.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
L'orizzontale
post pubblicato in Diario, il 11 marzo 2010


                                                   

Accolta da una bordata di fischi da parte della sua stessa maggioranza, Daniela Santanchè fa il suo debutto alla Camera come nuova sottosegretario al Ministero per l'attuazione del Programma (come se se ne sentisse il bisogno...).

Il motivo di tanto astio delle donne ex An (compresa la Mussolini, che ha dedicato una "super patata ogm orizzontale" alla Santanchè)? Beh, la giusta vendetta per un'intervista rilasciata durante la campagna elettorale del 2008, quando la Santanchè era una inviperita candidata premier per "La Destra" (contro il programma di Berlusconi, e ora è sottosegretario alla sua attuazione!), nella quale faceva un'appello a tutte le donne italiane, sostenendo che "il voto a Berlusconi è il voto più inutile che le donne possono dare, perchè Silvio ci vede solo orizzontali", un implicito riferimento a colleghe come la Carfagna e la Mussolini che avrebbero fatto carriera per qualità diverse a quelle politiche.

Bè, Daniela, benvenuta nel club ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Non solo mimose
post pubblicato in Diario, il 8 marzo 2010


                                             

Probabilmente sembrerò retorico e ovvio in quello che sto per dirvi. Ma, d'altronde, cos'è ormai la "festa delle donne" se non un rito retorico, un'occasione per far vendere i fiorai e per far parlare di parità ai vari opinionisti e politicanti? Ecco, vorrei tanto che queste persone invece di dire sempre le stesse retoriche frasi si prendessero la briga di assumersi degli impegni chiari, forti e netti per risolvere, o quantomeno ridurre il divario, imposto dalla società, che ancora separa le donne dagli uomini, a cominciare dalla disparità lavorativa dovuta alla gravidanza e dalla rappresentanza nei luoghi decisionali. Che so, qualcosa del tipo "asili nido obbligatori per le aziende", "illicenziabilità irrunciabile almeno per un anno dopo la gravidanza, anche per le precarie", "non solo quote rosa, ma fondi di partito per la campagna elettorale destinati alle candidate donna". Giusto per dirne qualcuna.

E poi, magari, non vorrei "esagerare", chiedere anche scusa per non aver fatto queste cose prima. Non sarebbe affatto male.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

La promessa-truffa
post pubblicato in Diario, il 12 gennaio 2010


                                           

Tempo di elezioni, tempo di propaganda: a meno di due mesi dalle elezioni Regionali, test elettorale di rilevanza nazionale, il centrodestra si appresterebbe a mettere in campo la più demagogica (e meno realizzata) della promesse elettorali, il taglio delle tasse. D’altronde, sarebbe anche ora, viste le tante promesse e i quasi due anni di governo già trascorsi. Ebbene, il 9 Gennaio scorso il Premier ha confermato le indiscrezioni, rispolverando la sua vecchia promessa della riduzione delle aliquote IRPEF, la tassa sul reddito, passando dall’attuale sistema a cinque aliquote a solo due aliquote. Promessa usata fin dalla sua prima campagna elettorale, quella del 1994, e che fu addirittura inserita nel celeberrimo “Contratto con gli Italiani” del 2001, puntualmente non rispettato (ma Berlusconi si è ricandidato lo stesso). Promesse vane, insomma, ma che hanno sempre avuto l’effetto di attirare consenso in occasione delle elezioni.

Ma prendiamo anche per buona la promessa del Governo: che cosa ne verrebbe fuori? Le preoccupazioni espresse dai sindacati e dalle opposizioni consistono sostanzialmente nel fatto che la riforma andrebbe a favorire troppo i ceti ricchi, concedendo nulla ai ceti bassi e ben poco a quelli medi. Preoccupazione più che fondate, se osserviamo la simulazione degli effetti della riforma realizzata dall’Ufficio Studi della CGIA di Mestre, basata sui dati del Ministero delle Finanze. Innanzitutto, c’è da dire che più della metà degli Italiani non riceverebbe alcuno sconto fiscale: il 50.9%, infatti, ovvero 21.188.567 contribuenti, hanno un reddito inferiore ai 15mila euro e pertanto già pagano una aliquota del 23%. E, quindi, vengono fatti fuori dalla riforma tutti i ceti bassi e quelli medio-bassi. Ma, anche passando ai ceti medi, la musica non cambia di molto: ad esempio, arriverebbe uno sconto del 5.5% per un reddito di 20mila €, dell’8.6% per 28mila € e dell’11.9% per 30mila €. Passando ai ceti più alti, invece, lo sconto sale in maniera esponenziale, fino ad arrivare al 36.4% di un reddito da 100mila € (13.170 di sconto!)

Qualcuno dirà: beh, è ingiusto, ma perlomeno i ricchi sono pochi, mentre le famiglie medie sono tante, quindi la maggior parte dei soldi investiti nella riforma andrà ai ceti medi. Niente affatto: confrontiamo, ad esempio, la fascia dai 15.000 ai 28.000 € di reddito (aliquota attuale 27%), nella quale sono inclusi 13.800.307 contribuenti, e quella degli oltre 100.000 € (aliquota attuale 43%), ovvero 384.557 contribuenti. E’ impossibile fare una stima precisa, perché andrebbe calcolata la somma dei singoli sconti ottenuti da ciascun appartenente della fascia: ma, anche moltiplicando il massimo sconto della prima fascia (520 su 28mila €) per il numero di contribuenti che include, e il minimo sconto dell’altra fascia (13.170 su 100mila €) per i suoi, si ottengono rispettivamente un sconto complessivo di 7,1 e 5,1 miliardi di euro. Una differenza non tanto marcata, nonostante abbia fatto una simulazione irreale e favorevolissima ai difensori di questa “riforma”: una simulazione più realistica, e probabilmente ugualmente favorevole al Governo, con un 400 € di sconto medio per la prima fascia e 14.500 € per l’altra, ci restituisce uno sconto complessivo simile fra le due fasce: circa 5,5 miliardi di euro. Peccato che una rappresenti il 33.1% dei contribuenti, l’altra solo lo 0.9% …

Si dirà: comunque, per i ceti medi, meglio di niente in ogni caso. Ok, ma non si tratterebbe di soldi scesi dal cielo: abbiamo già visto che questo Governo, quando si tratta di finanziare qualcosa, taglia indiscriminatamente i fondi della sanità, della scuola, delle forze dell’ordine, ecc. Ovvero taglia il servizio pubblico, che certo serve molto di più ai ceti medi che ai ricchi: conviene accettare tutto ciò, mentre lo Stato spreca miliardi di euro per tagliare le tasse ai ricchi? Non sarebbe a questo punto meglio tagliare sì le tasse, ma prevalentemente ai ceti medi e bassi, visto che la devastante crisi economica ha colpito prevalentemente loro e non i ceti ricchi (che tra l’altro ne sono anche i principali responsabili)?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Ministro dopo ministro
post pubblicato in Diario, il 15 dicembre 2009


                                              

Col giuramento di Ferruccio Fazio, già sottosegretario con delega alla Salute, poi viceministro (sempre con delega alla salute), oggi torna il Ministero della Salute. In effetti, questa è una notizia positiva, visto che, tra Ministeri "per l'Attuazione del Programma" e "per al Semplificazione Normativa", la mancanza di uno per la Sanità non solo si notava, ma era un vero scandalo.

Tuttavia, il fatto negativo c'è, ed è un altro. Con il nuovo ministero di oggi, infatti, il Governo Berlusconi IV sale a ventitrè ministri, a due soli ministeri dal tanto vituperato governo Prodi. Eppure, in campagna elettorale Berlusconi aveva promesso un Governo fatto di soli 12 ministri.

Meno male che lui mantiene sempre le promesse ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Aggiungi una poltrona a tavola ...
post pubblicato in Diario, il 19 marzo 2009


                                                     

... che c'è una Brambilla in più! "Faremo presto un Ministero del Turismo, credo nel giro di un mese". Così il premier Silvio Berlusconi, qualche giorno fa, al forum della Confcommercio a Cernobbio. La Michela Vittoria Brambilla "non molla l'osso", e così il povero Silvio deve fare un nuovo Ministero, salendo a quota 22 Ministeri.

Eppure, se non è un caso di ononimia, Berlusconi in campagna elettorale aveva promesso solo 12 Ministri. Impegno ribadito anche nei primi giorni delle elezioni. D'altronde, come aveva detto, "c'è una legge che dice che debbono esserci 12 ministeri, noi rispetteremo questa legge". La legge in questione è una legge approvata nell'ambito della Finanziaria 2008 dal Governo Prodi, che prevedeva l'obbligatorietà per i successivi governo di rispettare un'altra legge, il dlgs 300/99, anche detto "decreto Bassanini", che riduceva i dicasteri a 12 e ne indicava anche la destinazione (Esteri, Interni, eccetera). Legge che fino ad allora non era mai stata rispettata, dato che puntualmente ogni Governo approvava fra i suoi primi provvedimenti un "decreto spacchetta-ministeri" che ne aumentava il numero.

D'altronde, l'elevato numero dei Ministeri del Governo Prodi aveva destato varie critiche, per i costi maggiori che ne derivano. Critiche da parte del "movimento anti-casta", allora fortissimo (che fine ha fatto, a proposito?), e soprattutto da parte dell'allora opposizione di centrodestra. Eppure con il Ministero del Turismo Berlusconi è a soli tre ministeri dal record di Prodi (25 ministeri). Ed è ad un solo ministero dal suo record personale (23 Ministeri, Berlusconi III).

Prodi perlomeno aveva una maggioranza risicata e ultra-spezzettata, con ogni partitino che esigeva il proprio ministero pena la caduta del Governo. Berlusconi ha solo tre partiti che lo sostengono, ed una maggioranza amplissima in Camera e Senato. Figuratevi se non l'avesse avuta ... una cinquantina di ministeri e via, alla faccia della crisi.

P.S. Ma Berlusconi l'ha fatto il decreto "spacchetta-ministeri"? Io non ne ho trovato traccia. Certo che un "Governo illegale" sarebbe il colmo ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it

L'Abruzzo s'è fatto fregare ... e la Sardegna?
post pubblicato in Diario, il 21 gennaio 2009


                                     

Continua senza sosta la "campagna elettorale permanente" del premier Berlusconi. Prima l'Abruzzo, ora è la volta della Sardegna, le cui elezioni regionali si terranno il 15 e il 16 Febbraio. Viene da chiedersi se è normale, anzi legale, che un Presidente del Consiglio tralasci gli impegni di governo per i quali è pagato dai cittadini per farsi le campagne elettorali locali, ovviamente a spese nostre (con quali soldi volete siano pagate i trasferimenti, le forze di sicurezza, eccetera?), con una palese svantaggio per gli avversari. Tra l'altro violando quel "principio non scritto" della, se non imparzialità, perlomeno "non invasività" nelle campagne elettorali da parte di figure presidenziali. Vabbè, ma siamo in Italia, tutto è concesso ...

Ma andiamo al dunque. Dopo la pesante sconfitta elettorale in Trentino, nelle cui elezioni il democratico Dellai ha stracciato il leghista Divina, Berlusconi ha capito che non bastava campare del vento delle elezioni che lo hanno visto trionfatore su un centrosinistra in palese difficoltà, ma bisognava cambiare strategia. O meglio, ha capito che bisognava tornare alla vecchia strategia: "sostituirsi" de facto ai candidati locali nelle campagne elettorali (persino nei simboli elettorali: quello del PDL e della lista del candidato presidente non riportano la scritta "Tizio Presidente", come vorrebbe la prassi e la logica, ma "Berlusconi" a caratteri cubitali ... "presidente" no perchè sarebbe un affronto troppo grosso), sfruttare al massimo l'onda mediatica che "spontaneamente" gli viene offerta da TV e giornali e agganciare Governo ed elezioni locali per fare promesse da marinaio puntualmente disattese.

E' successo così in Abruzzo. Berlusconi ha candidato un "prestanome", Gianni Chiodi, messo lì giusto perchè c'era bisogno di candidare qualcuno che non desse "fastidio" politico e non, dopodichè si è presentato più e più volte in Abruzzo per fare comizi, ovviamente ripresi sempre "spontaneamente" da tutti i circuiti mediatici a differenza di quelli degli avversari, in cui ha dispensato promesse di tutti i tipi, promettendo fondi stanziati dal Governo per l'Abruzzo se avesse vinto Chiodi (perchè giustamente, se vinceva la sinistra, gli Abruzzesi andavano puniti, no?). Lo stesso sta accadendo in Sardegna, dove per sconfiggere Soru Berlusconi ha candidato un perfetto sconosciuto, Cappellacci, di cui tra l'altro ancora non c'è traccia di programmi nè di suoi discorsi concreti, al di là di una sfilza di chiacchiere e tanti "sorrisi" distribuiti a mani larghe e sul suo slogan elettorale ("La Sardegna torna a sorridere"). E ora si sta presentando più volte nell'isola, con comizi che, come potete notare in questi giorni, sono puntualmente ripresi in tutti i TG (quelli di Soru no, però), dispensando altre promesse, chiedendo ai Sardi di votare Cappellacci perchè così ci sarà più "sintonia" fra regione e Governo. Una sintonia che porterebbe ad un "piano Marshall per la Sardegna", come definito da Berlusconi, ovvero tanti soldi che pioverebbero sull'isola da un capitolo apposito del federalismo fiscale. 

Ma che fine fanno queste promesse? Ce lo spiega molto incisivamente Claudio Messora, gestore del noto video-blog www.byoblu.com, in uno dei suoi post, chiamato significativamente "La grande balla di Berlusconi", dove Messora smaschera la principale promessa fatta da Berlusconi, ovvero miliardi di euro stanziati per le infrastutture dell'Abruzzo. Ecco il testo integrale di una delle tante affermazioni fatte in proposito da Berlusconi in un comizio in Abruzzo:

"Il programma per l'Abruzzo lo conoscete. Il Governo sarà vicino a Gianni e alla sua squadra di governo della Regione. E qui, noi garantiamo anche che nel rilancio delle infrastutture, a cui daremo vita dal giorno 18 prossimo, in cui approveremo, nel Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, il CIPE, 16 miliardi e 600 milioni di euro destinati tutti alla realizzazione di infrastutture, e fra queste le infrastutture di cui avete bisogno, le opere manutentive di cui avete bisogno, ci sarà la velocizzazione della Pescara-Roma con il raddoppio di alcune situazioni di questa linea"
(Silvio Berlusconi, Chieti, 12 Dicembre 2008)

Arriva il 15 Dicembre, e Chiodi vince le elezioni. Appena tre giorni dopo, il 18 Dicembre, il CIPE si riunisce davvero: eccone il verbale di seduta. Ma, da una attenta lettura, ci accorgiamo non solo che i milardi stanziati sono 7.4 e non 16.6, ma che per la Pescara-Roma, e l'Abruzzo in generale, non c'è un solo euro. Ovviamente i circuti mediatici, prima così "spontaneamente" interessati alla politica abruzzese, non hanno sentito la necessità di riportare la notizia. 

Insomma, gli Abruzzesi si sono fatti fregare. Anche i Sardi? Speriamo di no. Renato Soru sembra essere più forte della propaganda di Berlusconi.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

"Grazie a Prodi a Roma meno reati, anche se aumentava la percezione". Veltroni? No, Alemanno!
post pubblicato in Diario, il 7 luglio 2008


                                                    

"Il numero dei crimini commessi a Roma negli ultimi due anni è in progressiva diminuzione (...) Dall'Ottobre 2007, data dell'omicidio Reggiani, erano 18.962, e nel maggio 2008 sono scesi a 14.721 (...) Il decreto fatto dal Governo Prodi ha avuto un effetto Prodi ha avuto un effetto indicativo. Questo risultato concreto non corrisponde ad una sensazione di sicurezza percepita". Insomma, un sincero riconoscimento dei buoni risultati del Governo Prodi, del Ministro Amato e dell'ex-sindaco Veltroni in materia di sicurezza: gli "ultimi due anni" sono quelli del Governo Prodi, e ad "Ottobre 2007" risalgono i provvedimenti di Amato, sollecitati dall'allora sindaco di Roma Veltroni dopo l'omicidio Reggiani. E una condanna della "insicurezza percepita".

Qualcuno dirà: "ah, vabbè, le solite stupidaggini dei sinistri che negano l'evidenza, che non vogliono affrontare il problema della sicurezza dicendo che non esiste, che sono lontani dalla realtà e dalla gente". A dire il vero, queste frasi sono state pronunciate dal neoSindaco di Roma Gianni Alemanno, durante il Consiglio Comunale straordinario sulla sicurezza. Eppure mi ricordo ben altri toni durante la campagna elettorale:

19 Aprile 2008: Alemanno: "L'aggresione di La Storta riporta in primo piano il problema della sicurezza a Roma, ignorato dall'amministrazione di centrosinistra. Veltroni e Rutelli farebbero bene ad interrogarsi sulle loro responsabilità".
21 Aprile 2008: Alemanno: "In materia di sicurezza Rutelli mente sapendo di mentire. Le responsabilità prevalenti, se non esclusive, sono del Governo Prodi".
22 Aprile 2008: Alemanno: "La maggioranza in Campidoglio ha scelto di distaccarsi dalla realtà, e invece oggi Roma è una città in pericolo. Il Governo Prodi ha aggravato i problemi".

Questo è solo un piccolo esempio della campagna propragandistica e demagogica di Alemanno e della destra sulla sicurezza. Salvo poi scoprire, solo oggi, che suscitare simili paure può ritorcersi contro, e quindi cominciare a dire le cose come stanno in realtà. Avrei voluto ben vedere se Alemanno avrebbe vinto le elezioni dicendo le cose che dice oggi.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Basta con la strumentalizzazione dei sondaggi
post pubblicato in Diario, il 18 marzo 2008


                         

Tornata la campagna elettorale, tornano i sondaggi
. Diciamoci la verità, è appassionante seguire l'andamento dei sondaggi. Vedere chi aumenta, chi diminuisce, chi rimane stabile. Le tendenze. Chi vota chi. Tutto molto bello. Tant'è vero che anch'io mi sono fatto prendere dalla cosa, aggiungendo un sondaggio elettorale agli strumenti del blog (ovviamente è un sondaggio di pessimissima qualità).

Ma, quando si vedono sondaggi che danno risultati così diversi fra loro e, soprattutto, risultati che si rivelano quasi infondati al momento del voto, si capisce come sia un argomento poco serio da usare nella campagna elettorale. Attualmente, ci sono istituti come SWG che danno il divario Pd-PdL al 4,5%, e uno come Gipieffe che lo dà al 10%. A chi dare credito? Eppure saranno entrambi realizzati con "buoni" sistemi. Qualcuno potrebbe dire: ci sono le medie. Vero. Peccato che Rutelli nel 2001 era dato mediamente in svantaggio dell'11% due mesi prima del voto: e alla fine finì in svantaggio dell'1%. Nel 2006, alle stesse condizioni, lo svantaggio si ridusse dal 7-8% allo 0,06%. Nel 2006 persino gli exit-poll davano una netta affermazione del centrosinistra!

Eppure, in campagna elettorale tutti, dalla Santanchè e Casini a Veltroni e Berlusconi, utilizzano i sondaggi in modo strumentale. "Stiamo crescendo", "Stravinceremo", "Stiamo recuperando", "Siamo sopra del 10%", "In un mese dal 18% al 7% di svantaggio".

So di chiedere l'impossibile (quello dei sondaggi è un vizio di tutte le campagne elettorali), ma basta strumentalizzazioni. Basta all'uso dei sondaggi come tentativo di accaparrarsi gli "indecisi". Un po' di serietà.

La disinformazione italiana: le vere parole di Berlusconi e Veltroni
post pubblicato in Diario, il 27 febbraio 2008


                         

In tempi di campagna elettorale, "pullulano" i casi di disinformazione. A dir la verità, non solo in campagna elettorale, ma avendone avvertiti due in così poco tempo, e così "enfatizzati", ho deciso di mostrarveli.
Ovviamente, in tempi di par condicio ... ve ne mostro uno di Berlusconi e uno di Veltroni.

Venerdì 22 Febbraio Silvio Berlusconi andò da Mentana a Matrix. Il giorno dopo giornali e telegiornali titolavano: "Berlusconi apre alle larghe intese", e commenti similari. Si scatenò una sfilza di servizi giornalistici sulla questione, fino alla smentita di Berlusconi: "Io le elezioni le voglio vincere". Infatti, il Cavaliere da Mentana ha semplicemente detto: "La vittoria è scontata". E quando Mentana gli ha chiesto: "Mettiamo caso che ci sia un pareggio?", allora Berlusconi ha risposto: "Dovesse esserci un pareggio, sono disponibile alle larghe intese". Dunque, niente paura di Berlusconi di perdere le elezioni, ma una "ipotesi di scuola", come sottolineato dallo stesso leader del PdL.

Ieri, Martedì 26 Febbraio Walter Veltroni, avendo presentato un disegno di legge sulla pedofilia, risponde ad un giornalista sulla questione della "castrazione chimica". I telegiornali, e oggi i giornali, hanno subito titolato: "Veltroni apre alla castrazione chimica". Altra cretinata. Walter Veltroni ha infatti detto: "Se la scienza dovesse metterci nella condizione di trovare forme e terapie per disincentivare gli atti di violenza sui minori, non vedo perchè non si dovrebbe ricorrere alla castrazione chimica. Ma in questo momento non sussistono le condizioni scientifiche per adottare questa soluzione". Riassunto: "Se funzionasse, perchè no? Peccato che, ad ora, non funzioni" (perchè il problema è nel cervello e non nei testicoli, aggiungo io).

P.S. Come al solito, sottolineo sempre che odio le generalizzazioni e, anche se è una tendenza negativa, comunque la buona informazione c'è. Bisogna "scavare" molto, ma c'è.
Elezioni il 13-14 Aprile. Gli scenari
post pubblicato in Diario, il 6 febbraio 2008


                        

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ufficialmente sciolto le Camere. Si voterà il 13-14 Aprile. Si sta vagliando un'ipotesi di un "election-day", ovvero di un accorpamento fra elezioni politiche ed amministrative (che farebbe risparmiare un bel pò di soldi), voluto dal centrosinistra ed osteggiato dal centrodestra ("creerebbe confusione"). Si vedrà.

Romano Prodi resterà in carica per gli "affari correnti", anche se questa formula è sempre stata molto "dubbiosa". Infatti, il premier dimissionario ha dichiarato: "Non lascerò il tesoretto nelle mani del centrodestra", intendendo attuare almeno una parte di quel "piano-salari" che doveva essere realizzato insieme alle parti sociali. Ma sarebbe questa gestione "corrente"? Boh.

Intanto, si cominciano a scaldare i motori della campagna elettorale. I grandi dubbi vengono dalle alleanze. A sinistra, Veltroni conferma che andrà da solo anche al Senato, anche se non si capisce "come" andrà da solo (cioè se insieme a partiti come Socialisti, Radicali, Di Pietro o proprio solo), anche se sembra ormai lontana l'ipotesi di un qualsiasi rapporto con la Sinistra Arcobaleno. Comunque, Venerdì ci sarà un incontro fra le due parti. A destra, dopo la Lega anche parti di AN chiedono a Berlusconi di evitare ciò che sembra prospettarsi per la CdL, ovvero una coalizione di una decina di liste: "La CdL sia composta solo dai 4 soci fondatori", dichiarava ieri Maroni. Si vedrà.
Sfoglia febbraio        aprile
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca