.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Berlusconi: "Sempre prosciolto con formula amplissima" (intanto è rinviato a giudizio)
post pubblicato in Diario, il 18 gennaio 2008


              

Non abbiamo ancora finito con Mastella & Co, che ritorna Silvio Berlusconi. L'ex-premier, con un tempismo "perfetto" (per non dire "sospetto"), è stato rinviato a giudizio per il caso-Saccà. Al Cavaliere è contestato il reato di corruzione, poichè avrebbe favorito alcune attrici per alcune fiction, assicurando in cambio a Saccà (dirigente Rai) un sostegno alle sue future attività private; inoltre, nell'inchiesta rientrerebbe anche una presunta "campagna acquisti" dei senatori "indecisi" se continuare o no a sostenere il Governo. Il caso aveva fatto scalpore dopo la pubblicazione delle intercettazioni sul quotidiano "La Repubblica".

Comunque, siamo sicuri che il Cavaliere uscirà pulito dalla vicenda, se non altro perchè sara difficile contestargli un reato effettivo. Certo, la magistratura deve e farà sempre il suo dovere, ma non credo che succederà granchè. Berlusconi ci ha abituati a ben altro.

Infatti, nonostante il Cavaliere abbia recentemente dichiarato dalla sua villa ai Caraibi, dove soggiornava per le vacanze natalizie, che è sempre stato "prosciolto con formula amplissima" (che ci volete fare, con l'età la memoria fa brutti scherzi), le vicende giudiziarie che hanno colpito Berlusconi sono numerosissime, una parte risalenti anche prima alla sua discesa in politica. E non sempre Berlusconi è stato prosciolto. Certo, non è mai andato in carcere, e i motivi li sapete tutti..... comunque, casomai qualcuno non fosse informato, vi rinfresco la memoria:

Loggia P2: nel lontano 1990 (ben 4 anni prima che scendesse in politica), la Corte d’appello di Venezia ritenne falsa la testimonianza sulla sua iscrizione alla loggia P2, ma dichiarò il suo reato coperto dall’amnistia del 1989 (varata dal suo amico Bettino Craxi).

All Iberian-1: condanna in primo grado a 2 anni e 4 mesi per i 23 miliardi di lire di finanziamento illecito versati su un conto svizzero di Bettino Craxi; prescrizione in appello (attenuanti generiche), confermata in Cassazione.

All Iberian-2: per i falsi in bilancio relativi a 1200 miliardi di fondi neri su conti esteri, assoluzione “perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato”, nel senso che lo stesso imputato Berlusconi l’ha depenalizzato per legge.

Medusa Cinema: condanna in primo grado a 1 anno e 4 mesi per 10 miliardi di fondi nero accantonati, nell’ambito della compravendita della casa cinematografica, su alcuni libretti al portatore del Cavaliere; il quale però, in appello, viene assolto con formula dubitativa (art. 530 comma 2) perché è così ricco che potrebbe essersi non accorto del versamento da parte del manager Carlo Bernasconi (condannato).

Terreni di Macherio: assoluzione in primo grado dall’appropriazione indebita e della frode fiscale (4,4, miliardi di lire pagati in nero all’ex proprietario dei terreni che circondano Villa Belvedere dove vive Veronica con i figli di secondo letto) e prescrizione dei falsi in bilancio di due società immobiliari; in appello sentenza confermata e assoluzione anche da uno dei due falsi in bilancio, mentre il secondo rimane, ma è coperto da amnistia.

Caso Lentini: per i 10 miliardi di lire versati in nero dal Milano al Torino in cambio dell’acquisto del calciatore Gianluigi Lentini, il reato di falso in bilancio viene dichiarato prescritto grazie alle attenuanti generiche e alla riduzione dei termini di prescrizione prevista dalla riforma del reato voluta dal Governo Berlusconi.

Bilanci Fininvest 1988.1992: archiviazione per prescrizione dei reati di falso in bilancio e appropriazione indebita nell’acquisto di diritti televisivi da parte di alcune società offshore del gruppo Fininvest, sempre a causa delle attenuanti generiche e dei termini abbreviati dalla legge Berlusconi.

Consolidato Fininvest: ancora prescrizione, grazie alla generiche e ai nuovi termini della Legge Berlusconi, anche per il processo relativo ai falsi in bilancio su 1500 miliardi di fondi neri accantonati su 64 società offshore del comparto B della Fininvest.

(grazie a Pierpaolo Farina per le informazioni)

E queste sono solo le condanne prescritte, grazie alle norme stabilite dallo stesso Governo Berlusconi, e le assoluzioni "perchè il fatto non è piu reato" (perlopiù falsi in bilancio), essendo stato lo stesso Governo Berlusconi a depenalizzare questi reati.
Ci sono anche altre indagini su mafia e riciclaggio di denaro sporco, tra cui un possibile concorso nella strage di Capaci (famoso il video, che circola anche su YouTube, in cui Borsellino parla di legami fra Berlusconi e Cosa Nostra), archiviate per decorrenza dei termini di indagine.
Per non parlare di Previti e Dell'Utri.

Insomma, un bel curriculum. E nonostante questo ieri i leader del centrodestra parlano ancora di "accanimento", "giustizia ad orologeria", "magistrati politicizzati": questo vittimismo avrebbe un senso se Berlusconi avesse dimostrato di essere pulito. Peccato non sia così.
Quindi quelli della sinistra, che certo non sono "immacolati", hanno comunque tutto il diritto di continuare ad attaccare Berlusconi senza correre il rischio di essere ipocriti, tanto ce ne vuole per pareggiare un simile curriculum.
Poi, può pure essere che domani si scopre che Prodi e Veltroni indagati per corruzione, riciclaggio di denaro sporco, collusione con la mafia, falsi in bilancio e quant'altro. Ormai non si è più sicuri di niente.

Sfoglia dicembre        febbraio
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca