.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Riciclaggio degli eletti
post pubblicato in Diario, il 9 ottobre 2009


                                                 

Della faccenda dello scioglimento del Comune di Fondi per infiltrazioni camorristiche vi ho già parlato più volte. Ebbene, è andata a finire che la Giunta è decaduta per dimissione dei consiglieri di maggioranza, che hanno deciso così di "farla finita", su richiesta del Sindaco e della Giunta sotto accusa.

Gesto nobile? Bè ... diciamo piuttosto gesto furbo. Ora, infatti, Fondi andrà a nuove elezioni subito, a Marzo, scampando così definitivamente il pericolo di uno scioglimento per camorra. Cosa che avrebbe comportato qualche anno di commissariamento, e quindi nel frattempo si sarebbero chiarite maggiormente le connivenze della Giunta con le mafie. Ma soprattutto avrebbe automaticamente impedito a consiglieri e assessori coinvolti di essere ricandidati alle elezioni.

Ora invece probabilmente si assisterà ad un vero e proprio "riciclaggio di eletti" che getta molte ombre sulla regolarità delle prossime elezioni e pericoli di inquinamento del voto da parte della camorra. Senza pensare che, in un Italia dove non ci si fa problemi a votare condannati per mafia e persone che tentano in tutti i modi di scampare alla legge, un eventuale voto favorevole al centrodestra (in una terra storicamente di destra) verrebbe fatto passare come un "salvacondotto" davanti al quale la Giunta non dovrebbe più giustificarsi di nulla. Speriamo bene.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Tutto regolare
post pubblicato in Diario, il 18 agosto 2009


                                             

Del "caso Fondi" avevo già parlato qualche tempo fa. La novità è che una decisione è stata finalmente presa: il Comune di Fondi non sarà sciolto per camorra. Nella tradizionale conferenza di Ferragosto sulla sicurezza interna, infatti, Berlusconi, ad una specifica domanda dell'inviato di Repubblica (ormai praticamente solo loro fanno vere domande), ha risposto che sarebbe stato "strano" intraprendere un gesto così "estremo" senza arresti in Giunta e Consiglio comunale. E che la faccenda non era in campo da diversi mesi, come sosteneva l'inviato di Repubblica, ma da "al massimo due mesi".

La prima palla è la durata della faccenda. La richiesta di scioglimento da parte del prefetto Frattasi risale allo scorso Settembre. Praticamente è passato un anno. Per quanto riguarda gli arresti, fra le decine di persone fermate c'è un ex assessore di Forza Italia, tale Izzi, dimessosi nel Febbraio 2008, da cui è partita tutta l'inchiesta. E nello stesso provvedimento che ha portato agli arresti c'è il nome dell'assessore e consigliere comunale Udc Stamegni, che si è dimesso. Inoltre, tra gli arresti compaiano una serie di personaggi fortemente legati alla Giunta comunale, compresi numerosi dirigenti come il capo ed il vice della Polizia Municipale, o come i dirigenti ai lavori pubblici e alle attività produttive. Ma soprattutto dalla relazione del prefetto Frattasi emerge palesemente un quadro di fortissima connivenza tra la malavita e la macchina comunale.

Inoltre questo tipo di richieste vengono recepite praticamente in maniera automatica. Invece il Governo si è lasciato prendere, diciamo così, da un spirito estremamente garantista. Peccato però che il Governo abbia nel frattempo sciolto per infilitrazioni mafiose i comuni di Villa Literno (Campania) e Rosarno (Calabria), citati nella stessa lettera con cui Frattasi ha chiesto a Maroni di sciogliere Fondi. Villa Literno è stata sciolta addirittura in dieci giorni. Guarda caso, i due comuni erano amministrati dal centrosinistra, mentre Fondi è un feudo pidiellino.

Poi uno pensa male ...

P.S. Ed il bello è che nella stessa conferenza hanno annunciato di aver finalmente avviato l'antimafia dei fatti e non delle "chiacchiere"! Figuratevi se si limitavano alle chiacchiere!

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia settembre        novembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca