.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Povero Gesù ...
post pubblicato in Diario, il 7 aprile 2008


                          

Povero Gesù ... anche lui sfruttato a fini propagandistici
. Di solito ci si contende l'eredità dei grandi politici del passato (Berlinguer, Moro, De Gasperi, Almirante). Ma alla fine anche il Nazareno è finito nel tritacarne della campagna elettorale.

Ha cominciato, suscitando gran scalpore, il Partito Socialista di Enrico Boselli. Sì, proprio il Partito Socialista tanto avversato dalla Chiesa per le sue battaglie laiche (o meglio laiciste). Un video basato sulla concezione di Gesù come "primo socialista della storia". Ovviamente subito sono scoppiate le polemiche politiche, con le accuse degli ambienti cattolici e dell'UDC di Casini contro Boselli. Anche se, riflettendoci, l'interpretazione del PS non è proprio un abominio...

Oggi, invece, è il turno di Silvio Berlusconi. Con una delle sue solite "battute", si paragona a Gesù: "Vi vorrei nominare difensori, apostoli della verità. Andate, predicate e convertite le genti. Mi hanno già detto che certe volte penso di essere Gesù e gli vado dietro...". Tra l'altro, questo dopo aver sostenuto anche la benedizione del Papa alla sua candidatura: "Il Papa tornerà a Settembre e quando verrà vorra dire che tornerò anch'io, ci faremo benedire per averci ridato la Sardegna e l'Italia..." (fonti: diretta Repubblica.it, minuti 19:32 e 19:45).

A questo punto, mi aspetto solo che la Santanchè si definisca Madonna, Veltroni invece San (di) Pietro .... 
E Mastella ....... vi lascio immaginare........

P.S. Adesso ho capito perchè si usa una "croce" per votare.....
'A sceneggiata
post pubblicato in Diario, il 17 marzo 2008


                             

Campagna elettorale. Tempo di candidature, di programmi, di attacchi e contrattacchi, indiscrezioni e smentite. E di sceneggiate.

Nelle scorsa campagna elettorale fece scalpore l'abbandono di Silvio Berlusconi della trasmissione "Mezz'Ora", a causa del "giornalismo fazioso di sinistra" che, a suo dire, caratterizza la Annunziata. Qualche mese fa ha fatto discutere anche l'abbandono di Clemente Mastella degli studi di AnnoZero, per una presunta "persecuzione" nei suoi confronti da parte di Santoro & Co.

Ma adesso, con il ritorno della campagna elettorale, pullulano abbandoni del genere. Ha iniziato Enrico Boselli, leader dei Socialisti, che ha abbandonato lo studio di Porta a Porta perchè a suo dire è antidemocratica una situazione in cui l'informazione si focalizza sui due maggiori candidati. Iniziativa immediamente replicata da Franco Turigliatto, leader della Sinistra Critica, sempre da Vespa, per la presenza del neofascista Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, un partito che a parere del Senatore Turigliatto non sarebbe dovuto essere ammesso alle elezioni perchè dichiaratamente fascista. Infine Pierferdinando Casini, leader dell'Unione di Centro, che ha abbandonato gli studi di Otto e Mezzo, la trasmissione ideata da Giuliano Ferrara, perchè non gli sarebbe stato concesso di discutere del suo programma.

Insomma, quante "sceneggiate" (forse ne ho anche saltata qualcuna). Un pessimo modo di fare politica, ovvero quello di cercare la "mossa ad effetto" anzichè discutere di contenuti. Anche perchè, se si ritiene di trovarsi in una situazione "scomoda", di essere "vittime" di "persecuzioni", la migliore arma è sempre dimostrare la propria verità. Rinunciando al confronto, si dà solo prova, nel migliore dei casi, di incapacità. Ma la cosa diventa ancora più grave quando si fanno queste sceneggiate a prori, come nel caso di Boselli e Turigliatto. Li si dimostra solo una cosa: quella di non avere argomenti alternativi al "duopolio" o all' "inciucio".
Sfoglia marzo        maggio
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca