.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Forti con i deboli e deboli con i forti
post pubblicato in Diario, il 15 maggio 2008


                          

Dopo i fatti di Ponticelli, da cittadino campano, devo dire che mi sento euforico
. Ho scoperto che nella popolazione campana ci sono nuove capacità ed energie. Ho scoperto che i Campani possono riuscire a scatenare una forza incredibile, ben organizzata e con una forte solidarizzazione interna, e scagliarla contro un intero gruppo di persone, costringendoli alla fuga. Insomma, ho scoperto che i Campani, se vogliono, possono estromettere dalla nostra società chi vogliono.

Il motivo di questa euforia? No, no, non sono un esagitato nazista-razzista. Non condivido per niente gli avvenimenti di Ponticelli. Ho solo realizzato che, se vogliono, i Campani possono far fuori la camorra.

Il problema è questo: i Campani, o meglio quei Campani, quelli che festeggiavano per la cacciata dei ROM (o meglio, lo spostamento dei ROM, poichè non se ne sono certo andati dall'Italia), non vogliono farla fuori, la camorra. Andare a lanciare le molotov nelle case dei camorristi, ad incendiare le case dei camorristi, a sputare in faccia ai camorristi, ad inveire contro i camorristi. A mandare via i camorristi. No, loro queste cose sono capaci a farle solo contro i ROM ... mica pretenderete che se la prendino pure con la camorra? Troppa paura, troppo pericoloso ... tanto la camorra "mica è tutto sto problema" ... il vero guaio della nostra società sono i ROM ...

Forti con i deboli e deboli con i forti. Solo questo sono capaci di fare. Vergogna.

Sfoglia aprile        giugno
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca