.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Liberi dal petrolio e dai suoi prezzi "pazzi"
post pubblicato in Diario, il 22 settembre 2008


                                                      

Oggi c'è stato un rialzo record del petrolio. Quasi 26 dollari in un solo giorno. Effetto di varie variabili economiche, ma fatto sta che in un solo giorno si è tornati ai livelli di qualche mese fa. Probabilmente poi scenderà, poi risalirà, in una spirale impazzita che ha una sola vittima: noi. Noi cittadini di un Paese schiavo del petrolio e dei suoi prezzi impazziti, pagandone gli effetti sia riguardo l'economia generale che quella domestica (benzina innanzitutto).

Dobbiamo dunque operare una svolta energetica, una lotta per l'indipendenza energetica. Attraverso due strade: il risparmio ed efficienza energetica, con lotta agli sprechi e efficienza nel sistema di trasporto dell'energia. Ma soprattutto attraverso l'utilizzo di nuove fonti di energia. Ora, il dibattito su quest'ultimo punto si è già avviato, con il proposito del Governo di avviare un "piano nucleare". Conoscete già la mia opinione sul nucleare, ma, al di là di ciò, al di là delle scelte che chiunque possa fare, penso che si debba tenere in mente una cosa: l'Italia è priva di qualsiasi fonte significativa di materia prima, tranne una: il Sole. Basarsi su qualsiasi altra materia prima, anche l'uranio, vorrebbe dire esserne schiavi.

Certo non possiamo fare affidamento solo sul solare. Ma, comunque, prima di spendere miliardi in progetti obsoleti e con tempistiche lunghe, stiamo attenti a tutte le alternative. E soprattutto teniamo in mente che investire nel solare vuol dire investire una volta per tutte, senza doverci tornare su come ora per il petrolio.

www.discutendo.ilcannocchiale.it




permalink | inviato da Francesco Zanfardino il 22/9/2008 alle 22:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto        ottobre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca