.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Va tutto bene, madama la marchesa
post pubblicato in Diario, il 13 aprile 2009


                                             

Ennesima polemica su Annozero. Stavolta sotto il mirino è la puntata di Giovedì scorso sul terremoto in Abruzzo, giudicata da Fini "semplicemente indecente", da Berlusconi "non da tv pubblica", e similmente giudicata a ruota da numerosi esponenti del centrodestra, della Vigilanza, del Cda Rai, ecc. ecc

Ma cosa ha scatenato "l'ira funesta"? Semplice: che ad Annozero abbiano semplicemente fatto il loro dovere. Ovvero sottolineare le mancanze del sistema dei soccorsi e di aiuto alla popolazione colpita, le colpe della politica e dell'imprenditoria disonesta nel crollo delle abitazioni e degli edifici pubblici (persino quelli strategici come Ospedale e Prefettura), l'inascolto degli allarmi denunciati, i timori per la ricostruzione (visti i precedenti, uno su tutti l'Irpinia, dove ci fu un grande "magna magna" ai danni della popolazione, che dopo 30 anni in parte è ancora baraccata; ma anche i più recenti, come il terremoto di San Giuliano, dove sono arrivati fiumi di soldi, molte opere inutili, ma ancora non è completata la ricostruzione delle case). Senza tra l'altro dimenticare di sottolineare, come più volte fatto da Santoro stesso, che comunque l'opera di soccorso ai terremotati d'Abruzzo ha funzionato bene (ma doveva funzionare meglio).

Ma, evidentemente, per certi politici ed opinionisti in simili tragedie non si può parlar male di nessuno. Altrimenti si specula sui morti, si offende chi ha fatto un lavoro straordinario, bla bla bla ... Poco importa che 12 ore dopo il sisma alcuni paesi ancora non dovevano essere raggiunti non dico dagli aiuti, ma dai soccorsi stessi; poco importa che le prime notti moltissime famiglie non avessero ancora una tenda; poco importa che una settimana dopo manchino le stufe e vari generi di necessità in quasi tutte le tende. Siccome migliaia di volontari animati da spirito di servizio sono venuti da tutta Italia a prestare la loro opera straordinaria, siccome decine di eroi hanno consentito di salvare molte vite, siccome i soccorsi sono arrivati (abbastanza) presto, eccetera, bisogna dire che è andato tutto alla perfezione. E il primo che contesta qualcosa che è andato storto nell'organizzazione, o mette in evidenza le malefatte della politica e dei poteri forti nelle passate, presenti e probabilmente future gestioni dei terremoti, viene accusato di attaccare il lavoro dei volontari, capovolgendo la realtà dei fatti.

Va tutto bene, madama la marchesa, insomma. Mai disturbare chi comanda. E allora vai con gli "accertamenti", anche se non si capisce cosa debbano accertare: perchè, come ha detto la Bonino, "non capisco cosa si contesta: è una questione di tono? Perchè la libertà d'espressione ha un unico limite, quello della menzogna". E di menzogne, in quella trasmissione, non sono state dette. Semmai tante omissioni, ma altrove.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

Sfoglia marzo        maggio
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca