.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Possono dire quel che vogliono ...
post pubblicato in Diario, il 22 ottobre 2010


... ma, con la ri-nomina di Guido Bertolaso a commissario "di fatto" della ennesima emergenza rifiuti in Campania, Berlusconi e soci hanno ammesso il loro fallimento nella risoluzione dell'emergenza che, in realtà, non era mai stata risolta (e comunque, quel poco che hanno fatto, è ben poco merito loro). Quello che, nel mio piccolo, vado dicendo in questo blog da quando questa faccenda è iniziata, nel pressochè totale silenzio dell'informazione titolata e dell'opposizione politica.

Ovviamente, i berluscones cercheranno in tutti i modi, con tutte le scuse di far sembrare il contrario. E magari ci riusciranno, avendo in mano la maggior parte dei mezzi di comunicazione, e a fronteggiarli un'opposizione fin troppo corretta. Ma la verità è questa, e la verità non muore mai. Si tratta solo di tempo, e chi ha fatto "il gallo sulla monnezza" morirà di monnezza.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Deja vù
post pubblicato in Diario, il 14 gennaio 2010


                                               

L'altro ieri, 12 Gennaio 2010, il Ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha dichiarato lo "stato d'emergenza" per le carceri italiane, dovuto all'eccessivo affollamento delle "patrie galere" che dura da anni e che si aggrava di giorno in giorno. Obiettivo del piano del Guardasigilli giungere entro breve tempo (si parla di 2012) a portare la capienza delle carceri italiane dalle attuali 43mila unità a 80mila (anche se in realtà già adesso si è oltre 60mila detenuti ospitati).

Bene. Il sovraffollamento delle carceri è un problema, perchè anche i detenuti hanno dei diritti, e fra questi quello di vivere in condizioni dignitose, e perchè altrimenti l'Italia potrebbe essere costretta a pagare dall'Europa altri pesanti risarcimenti ai detenuti, come quello che fece scalpore nell'Agosto scorso. Ed è giusto affrontare questo problema non con l'ennesima amnistia o indulto, morte del diritto, ma aumentando la capienza delle carceri. Tuttavia, sono molto scettico sull'effettiva capacità di Alfano e del Governo di portare a casa il risultato. Pessimismo "comunista"? No, semplicemente Alfano ha già fatto le stesse promesse già un anno fa: anche allora riconobbe il problema del sovraffollamento, anche allora promise nuove carceri, anche allora nominò un commissario straordinario che avrebbe dovuto presentare un piano "entro 60 giorni", anche allora promise provvedimenti legislativi straordinari per accellerare la costruzione delle carceri.

Era il 23 Gennaio 2009. Evidentemente, in questo mese dell'anno Alfano si sente in vena di promesse ... negli altri, invece, se ne dimentica.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sprechi Mondiali
post pubblicato in Diario, il 27 aprile 2009


                                         

Per questioni di fretta, rinvio la puntata di "Riporto Report" a domani. Oggi video-post, nel senso che il video che vi allego, tratto dall'ultima puntata de "Le Iene", parla ampiamente da sè: si tratta dei Mondiali di Nuoto 2009, che come molti di voi sapranno si svolgeranno a fine Luglio a Roma.

Più precisamente, si tratta degli enormi sprechi nell'organizzazione di questi Mondiali. Ad ottenere l'aggiudicazione fu la giunta Veltroni nel 2005. Più in là iniziarono i lavori per le cinque aree della città interessate dagli impianti, ma nel 2008 il nuovo Governo Berlusconi dichiara lo stato d'emergenza per i lavori, nomina commissario la Protezione Civile di Bertolaso (quello che viene tanto osannato come "l'uomo dei miracoli") e stanzia ben 400 milioni di euro. Ebbene, il servizio delle Iene dimostra come, a soli tre mesi dai Mondiali, una serie innumerevole di impianti e infrastrutture sia incompleto o addirittura agli inizi, ed in ogni caso pochissime strutture saranno realizzate in tempo. Abbandonate? No, stando a sentire chi si occupa delle costruzioni: verrano realizzate, ma per il futuro. E per i Mondiali? Strutture pre-fabbricate. Persino le piscine pre-fabbricate.

Perchè si è arrivati a questo punto? Semplice: nel 2008, con il cambio di Giunta, il neosindaco Alemanno ha voluto "rivedere" gli appalti, e si è perso tempo. E, sapendo bene cosa vuol dire in Italia cosa vuol dire "rivedere gli appalti", tutto torna: forse Alemanno voleva fare qualche piacere ad imprenditori amici, forse i 400 milioni stanziati da Berlusconi servivano per questo, forse il commissario straordinario serviva per aggirare le regole "ordinarie". Forse, eh?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Ecco il piano Prodi per la questone rifiuti
post pubblicato in Diario, il 8 gennaio 2008


                           

In un post precedente auspicavo un forte intervento dall'alto per risolvere la questione rifiuti in Campania. Ieri il premier Prodi aveva annunciato "soluzioni radicali in 24 ore". E, infatti, a questa promessa oggi è stato fatto seguire un piano per risolvere l'emergenza. Ora, bisognerà vedere se questo piano, che è un buon piano, sarà fatto applicare. E qui Prodi si giocherà gran parte della sua credibilità. Ecco cosa prevede il piano.

Termovalorizzatori e discariche. Per togliere i rifiuti dalle strade verranno utilizzate le discariche previste dal decreto 87 dell'estate scorsa, ovvero Serre (SA), Savignano Irpino (AV), Terzigno (NA) e Sant'Arcangelo Trimonte (BN), oltre ad altri siti "individuati dalle autorità competenti" (quindi sembra confermato il ricorso a quella Pianura). Inoltre, Prodi ha confermato il completamento dei tre termovalorizzatori di Acerra (NA), S.Maria La Fossa (CE) e Salerno.

De Gennaro nuovo commissario. Il capo di gabinetto del Ministero degli Interni, ed ex capo della polizia, Gianni De Gennaro, è il nuovo commissario per l'emergenza rifiuti, con un mandato a termine di 4 mesi. La nomina di De Gennaro era stata auspicata anche dai dirigenti campani del centrodestra.

Nomina commissario liquidatore. Il Governo si impegna entro 2 settimane a nominare un commissario liquidatore, il cui compito sarà quello di porre fine a "14 anni di disagio emergenziale che hanno caratterizzato la gestione del ciclo dei rifiuti in Campania". Praticamente, il commissario liquidatore dovrà agire sulla parte "economica" della gestione commissariale, cioè contratti e debiti vari.

Impiego dell'esercito. L'esercito, già al lavoro per liberare le scuole dall'immondizia, sarà impiegato nel breve termine "per le situazioni di straordinaria necessità ed emergenza".

Contributo altre regioni. Prodi auspica anche un contributo volontario delle altre regioni (dichiarazioni in tal senso sono state già effettuate dalla Val d'Aosta); infatti, domani alle 15 è previsto un incontro con i rappresentanti dell'Anci.

Raccolta differenziata. I comuni Campani dovranno elaborare entro i prossimi due mesi un piano per la raccolta differenziata dei rifiuti. Altri 2 mesi per metterlo in atto, pena il commissariamento.
Sfoglia settembre        novembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca