.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Sciopero "virtuale", proprio la parola giusta
post pubblicato in Diario, il 26 febbraio 2009


                                                      

Certo che il Governo non finisce mai di stupirci. Ieri il Ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, ha presentato le sue proposte sul cosiddetto "sciopero virtuale". Una nuova forma di sciopero, da applicare (per il momento) solo nel mondo dei trasporti, che dovrebbe coniugare il diritto dei lavoratori a far sentire la propria voce con il diritto dei cittadini ad usufruire dei servizi pubblici.

Certo, il problema c'è. Non c'è bisogno di andare molto in là con la mente per ricordarsi dell'immane sciopero dei TIR che avvenne durante il Governo Prodi, che paralizzò l'Italia intera. E certo chiunque di noi avrà avuto qualche esperienza di scioperi dei trasporti che ci hanno costretto a modificare i nostri progetti quotidiani. Ma la soluzione proposta dal Governo è davvero assurda e inaccettabile. Si mettono infatti tutta una serie di paletti al "diritto di sciopero", sancito dalla costituzione: i lavoratori dei trasporti non potranno più scioperare nel modo classico (cioè non andando a lavoro). Potranno sì proclamare lo sciopero, e pubblicizzarlo come vogliono, ma al lavoro dovranno andarci lo stesso. E, cosa più assurda, dovranno comunque rinunciare alla paga del giorno (!!!). Inoltre, lo sciopero potrà essere proclamato solo da sindacati che insieme raggiungano almeno il 50% di rappresentatività, e per proclamarlo bisognerà ottenere il sì da un referendum tra i lavoratori. Inoltre, ogni singolo lavoratore che vorrà aderire dovrà avvisare preventivamente.

Insomma, in pratica si vuole "ammazzare" il diritto di sciopero. Una dei pilastri di qualsiasi democrazia. Partendo dai trasporti, per poi allargare il discorso a tutti i settori. Che almeno lo dicessero chiaramente! Perchè non pensare ad un limite massimo di scioperi proclamabili nel corso dell'anno? Perchè non pensare ad allargare la quota di mezzi pubblici il cui serivizo è garantito? Perchè rendere obbligatoria questa forma di sciopero "virtuale", e non lasciarla come possibilità?

www.discutendo.ilcannocchiale.it




permalink | inviato da Francesco Zanfardino il 26/2/2009 alle 19:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio        marzo
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca