ombre sulla regolarità delle prossime elezioni e pericoli di inquinamento del voto da parte della camorra. Senza pensare che, in un Italia dove non ci si fa problemi a votare condannati per mafia e persone che tentano in tutti i modi di scampare alla legge, un eventuale voto favorevole al centrodestra (in una terra storicamente di destra) verrebbe fatto passare come un "salvacondotto" davanti al quale la Giunta non dovrebbe più giustificarsi di nulla. Speriamo bene.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sempre sia lodato?
post pubblicato in Diario, il 18 settembre 2009


                                                        

Secondo l'Avvocatura dello Stato il lodo Alfano è una legge "non solo legittima, ma addirittura dovuta" perchè, in sua assenza, "ci sarebbero danni a funzioni elettive (...) quando non si arrivi addirittura alle dimissioni. In ogni caso, con danni in gran parte irreparabili".

Ora, sul lodo Alfano è stato detto praticamente di tutto, da una parte e dall'altra. Ma sostenere la sua legittimità paventando le dimissioni di Berlusconi e soprattutto sostenendo che sarebbero un "danno irreparabile", sinceramente, mi sembra un po' azzardato. E soprattutto un po' inconsueto da parte di un Avvocatura che dovrebbe difendere gli interessi dello Stato, non di Berlusconi, e usare argomenti giuridici, non politici.

Comunque, a mio modesto parere, il 6 Ottobre la Corte non potrà che bocciare il lodo Alfano, poiché è in pratica la fotocopia del già bocciato lodo Schifani. La sentenza della Corte del 2004, infatti, bocciò per illegittimità costituzionale tutti e tre i commi del primo articolo della legge 140/2003 (il lodo Schifani). Ma, come chiunque di voi può verificare, la nuova legge 124/2008, il lodo Alfano, contiene nel suo articolo unico tutto ciò che era scritto nell’articolo 1 della Schifani. Dubito che la bocciatura dipendesse dall’ordine delle frasi … dunque la bocciatura dovrebbe praticamente essere un automatismo.

D’altronde, l’articolo 3 della Costituzione parla chiaro: tutti i cittadini sono uguali dinanzi alla legge.  Anche se qualcuno vuol pretendere di essere più uguale degli altri.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

Sfoglia ottobre        dicembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca