.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Basta con la follia dell'acqua in bottiglia
post pubblicato in Risparmio Ecologico, il 13 settembre 2008


                                                          

Settimo appuntamento con "Risparmio Ecologico", la nuova rubrica di "Discutendo" dedicata alle iniziative che consentono di conciliare ecologia ed economia, con benefici per l'ambiente e le nostre tasche. L'appuntamento di oggi è dedicato alle iniziative contro il caro-vita e alla diminuzione della produzione di rifiuti attraverso l'utilizzo dell'acqua di rubinetto al posto dell'acqua in bottiglia.

Fortunatamente, l'utilizzo quasi esclusivo dell'acqua di rubinetto è sempre più diffuso. Tuttavia, ancora l'89% delle famiglie Italiane ancora insistono con la "follia" dell'acqua in bottiglia, forse perchè non ancora correttamente ed esaurientemente informati sulla convenienza, sotto tutti gli aspetti, dell'acqua di rubinetto (non sto qui a tediarvi con le fonti, quindi per verificare i miei dati guardate questo articolo con tutti i link possibili e immaginabili). Innanzitutto, dal punto di vista economico: l'acqua in bottiglia costa mediamente 385 volte di più di quella di rubinetto (0.27€ contro 0.0007€ al litro). Poichè in Italia si consumano 11.2 miliardi di litri l'anno di acqua in bottiglia, ciò vuol dire che potremmo ottenere un risparmio complessivo di circa 3 miliardi di euro l'anno e 51 euro a testa l'anno (190 litri pro capite annui). Poi, sembra incredibile, ma l'acqua di rubinetto conviene anche dal punto di vista della sicurezza: infatti, la legge prevede che l'ASL faccia controlli  quindicinali o mensili per l'acqua in bottiglia, mentre prevede controlli quotidiani per l'acqua di rubinetto. E quindi, mi raccomando, non comperate costosi marchingegni per depurare l'acqua di rubinetto: questa è acqua sicurissima, molto più di quella in bottiglia! Passiamo poi al consumo di plastica: ogni anno milioni di bottiglie di plastica PET vengono consumate per questa "follia". E pensare che per produrre 1 kg di PET occorrono 2 litri di petrolio e 17 d'acqua, mentre la sua lavorazione produce 2.3 kg di andidride carbonica, 40 g di idrocarburi, 25 g di ossidi di zolfo e 18 g di monossido di carbonio. Il tutto per bottiglie che vanno a finire in prevalenza nelle discariche. Infine, l'inquinamento dell'acqua in bottiglia comprende anche i trasporti, prevalentemente su gomma: il che aggiunge altri gas serra in atmosfera. E, tra l'altro, molte acque prodotte in determinati stabilimenti vengono commercializzate a centinaia di KM di distanza, con l'altra follia del consumo di acque "estere" o comunque non locali.

Dopo tutto ciò, siete ancora convinti di utilizzare l'acqua in bottiglia? Se sì, allora servirebbe il solito (per "Risparmio Ecologico") "buon esempio dello Stato", che disincentivi, anche fiscalmente, il consumo di acqua in bottiglia, o perlomeno faccia qualche campagna di informazione in proposito.

www.discutendo.ilcannocchiale.it




permalink | inviato da Francesco Zanfardino il 13/9/2008 alle 18:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto        ottobre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca